Miembro desde Jan '17

Idiomas de trabajo:
inglés a italiano
español a italiano

Wanda Salatino
EU translator

Rome, Lazio, Italia
Hora local: 17:57 CET (GMT+1)

Idioma materno: italiano (Variants: Standard-Italy, Swiss ) Native in italiano
  • PayPal accepted
  • Send message through ProZ.com
Feedback from
clients and colleagues

on Willingness to Work Again info
4 positive reviews
(1 unidentified)

1 rating (5.00 avg. rating)

 Your feedback
This person has translated 3,380 words for Translators without Borders
What Wanda Salatino is working on
info
Feb 19, 2019 (posted via ProZ.com):  New Rules of Engagement Survey | English > Italian | 2000 words ...more, + 3 other entries »
Total word count: 0

Tipo de cuenta Traductor o intérprete autónomo, Identity Verified Miembro con identidad verificada
Data security Created by Evelio Clavel-Rosales This person has a SecurePRO™ card. Because this person is not a ProZ.com Plus subscriber, to view his or her SecurePRO™ card you must be a ProZ.com Business member or Plus subscriber.
Afiliaciones This person is not affiliated with any business or Blue Board record at ProZ.com.
Servicios Translation, MT post-editing, Editing/proofreading, Subtitling, Transcription, Software localization
Especialización
Se especializa en
Medicina (general)Mecánica / Ing. mecánica
TI (Tecnología de la información)SAP
Electrónica / Ing. elect.Energía / Producción energética
Ingeniería: industrialMedioambiente y ecología
SeguridadDerecho: (general)

Volunteer translations

Volunteer professional humanitarian translation services-

Translators without Borders

Words translated: 3,380
Tarifas
inglés a italiano - Tarifas: 0.05 - 0.07 EUR por palabra / 15 - 30 EUR por hora
español a italiano - Tarifas: 0.05 - 0.07 EUR por palabra / 20 - 30 EUR por hora
Payment methods accepted PayPal, Transferencia electrónica | Send a payment via ProZ*Pay
Muestrario Muestras de traducción: 4
inglés a italiano: Surgical manual
General field: Medicina
Detailed field: Medicina: Instrumentos
Texto de origen - inglés
Source segment
"" on page
""
"" on page
""
on page
"" on page
""
page
Contents
PiezoImplant System
Image needs update
Surgical Manual
Minimally Invasive Technology Simplifying Narrow Ridge Treatment
Surgical Manual instructions for use
Caution:
Federal law restricts this device to sale only by or on the order of a licensed dentist or physician.
Caution:
Federal law restricts this device to sale only by or on the order of a licensed dentist or physician.
General Information and Intended Use
The PiezoImplant System consists of endosseous dental implants, surgical instruments and restorative components in a variety of dimensions to accommodate differing patient anatomy.
The REX TL endosseous implants are blade-form having a wedge shape and an apical surface treated with resorbable blast media (grit-blasted and acid passivated).
These are offered in buccolingual thicknesses of 1.8mm and 2.9mm having lengths which range from 9mm to 15mm.
Cover Screws provide protection to the threads of the abutment connection during the tissue healing process.
Retention screws fasten the implant and abutment.
A variety of PiezoImplant abutments are offered including Straight, Angled, UCLA, Healing, Cylinder, and Multi-unit.
Restorations can be screw and/or cement-retained to the abutments.
Laboratory analogs, impression transfers, and pins facilitate creation of the prosthetic restoration.
Associated surgical instrumentation includes Piezosurgery® Handpiece inserts for site preparation and the REX IPD with attachments for implantation.
A torque of 15 Ncm is recommended for Cover Screws, coping screws, and healing abutments.
A torque of 25 Ncm is recommended for retention screws and all other abutments.
The PiezoImplant REX TL implants are provided preassembled to an impression transfer that may also function as a straight abutment via a retention screw to facilitate implantation.
Cover Screws are pre-packaged with each preassembled implant.
Both the assembled implant and the Cover Screws are provided sterile.
The PiezoImplant System surgical instruments and restorative components are provided in a non-sterile condition and must be sterilized prior to use.
The PiezoImplant System implants, abutments, fit gauge, laboratory analogs, impression pins, copings, coping screws, Cover Screws, and retention screws are manufactured from titanium alloy (Ti-6Al-4V ELI) per ASTM F136.
UCLA abutments and castable copings are manufactured from polymethylmethacrylate (PMMA).
Insert-specific fit gauges are manufactured from stainless steel.
The use of restorative components manufactured by Rex Implants is strongly recommended.
The implant platform of the REX TL 1.8 implant series is similar to the 4.1mm diameter (4.1 mmD) external hex implant platform of the Biomet 3iTM Implant System.
If abutments from other manufacturers are used with the implants in the REX TL 1.8 series, the angulation must not be greater than 15°, and a Retention Screw TL 1.8 manufactured by Rex Implants must be used to secure the abutment to the implant.
The implant platform of the REX TL 2.9 implant series is similar to the 3.5mm diameter (3.5mmD) internal hex implant platform of the Zimmer Dental Screw-Vent® System.
If abutments from other manufacturers are used with implants in the REX TL 2.9 series, the angulation must be no greater than 30°.
Indications for Use
The PiezoImplant System is intended for use in dental implant applications for oral rehabilitation of edentulous and partially dentate patients in the maxilla and mandible.
Implant retained restorations may consist of single crowns or bridges as well as complete or partial dentures.
The prosthetic components are connected to the implants by the corresponding abutments.
The PiezoImplant System is intended for delayed loading.
Contraindications
Do not use the Rex PiezoImplant System in presence of following:
• Patients who suffer from any medical conditions that make surgery inadvisable or may be otherwise deemed to be a contraindication by the treating dental practitioner.
Such conditions may include and not be limited to: heart disease, diabetes, cirrhosis, HIV positivity, puberty, pregnancy or breastfeeding, radiotherapy, chemotherapy, immunosuppressant therapy, parafunctional therapy, and
psychiatric disorder;
• Bone metabolism disturbances,
• Uncontrolled bleeding disorders,
• Inadequate wound healing capacity,
• Uncompleted growth of the maxilla or mandible,
• Drug or alcohol abuse,
• Xerostomia,
• Weakened immune system,
• Uncontrollable endocrine disorders,
• Steroid use,
• Titanium allergy,
• An insufficient quantity of bone volume (height and width) at the implant site,
• Untreated periodontal diseases (loosening of the teeth),
• Untreated severe grinding or clenching of the teeth,
• Infections at the operative site or in the neighboring teeth (pockets, cysts, granulomas), including major sinusitis, or
• Poor hygiene of the mouth and teeth and low compliance (uncooperative or unmotivated).
Relative Contraindications
Caution should be exercised in the presence of the following:
• Exposure to long-term use of opioids or bisphosphonate drugs,
• Previously irradiated bone,
• Diabetes Mellitus,
• Anticoagulation drugs,
• Hemorrhagic diatheses,
• Unfavorable anatomic bone conditions,
• Temporomandibular joint disorders,
• Tobacco use, including moderate to heavy smoking, or
• An unbalanced relationship between the upper and lower teeth.
Warnings and Precautions
• Rex PiezoImplants are single-use products, provided in a triple bag, placed in a carton box and sterilized by gamma irradiation.
• A careful biomechanical study must be performed by the surgeon and restorative dentist to determine the optimal oral restoration for each patient.
• The safe and effective use of Rex PiezoImplants and associated surgical and prosthetic accessories may be achieved only if qualified surgeons trained in the procedure perform the implant treatment.
• A one hundred percent implant success rate cannot be guaranteed.
• The safe and effective use of Rex PiezoImplants, associated surgical instruments, and restorative components is guaranteed only if devices are used as supplied per the instructions provided by Rex Implants and used by properly trained professionals.
Modifications to the implants and surgical instruments may result in serious injury or death.
Restorative devices may only be modified as directed.
• The surgical and prosthetic procedures required for the appropriate use of these devices are highly specialized and complex.
It is essential that the surgical procedure minimizes trauma due to bone overheating and damage to adjacent tissues during the piezoelectric osteotomy.
• Take the following into account when placing a Rex PiezoImplant:
1) the incorrect use or handling of small parts in the patient’s oral cavity may lead to inhaling and/or swallowing; and 2) forcing the implant deeper than specifications may lead to expanding or fracturing the implant site bony walls, which could prevent the implant from being secured effectively.
• Techniques required to place and restore dental implants are high complex, requiring specialized knowledge.
Practitioners must be trained in implantology techniques before using the PiezoImplant System.
Improper surgical technique including a preoperative study that does not properly evaluate the bone volume and the bone quality of the alveolar crest may lead to bone loss and/or implant failure.
The clinician should also possess a working knowledge of piezoelectric bone cutting techniques as well as the insertion techniques of press-fit implants.
• Poor surgical planning including failure to reconcile the actual dimensions of surgical instruments to the sizes in radiographic measurements may result in drilling beyond the intended depth.
This may result in permanent tissue damage that could result in hemorrhage and/or permanent facial numbness.
• Do not use PiezoImplants in patients if the adequate implant position, sizes, or numbers needed to support functional and eventually parafunctional loading cannot be achieved.
• Primary implant stability is achieved by lightly tapping with the Rex Implant Placement Device (REX IPD) without damaging the bone walls at the surgical site.
Primary stability is essential to ensure adequate secondary stability, which is necessary for the long-term success of the implant treatment.
• In the event of implant mobility upon insertion or incorrect implant placement, the implant should be removed.
Secure the appropriate Rex Remover Carrier to the implant (Remover Carrier TL 1.8 for the REX TL 1.8 implant series and Remover Carrier TL 2.9 for the REX TL 2.9 implant series).
Rex PiezoImplant removal is performed using the REX IPD.
The REX IPD is prepared for use by following the instructions in the REX IPD Use and Maintenance Manual.
The REX IPD Removal attachment must be secured to the handpiece with the Wrench (do not over-tighten).
The Removal action is initiated by selecting the Removal action (↑) on the REX IPD console, setting the force intensity level to 1, and then pressing the Pulse button on the REX IPD console or depressing the REX IPD foot pedal.
To remove the implant from the osteotomy, fully engage the Remover Carrier with the REX IPD Remover attachment and initiate the Removal action.
During explantation, the REX IPD Remover axis must be parallel with the longitudinal implant axis.
If the implant does not move when the Removal action is initiated, incrementally increase the REX IPD force intensity level.
Repeat as necessary until the implant is fully removed from the bone.
Implant treatment should be repeated only after bone has healed following implant removal.
Do not reuse implant and check the Remover Carrier for damage.
Do not reuse the Remover Carrier if damage is observed.
In cases with a large amount of bone-implant press-fit, the implant may need to be loosened with a piezoelectric cutting device before removal.
• Rex PiezoImplants may be restored only upon completion of the healing process.
The REX TL 1.8 system may not be restored until after at least 3 months of healing in high density bone and 6 months in low density bone.
The REX TL 2.9 system may not be restored until after at least 4 months of healing in high density bone and 6 months in low density bone.
• Implants placed in the maxilla should not perforate the sinus floor membrane
• During the post-operative healing period, it is critical to protect the implant from trauma and promote osseointegration by ensuring adequate clearance between the implant restoration and antagonist teeth, fixed prosthetic bridge elements or removable prosthetic elements.
• Providing instructions to the patient is essential to ensure success of the implant treatment.
The patient must be made aware of the limitations of the implant, importance of oral hygiene and avoidance of contraindications, and potential risk of adverse effects resulting from implant surgery.
During the healing period a soft diet must also be prescribed.
Patients must be informed to consult a physician if any changes in the performance of the PiezoImplant occurs including bone resorption, loosening, and/or fracture.
• The occlusal load on any Rex PiezoImplant should be similar to that of conventional implants, therefore traumatic and/or parafunctional contacts in the centric relation, right and left laterality, and protrusion must to be avoided.
• The REX TL 1.8 PiezoImplant cannot support a single crown in the molar region even after osseointegration is completed, but can support a single crown if placed elsewhere.
• The REX TL 2.9 PiezoImplant can support a single crown once the osseointegration is completed.
If the REX TL 2.9 PiezoImplant is placed in the molar region, a single crown may only be supported in the presence of normal masticatory function.
• If placing more than one REX TL 1.8 or REX TL 2.9 implant in an edentulous area, Rex Implants recommends creating a splint that secures the posts to each other.
• If placing a REX TL 2.9 implant in the mandible, the crestal cortex thickness must be reduced to no more than 2mm.
• If abutments from other manufacturers are used with the implants in the REX TL 1.8 series, the angulation must not be greater than 15°, and a Retention Screw TL 1.8 manufactured by Rex Implants must be used to secure the abutment to the implant.
• If abutments from other manufacturers are used with implants in the REX TL 2.9 series, the angulation must be no greater than 30°.
• After implant placement, if more than 40% of a REX TL PiezoImplant surface is exposed (i.e. not surrounded by bone), the implant should be removed from the patient.
Potential adverse events
Potential adverse events must be communicated to the patient prior to surgery.
Potential adverse events related to the use of dental implants may include: integration failure; integration reduction; wound dehiscence requiring bone graft; jaw bone fracture; the perforation of the following: maxillary sinus, inferior border of the mandible, labial and lingual bone walls, alveolar canal, and gingiva; abscesses, fistulas, suppuration, inflammation, radiotransparency, persistent pain, sensitivity reduction, paresthesia, hyperplasia, excessive bone reduction requiring surgery, implant fracture, systemic infections, nerve lesions or other nerve damage, and vascular lesions or hemorrhaging, which at times may be serious especially in patients undergoing treatment with anticoagulants and/or antiaggregants.
Failure to comply with the instructions contained in this document, including reuse of products marked as single-use, may cause harm to the patient, including risk of serious injury or death.
How supplied
The REX TL PiezoImplants are provided preassembled to a transfer, which may also function as a straight abutment, via a retention screw to facilitate implantation.
Cover Screws are pre-packaged with each preassembled implant.
The implant assembly and included Cover Screw are provided sterile and should be handled in a safe manner.
All sterile products are labeled “STERILE.”
Do not use the sterile products if the package is damaged or already opened.
Do not use the sterile products if the expiration date on the label has passed.
Do not clean, re-sterilize or reuse any sterile product.
Due to the complex surface characteristics of the PiezoImplants, only gamma radiation has been demonstrated to effectively sterilize these devices.
The REX TL PiezoImplants should be stored in a clean, dry, dust-free, dark place at room temperature.
The PiezoImplant System restorative components, surgical tray, and surgical instruments are provided non-sterile and must be sterilized prior to use per the instructions provided below.
Piezosurgery® inserts, the REX IPD, and REX IPD accessories are also provided non-sterile and must be cleaned and sterilized per the instructions for use provided with the device.
All dental abutments and restorative devices are indicated as single use.
Cleaning/Reprocessing
The devices in the PiezoImplant System provided non-sterile must be thoroughly cleaned before initial use.
Reusable devices must be cleaned between uses.
While it is recommended that the following validated steps are included in a reprocessing protocol, the end-user bears the ultimate responsibility for the cleanliness of the device.
These instructions are not intended for implants or devices not manufactured by Rex Implants.
Manual Cleaning/Disinfecting Reprocessing Method
1.
Rinse device in cold, potable tap water (< 43°C;
Traducción - italiano
Target segment
"" a pagina
""
"" a pagina
""
a pagina
"" a pagina
""
pagina
Indice dei contenuti
Sistema PiezoImplant
L’immagine deve essere aggiornata
Manuale chirurgico
Tecnologia mini-invasiva che semplifica il trattamento delle creste sottili
Manuale chirurgico, istruzioni per l’uso
Attenzione:
Le leggi federali degli Stati Uniti limitano la vendita di questo dispositivo esclusivamente ai medici o dentisti o dietro loro prescrizione.
Attenzione:
Le leggi federali degli Stati Uniti limitano la vendita di questo dispositivo esclusivamente ai medici o dentisti o dietro loro prescrizione.
Informazioni generali e destinazione d’uso
Il sistema PiezoImplant è costituito da impianti dentali endossei, strumenti chirurgici e componenti protesiche di varie dimensioni per adattarsi alle diverse anatomie dei pazienti.
Gli impianti endossei REX TL sono del tipo a lama, cuneiformi con superficie apicale trattata con mezzi abrasivi riassorbibili (sabbiati e passivati in acido)
Vengono offerti in spessori vestibolo-linguari di 1,8 mm e 2,9 mm con lunghezze che variano da 9 mm a 15 mm.
Le viti di copertura proteggono le filettature del collegamento moncone durante processo di guarigione dei tessuti.
Le viti di ritenzione fissano l’impianto al moncone.
Esistono una varietà di monconi PiezoImplant tra cui: dritto, angolato, calcinabile, di guarigione, cilindrico e multi-unit.
Le protesi possono essere cementate o avvitate ai monconi.
Analoghi da laboratorio, transfer da impronta e apposite viti facilitano la creazione del restauro protesico.
La strumentazione chirurgica associata include gli inserti per manipolo Piezosurgery® per la preparazione del sito e l’IPD REX con attacchi per l’impianto.
Per le viti di copertura, le viti per cappette e i monconi di guarigione si consiglia un serraggio di 15 Ncm.
Per le viti di ritenzione e per tutti gli altri monconi si consiglia un serraggio di 25 Ncm.
Gli impianti TL REX PiezoImplant vengono forniti preassemblati a un transfer da impronta che può anche fungere da moncone dritto mediante vite di ritenzione per facilitare l’impianto.
Le viti di copertura sono preconfezionate con ogni impianto preassemblato.
Tanto l’impianto preassemblato quanto le viti di copertura vengono forniti sterili.
Gli strumenti chirurgici e le componenti protesiche del sistema PiezoImplant vengono forniti non sterili e pertanto devono essere sterilizzati prima dell’uso.
Gli impianti, i monconi, i fac simili implantari, gli analoghi da laboratorio, le viti per transfer da impronta, le cappette, le viti per cappette, le viti di copertura e le viti di ritenzione sono fabbricati in lega di titanio (Ti-6Al-4V ELI) come da ASTM F136.
I monconi e le cappette calcinabili sono fabbricati in polimetilmetacrilato (PMMA).
I fac simili implantari specifici dell’inserto sono fabbricati in acciaio inossidabile.
Si consiglia vivamente di utilizzare componenti protesiche fabbricate da Rex Implants.
La piattaforma di impianto della serie REX TL 1.8 è simile alla piattaforma di impianto con esagono esterno da 4,1 mm di diametro (4,1 mmD) del sistema di impianto Biomet 3iTM.
Se si utilizzano monconi di altri produttori con gli impianti della serie REX TL 1.8, l’angolazione non deve essere superiore a 15°; occorre inoltre utilizzare una vite di ritenzione TL 1.8 fabbricata da Rex Implants per fissare il moncone all’impianto.
La piattaforma di impianto della serie REX TL 2.9 è simile alla piattaforma di impianto con esagono interno da 3,5mm di diametro (3,5 mmD) del sistema Zimmer Dental Screw-Vent®.
Se si utilizzano monconi di altri produttori con gli impianti della serie REX TL 2.9, l’angolazione non deve essere superiore a 30°.
Indicazioni per l'uso
Il sistema PiezoImplant è destinato all’uso per le applicazioni di di implantologia dentale per la riabilitazione orale di pazienti parzialmente o completamente edentuli nella mascella e nella mandibola.
I restauri implantoprotesici possono essere costituiti da corone o ponti singoli e da protesi totali o parziali.
Le componenti protesiche vengono collegate agli impianti mediante i relativi monconi.
Il sistema PiezoImplant è progettato per il carico ritardato.
Controindicazioni
Non utilizzare il sistema Rex PiezoImplant in caso di:
• Pazienti che soffrono di condizioni mediche che rendono sconsigliabile l'intervento chirurgico o che possono essere in altro modo considerate una controindicazione dal dentista curante.
Tali condizioni possono includere, a titolo non esaustivo: malattie cardiache, diabete, cirrosi, positività all'HIV, pubertà, gravidanza o allattamento, radioterapia, chemioterapia, terapia immunosoppressiva, terapia parafunzionale e
disturbi psichiatrici;
• Disturbi del metabolismo osseo,
• Emorragie incontrollate,
• Insufficiente capacità di cicatrizzazione,
• Crescita incompleta della mascella o della mandibola,
• Abuso di droghe o di alcol,
• Xerostomia,
• Sistema immunitario indebolito,
• Disturbi endocrini incontrollabili,
• Uso di steroidi,
• Allergia al titanio,
• Quantità insufficiente di volume osseo (altezza e larghezza) nel sito dell’impianto,
• Malattie parodontali non trattate (mobilità dei denti),
• Digrignamento o serraggio dei denti grave non trattato,
• Infezioni nel sito operatorio o nei denti attigui (tasche, cisti, granulomi), comprese le sinusiti maggiori, o
• Scarsa igiene della bocca e dei denti e scarsa conformità (mancanza di collaborazione o motivazione).
Controindicazioni relative
Prestare particolare attenzione in caso di:
• Esposizione all'uso a lungo termine di oppiacei o bifosfonati,
• Osso precedentemente irradiato,
• Diabete mellito,
• Uso di farmaci anticoagulanti,
• Diatesi emorragica,
• Condizioni anatomiche dell'osso sfavorevoli,
• Disturbi all'articolazione temporomandibolare,
• Uso di tabacco, da moderato a pesante, o
• Rapporto sbilanciato tra i denti superiori e quelli inferiori.
Avvertenze e precauzioni
• I prodotti Rex PiezoImplant sono monouso e vengono forniti in tripla busta, posta in una scatola di cartone e sterilizzati con raggi gamma.
• Un attento studio biomeccanico deve essere eseguito dal chirurgo e dal protesista per determinare la protesi dentale ottimale per ogni paziente.
• L'uso sicuro ed efficace di Rex PiezoImplant e dei relativi accessori chirurgici e protesici può essere garantito solo se il trattamento implantare viene eseguito da chirurghi qualificati e specializzati nella procedura.
• Non è possibile garantire un tasso di successo dell’impianto del cento per cento.
• L'uso sicuro ed efficace di Rex PiezoImplant, dei relativi strumenti chirurgici e delle componenti protesiche è garantito solo se i dispositivi vengono utilizzati così come forniti e secondo le istruzioni fornite da Rex Implants, da professionisti adeguatamente formati.
Eventuali modifiche agli impianti e agli strumenti chirurgici possono provocare lesioni gravi o morte.
I dispositivi restaurativi possono essere modificati solo in base alle istruzioni.
• Le procedure chirurgiche e protesiche necessarie per il corretto uso di questi dispositivi sono estremamente specializzate e complesse.
È fondamentale che la procedura chirurgica riduca al minimo i traumi dovuti al surriscaldamento osseo e il danno ai tessuti adiacenti durante l’osteotomia piezoelettrica.
• Durante il posizionamento di Rex PiezoImplant, tenere in considerazione quanto segue:
1) l'uso o la manipolazione scorretta di piccole parti nel cavo orale del paziente può portare a inalazione e/o inghiottimento; e 2) forzare l'impianto più in profondità delle specifiche può portare a espansione o frattura delle pareti ossee del sito implantare, con conseguente eventuale impossibilità di fissare l'impianto in modo efficace.
• Le tecniche necessarie per posizionare e restaurare impianti dentali sono estremamente complesse e richiedono conoscenze specialistiche.
Prima di utilizzare il sistema PiezoImplant, è necessario che i medici professionisti ricevano una formazione specifica in tecniche di implantologia.
Tecniche chirurgiche improprie, inclusi studi preoperatori che non valutino correttamente il volume e la qualità ossei della cresta alveolare, possono portare alla perdita ossea e/o al fallimento implantare.
Il medico deve inoltre possedere una conoscenza pratica delle tecniche di taglio piezoelettrico dell'osso e delle tecniche di inserimento di impianti a pressione.
• Una pianificazione chirurgica inadeguata, compresa la mancata riconciliazione delle dimensioni effettive degli strumenti chirurgici con quelle delle misure radiografiche, può portare a perforazioni oltre la profondità prevista.
Ciò può provocare danni permanenti ai tessuti con conseguente emorragia e/o intorpidimento facciale permanente.
• Non utilizzare PiezoImplant se non è possibile ottenere la posizione, le dimensioni o il numero di impianti adeguati necessari per sostenere il carico funzionale ed eventualmente parafunzionale del paziente.
• La stabilità primaria dell'impianto si ottiene battendo leggermente con l’Implant Placement Device REX (IPD REX - dispositivo Rex per il posizionamento dell'impianto) senza danneggiare le pareti ossee del sito chirurgico.
La stabilità primaria è fondamentale per assicurare un’idonea stabilità secondaria, necessaria per la riuscita a lungo termine del trattamento implantare.
• In caso di mobilità implantare in fase di inserimento o di posizionamento implantare scorretto, rimuovere l’impianto.
Fissare l’idoneo supporto per la rimozione Rex all’impianto (supporto di rimozione TL 1.8 per gli impianti della serie REX TL 1.8 e supporto di rimozione TL 2.9 per gli impianti della serie REX TL 2.9).
La rimozione di Rex PiezoImplant avviene mediante utilizzo dell’IPD REX.
L’IPD REX viene preparato per l'uso seguendo le istruzioni riportate nel relativo Manuale d'uso e manutenzione.
Fissare l’attacco per la rimozione dell’IPD REX al manipolo con una chiave (non serrare eccessivamente).
L'azione di rimozione viene avviata selezionando sulla console dell’IPD REX l’azione di rimozione (↑), impostando l’intensità della forza su 1 e premendo il tasto pulsazione sulla console dell’IPD REX o agendo sul pedale dell’IPD REX.
Per rimuovere l’impianto dall’osteotomia, innestare completamente il supporto per la rimozione con il relativo attacco dell’IPD REX e avviare l’azione di rimozione.
Durante l’espianto, l’asse del supporto di rimozione collegato all’IPD REX deve essere parallelo all’asse longitudinale dell’impianto.
Se una volta avviata l'azione di rimozione l’impianto non si muove, aumentare gradualmente il livello di intensità della forza dell’IPD REX.
Ripetere a seconda della necessità fino alla completa rimozione dell’impianto dall’osso.
Ripetere il trattamento implantare solo dopo la completa guarigione dell’osso successiva alla rimozione dell’impianto.
Non riutilizzare l’impianto e controllare che il supporto per la rimozione non si sia danneggiato.
Altrimenti, non riutilizzare il supporto per la rimozione.
In caso di grande quantità di ancoraggi impianto-osso a pressione, l’impianto deve essere allentato con uno strumento di taglio piezoelettrico prima della rimozione.
• È possibile ripristinare i Rex PiezoImplant solo una volta concluso il processo di guarigione.
È possibile ripristinare il sistema REX TL 1.8 solo dopo almeno 3 mesi dalla guarigione in osso ad alta densità e 6 mesi in osso a bassa densità.
È possibile ripristinare il sistema REX TL 2.9 solo dopo almeno 4 mesi dalla guarigione in osso ad alta densità e 6 mesi in osso a bassa densità.
• Gli impianti inseriti nella mascella non devono perforare la membrana del pavimento sinusale.
• Durante il periodo di guarigione post-operatoria, è fondamentale proteggere l'impianto dai traumi e promuovere l'osteointegrazione, garantendo un'adeguata distanza tra il restauro implantare e i denti antagonisti, gli elementi del ponte protesico fisso o gli elementi protesici rimovibili.
• È fondamentale fornire istruzioni al paziente per garantire la buona riuscita del trattamento implantare.
Il paziente deve essere consapevole dei limiti dell'impianto, dell'importanza dell'igiene orale e della necessità di evitare controindicazioni, nonché del potenziale rischio di effetti avversi derivanti dalla chirurgia implantare.
Durante il periodo di guarigione deve inoltre essere prescritta una dieta a base di alimenti morbidi.
Informare i pazienti della necessità di consultare un medico in caso di cambiamenti nelle prestazioni dell'impianto PiezoImplant, compresi riassorbimento osseo, mobilizzazione e/o frattura.
• Il carico occlusale degli impianti Rex PiezoImplant deve essere simile a quello degli impianti convenzionali, pertanto è necessario evitare contatti traumatici e/o parafunzionali nella relazione centrica, nella lateralità destra e sinistra e nella protrusione.
• REX TL 1.8 PiezoImplant non può sostenere una singola corona nella regione molare anche dopo il completamento dell'osteointegrazione, può invece sostenerla se posizionata altrove.
• REX TL 2.9 PiezoImplant può sostenere una singola corona una volta completata l’osteointegrazione.
Se il posizionamento di REX TL 2.9 PiezoImplant avviene nella regione molare, è possibile sostenere una singola corona solo in presenza di una normale funzione masticatoria.
• Se si posiziona più di un impianto REX TL 1.8 o REX TL 2.9 in un'area edentula, Rex Implants consiglia di creare una stecca che fissi i perni monconi l'uno all'altro.
• Se si posiziona un impianto REX TL 2.9 nella mandibola, lo spessore della corteccia crestale deve essere ridotta a non più di 2 mm.
• Se si utilizzano monconi di altri produttori con gli impianti della serie REX TL 1.8, l’angolazione non deve essere superiore a 15°; occorre inoltre utilizzare una vite di ritenzione TL 1.8 fabbricata da Rex Implants per fissare il moncone all’impianto.
• Se si utilizzano monconi di altri produttori con gli impianti della serie REX TL 2.9, l’angolazione non deve essere superiore a 30°.
• Dopo il posizionamento dell'impianto, se più del 40% della superficie del REX TL PiezoImplant è esposto (cioè non circondato da osso), è necessario procedere alla rimozione.
Potenziali eventi avversi
Comunicare al paziente i potenziali eventi avversi prima dell'intervento chirurgico.
I potenziali eventi avversi legati all'uso di impianti dentali possono includere: mancata integrazione; riduzione dell'integrazione; deiscenza della ferita che richiede l'innesto osseo; frattura dell'osso mascellare; perforazione di: seno mascellare, bordo inferiore della mandibola, pareti ossee labiali e linguali, canale alveolare e gengiva; ascessi, fistole, suppurazione, infiammazione, radiotrasparenza, dolore persistente, riduzione della sensibilità, parestesia, iperplasia, eccessiva riduzione ossea che richiede un intervento chirurgico, frattura dell'impianto, infezioni sistemiche, lesioni nervose o altri danni ai nervi e lesioni vascolari o emorragie, che a volte possono essere gravi soprattutto nei pazienti in trattamento con anticoagulanti e/o antiaggreganti.
La mancata osservanza delle istruzioni contenute nel presente documento, incluso il riutilizzo di prodotti contrassegnati come monouso, può causare danni al paziente, incluso il rischio di lesioni gravi o morte.
Fornitura
Gli impianti TL REX PiezoImplant vengono forniti preassemblati a un transfer che può anche fungere da moncone dritto mediante vite di ritenzione per facilitare l’impianto.
Le viti di copertura sono preconfezionate con ogni impianto preassemblato.
Il gruppo implantare e la vite di copertura inclusa sono forniti sterili e devono essere maneggiati in modo sicuro.
Tutti i prodotti sterili sono contrassegnati dalla dicitura “STERILE”.
Non utilizzare i prodotti sterili se la confezione è danneggiata o già aperta.
Non utilizzare i prodotti sterili oltre la data di scadenza riportata sull’etichetta.
Non pulire, risterilizzare o riutilizzare i prodotti sterili.
Date le complesse caratteristiche superficiali degli impianti PiezoImplant, è stato dimostrato che possono essere sterilizzati efficacemente solo mediante raggi gamma.
Conservare gli impianti REX TL PiezoImplant in un luogo pulito, asciutto, privo di polvere e al buio e a temperatura ambiente.
Gli strumenti chirurgici, il vassoio chirurgico e le componenti protesiche del sistema PiezoImplant vengono forniti non sterili e devono essere sterilizzati prima dell’uso secondo le istruzioni fornite di seguito.
Anche gli inserti Piezosurgery®, l’IPD REX e i relativi accessori sono forniti non sterili e devono essere puliti e sterilizzati seguendo le istruzioni per l'uso fornite con il dispositivo.
Tutti i monconi dentali e i dispositivi restaurativi sono contrassegnati come monouso.
Pulizia/ricondizionamento
I dispositivi del sistema PiezoImplant forniti non sterili devono essere accuratamente puliti prima dell’uso iniziale.
I dispositivi riutilizzabili devono essere puliti tra un uso e l’altro.
Sebbene si raccomandi di attenersi alle seguenti fasi convalidate nel protocollo di ricondizionamento, la responsabilità finale della pulizia del dispositivo ricade sull'utente finale.
Le presenti istruzioni non sono destinate a impianti o dispositivi non prodotti da Rex Implants.
Metodo di ricondizionamento Pulizia/disinfezione manuale
1.
Sciacquare il dispositivo in acqua potabile fredda (< 43°C;
inglés a italiano: Installation - WARMAN® Centrifugal Slurry Pumps
General field: Técnico/Ingeniería
Detailed field: Ingeniería: industrial
Texto de origen - inglés
Installation
This section describes:
Factors that affect the installation of the pump.
Pre-start up procedures for Oil Filled Bearing Assembly - K and KH.
Installation Safety
LIFTING Point SAFETY
Refer to Warman lifting instructions at all times.
Tapped holes (for eye-bolts) and cast-on lugs (for shackles) on Warman parts are for lifting individual parts only.
One exception is the lifting lug on the cover plate which can be used to lift the cover plate with the throatbush, volute and/or elastomer liner fitted.
Some heavy parts of the pump have threaded holes for lifting.
During assembly, eye bolts are screwed into holes to engage the crane.
After assembly, the eye bolts must be removed and the holes filled with RTV silicon to protect the thread of the holes for further use.
TIPPING OR FALLING
The pump can tip over or fall, if the lifting points are offset from the recommended lifting points.
Pump
This section describes the various factors that affect the installation of the pump.
Delivery
Check and report any missing components and variation or damage against packing list.
Remove any packaging and blanking plates on the pump intake and discharge flanges.
COUPLING FLANGES
If ordered, pumps are delivered with slip-on matching flanges secured to the pump flanges.
Remove these and weld to prepared piping for later connection to the pump.
Pump Working Envelope
The working envelope allows for safe working or replacing parts on any part of the pump assembly.
The three complete pump unit working envelopes are (refer to ):
Small pumps:
2 m all around including above
Medium pumps:
3 m all around including above
Large pumps:
4 m all around including above
x m
x m
x m
x m
x m
Complete Pump Unit Working Envelope
Foundations
Installing the pump on adequate foundations provides efficient pump service.
Ensure that:
The steel and concrete foundations meet local geological requirements.
The steel and concrete foundations are designed to withstand all loads from the pump and motor, and to absorb any vibrations.
All holding down bolts are fully tightened.
The pump is located such that the length of the intake pipe is as short as possible.
Adequate space is available to access the pump for installation and disassembly procedures.
Align and Grout the Warman Baseplates
BASEPLATES
Contact your local Weir Minerals representative for more information on fixing baseplates.
ALIGN AND GROUT THE WARMAN BASEPLATES
The initial mounting, that is, the plinth is generally formed 50 mm larger all round than the respective baseplate.
Plinths are normally formed in a high compressive strength concrete with suitable anchor bolts located according to the individual certified dimension drawing and generally arranged as shown in .
D
2D
{1/2.D}
Baseplate
5D
10D
Ø
4D
4D Square
{1/2.D}
456.
Jacking Nut
a. Anchor Nut
b. Grout
Example of Aligning and Grouting Warman Baseplate
Mount the Pump Base on a Steel Framework
BASEPLATES
Contact your local Weir Minerals representative for further information on fixing baseplates.
To mount the pump base directly on a steel framework:
Design a frame of sufficient strength to withstand normal pumping operational stress.
Ensure that there is no distortion to the frame when the pump and the pump base are installed.
Shaft Unlocking
For transport of Warman pumps the bearings must be locked to prevent vibration and consequent damage.
This is done by attaching the shaft clamp to the shaft.
A set screw in the handle of the clamp is then screwed up hard against the pump base to lock the shaft.
To unlock the bearings:
Remove the set screw to free the shaft (refer to ).
Rotate the shaft clockwise by hand using the clamp to ensure that the impeller turns freely within the pump.
Adjust the impeller.
For more information on adjusting the impeller, refer to .
Remove the shaft clamp.
001.
Set Screw
315.
Shaft Clamp
Set Screw and Shaft Clamp Location
Shaft Alignment
Whether direct coupled or vee-belt driven, ensure that the pump and motor shafts are accurately aligned:
In direct coupled drives, misalignment causes unnecessary vibration and wear of the coupling.
In vee-belt drives, non-parallel shafts cause excessive belt wear.
Avoid rigid couplings.
The pump sets that are accurately aligned in the factory may become misaligned during transportation.
Recheck the alignment during installation.
Align and tension the vee-belt and flexible transmissions as described in and .
pump DAMAGE
Direct coupling large pumps to diesel prime movers must also be avoided as sudden stoppage of the diesel can cause unscrewing of the pump impeller and consequent pump damage.
A clutch or fluid coupling fitted between the pump and diesel prime mover is recommended.
Motors over 185 kW must be wired for a soft stop.
Alignment, Tensioning, and Adjustment of Vee-belt Drives
ALIGNMENT, TENSIONING, AND ADJUSTMENT OF VEE-BELT DRIVES
The following is recommended as a basis for alignment, tensioning, and adjustment of
vee-belt drives.
Contact your local Weir Minerals representative or belt supplier for further information on a specific product.
For optimum performance of vee-belts:
Use only matched new sets of belts.
Ensure that the belts lie within a range of two to four set numbers according to the belt length.
Always place belts with the lowest code numbers closest to the bearings.
Clean any oil or grease from the pulleys and remove any burrs and rust from the grooves before fitting the belts.
Alignment
If the alignment of the pulley is not correct, the belt flanks wear quickly.
For correct alignment of pulleys:
Reduce the centre distance by jacking the motor towards the pump using the jacking bolts supplied, until the belts can be put on the pulley grooves without forcing.
Use laser alignment equipment.
It is important to align the two pulleys to a tolerance whereby daylight is non-existent or at a minimum between the pulleys and the straight edge.
1
Shafts are not parallel to one another
3
Shafts are parallel and in alignment, but pulleys are not in alignment
2
Shafts are not in correct alignment although they appear parallel when seen from above
4
Correct installation - both shafts and pulleys are parallel and in alignment
End view of
the above
The dotted lines emphasise the faults by indicating the correct position.
Shaft and Pulley Alignment
RECHECK pulley Alignment
After pump impeller adjustments, recheck the pulley alignment and adjust as necessary before restarting the pump.
Tensioning
The proper tensioning of the belts ensures high performance and longer life for the belts and bearings.
To ensure the proper tensioning of the belts, refer to and proceed as follows:
Measure the length of the span.
Apply a force at right angle to the belt at the centre of the span which is sufficient to deflect one belt by 16 mm per metre of span.
Span
16 mm deflection
per metre of span
Force
Vee-belt Tensioning
Compare the force required with the value stated in the .
If the measured force is within the values stated in the , the belt tensioning must be satisfactory.
If the force measured is below or above the value stated, the belt must be tightened or slackened respectively.
Provision must be made for periodic checking of belt wear during the life of a belt and adjusting the belts to correct tension as necessary.
TENSIONING
Under tensioning of the drive causes vibration resulting in damage to the bearing cartridge, as well as the loss of transmission efficiency.
It can also cause the belts to slip and overheat, resulting in belt fatigue and subsequently shortening the belt life.
Over tensioning of belts also shortens their life.
Also, bearings tend to overheat due to excessive radial forces on the rolling elements and this leads to premature bearing failure.
NEW BELTS
New belts must be tensioned at the higher level stated (using a vee-belt tension indicator) to allow for a drop in tension during the normal running period.
New belts must be run under load for two hours, stopped, and the tension rechecked, resetting the adjustment to achieve the correct tension as necessary.
During the first 24 hours running, it is recommended that a further check is carried out and the belts adjusted as required.
Adjustment
Recheck and adjust the tension of vee-belts after:
The new belts are fitted.
A new installation is completed.
A drive run for approximately two hours.
Check the drive subsequently, at regular maintenance intervals.
Vee-belt Tensioning Force Requirements
Belt Section
Small Pulley Diameter (mm)
Force required to Deflect the Belt by 16 mm per metre of Span, Newton (N)
SPZ
56 to 95
13 to 20
100 to 140
20 to 25
SPA
80 to 132
25 to 35
140 to 200
35 to 45
SPB
112 to 224
45 to 65
236 to 315
65 to 85
SPC
224 to 355
85 to 115
375 to 560
115 to 150
A
80 to 140
10 to 15
B
125 to 200
20 to 30
C
200 to 400
40 to 60
Alignment of Direct-coupled Pumps
ALIGNMENT OF DIRECT-COUPLED PUMPS
The following is recommended as a basis for alignment of direct-coupled pumps.
Contact your local Weir Minerals representative for more information on a specific product.
In a direct-coupled drive, misalignment causes unnecessary vibration and wear on the bearings.
Avoid rigid couplings (that is, couplings that bolt directly together without any flexible member in between) and do not use them without consultation with Weir Minerals Division.
The following procedures outline a suggested practice for checking shaft alignment.
This method is independent of the coupling or shaft and is therefore not affected by angled coupling faces or eccentricity of the outside diameter of the coupling.
incorrect SHAFT ALIGNMENT
Ensure that no damage occurs when the shaft of the driven unit is turned.
Before starting the alignment procedures:
Isolate the drive unit from the power supply.
Rotate each shaft independently to check that the shaft and bearings turn without undue friction and that shaft is true to within 0.04 mm or better as measured on a dial indicator.
Ensure that the couplings are loosely coupled, that is, each half must move freely relative to the other.
Otherwise, it results in incorrect dial indicator readings.
Where tightly fitting pins or springs prevent loose coupling:
Remove the pins or springs.
Scribe a line across both half couplings and take the readings only when both the half couplings are aligned.
On couplings with a serrated rim, ensure that as the couplings are rotated, the gauge plungers do not fall into a groove and become damaged.
Angular Shaft Alignment
To ensure proper angular shaft alignment:
Refer to the left hand portion of and clamp two dial indicators at diametrically opposite points (180 degrees) on one half coupling, with the plungers resting on the back of the other half coupling.
Rotate the couplings until the gauges are in line vertically, and set the gauges to read zero.
Rotate the couplings through half a revolution (180 degrees) and record the reading on each dial indicator.
The readings must be identical though not necessarily zero because of possible end float.
Either positive or negative readings are acceptable provided they are equally positive or equally negative.
For the maximum allowable tolerance, refer to and adjust the position of one of the units if necessary.
Rotate the couplings until the gauges are in line horizontally and reset the gauges to read zero.
Repeat step 3 and adjust the unit position until the correct tolerance is achieved and no further adjustment is necessary.
Radial Shaft Alignment
To ensure proper radial shaft alignment:
Clamp a dial indicator to one half coupling or to the shaft, as shown in right hand portion of , with the plunger resting on the rim of the other half coupling.
Set the gauge to read zero.
Rotate the couplings and note the reading at each quarter revolution(90 degrees).
Any variation in the readings indicate a deviation from alignment.
In such cases, adjust the position of one of the units until the readings at each quarter revolution are identical or within the tolerances given (refer to
).
PROVISIONAL ALIGNMENT
Provisional alignment can be carried out with the unit cold.
However, where the working temperature of the pump can raise the centre line of one machine relative to the other, allowances must be made.
The units must then be realigned when each have attained their correct operating temperature.
Tolerances
Follow the manufacturer’s recommendation, if recommendations are not available.
Following are the variations which can be tolerated when checking alignment and are suggested as a general guidance.
Angular Alignment
Couplings up to 300 mm diameter, 0.05 mm accuracy
Couplings more than 300 mm diameter, 0.07 mm accuracy
Radial Alignment
Not to exceed 0.1 mm on dial indicator (that is, 0.05 mm eccentricity)
Angular Shaft Alignment (parallelism of axes)
Radial Shaft Alignment (intersection of axes)
Example of Error
Example of Error
073.
Shaft
378.
Half Coupling
a. Dial Test Indicator
b. Clamp
c. Tie Bar
d. Plunger
Angular and Radial Shaft Alignment
Pipework
The guidelines for pipework are:
Align the pipelines and valves correctly with pump flanges.
Ensure the pipelines and valves are supported independently of the pump.
Ensure all pipe designs are on the basis of zero pump flange loading.
If this condition cannot be achieved, consult your local Weir Minerals representative to obtain values for the maximum allowable external loads and moments on the pump flanges.
Use appropriate Warman joint rings (when required) at the pump flanges.
The joint rings form an effective seal between pipework and pump casing.
In some pumps, the metal liner projects a short distance past the flange.
In such instances, do not over tighten the flange bolts to prevent the damage to the joint rings.
Note that the removal of the intake pipe is facilitated if a flexible joint is used in the place of the flanged connection.
Ensure that all pipe joints are airtight for correct priming of the pump.
Consult your local Weir Minerals representative for recommendations and procedures related to inter-stage piping of multi-stage installations.
INTAKE PIPE LENGTH
A removable piece of pipe must be used on the intake side of the pump.
This pipe must be of sufficient length to allow removal of the pump cover plate or casing and to enable access to pump wearing parts and impeller.
Observations
Do not use concentric reducer on pump suction as this may cause air lock.
Suction Pipe Size - The diameter of the suction pipe must be sized according to the flow and allowable head loss in any case it must be equal in diameter to the pump inlet connection.
If a pipe larger than the pump inlet is to be used, good practise stipulates that an eccentric reducer must be fitted to avoid the possibility of air pockets.
Air Pocket
Concentric (Not Recommended)
Eccentric (Recommended)
All pipe work must be correctly aligned and independently supported, pump flanges not to be overloaded.
Pipe work restraints must be saddles, rather than stands, such that axial and radial movement can be restrained.
Shim material selection to ensure that they do not corrode or compress.
Area must be kept clean to ensure safe working environment and effective use of pump set.
Never tamper with pump set construction.
Modifications to pump set components result in catastrophic failure.
Always use cross pattern (180 degrees) for tightening bolts, for even pressure.
Repeat sequence two-three times.
Use calibrated torque wrench for correct tension.
Bolts
Bolting Sequence
Apply grease, anti-seize, or denso tape for bolts to allow easier removal when required.
Flanges
Refer to to check the maximum allowable external loads and moments on Warman pump flanges.
Alternatively, check if actual loads and moments are within the allowable values by submitting the actual values to your local Weir representative for comparison against the allowable values.
Units
Unit of force is Newton (N)
Unit of torque and moment is Newton metre (Nm)
y
My
Mxz
x
z
B
z
Mxy
z
y
x
A
Mz
x
z
y
Flange Loading
Nozzle Load = Hydraulic load + Flange Load
Hydraulic Load = P×A
Intake Flange
Fz = Axial Load along z-z axis.
Into or out of the pump through A
Fxy = Force in the x-y plane.
Any direction through A parallel and level with flange face
Mz = About z-z axis through A. Torsional moment on flange
Mxy = About any axis in x-y plane through A. Acts parallel and level with flange face
Discharge Flange
Fy = Axial Load along y-y axis.
Into or out of the pump through B
Fxz = Force in the x-z plane.
Any direction through B parallel and level with flange face
My = About y-y axis through B. Torsional moment on flange
Mxz = About any axis in x-z plane through B. Acts parallel and level with flange face
ELASTOMER PIPE BELLOWS AND THRUST LOADS
Elastomer pipe bellows with a diameter greater than the inlet or discharge pipe diameter and without tie rods fitted results in high thrust loads on the pump, which could be higher than the allowable values.
Elastomer pipe bellows must always be installed on the smaller of the pipe sizes to assist to minimise the loads if a reduction pipe piece is fitted to the pump.
High thrust loads from the piping can affect the shaft seal, pump and drive alignment, increases transient loads during shut down and potentially increase or over-load the baseplate and/or foundations as well as increasing overall vibration and sound levels.
Suitable means of reducing thrust loads on the pump include - designing the elastomer pipe bellows size as small as possible and on the smaller of the two pipe sizes if there is a change in size, using threaded tie rods across the joint to make the pipe rigid and supporting the pipe independently of the pump.
High process slurry temperatures cause thermal expansion in the pipes which results in high thrust loads on the pump.
In these cases consult your local Weir Minerals representative.
LOADS AND MOMENTS
Allowable values depend on whether the pump is lined or unlined.
Values are independent of the position of the discharge flange.
Allowable loads and moments take into consideration the effects of casing distortion and shaft misalignments.
The applies to all pumps irrespective of seal type.
The x-y and x-z planes contain the outside faces of the intake and discharge flanges respectively.
LOADS AND MOMENTS
External loads acting on the pump must be less than the allowable.
Ensure that pipes are aligned with the pump flanges and supported independent of the pump and as close to the pump as practical.
Use approximate Warman joint rings at the pump flanges.
All allowable loads and moments can act concurrently.
Consult your local Weir Minerals representative for the following:
Conditions that are not listed in this document
Multi-stage pumps
Pumps that are not listed in this document
Axial and radial flange forces (Fz, Fy, Fxy, Fxz) are assumed to act at the bolt PCD circle of the flange.
When designing plinths and holding down bolts, assume that the full value of the allowable flange loads and moments is acting on the pump.
Include static and dynamic loads where appropriate as follows:
Static load = Total mass of pump set including the pump, drive, and baseplate
Dynamic load = Factor × Static Load
(Factor = 2.0 for pumps with Intake diameters 300 mm)
(Factor = 2.5 for pumps with Intake diameters 300 mm)
The dynamic load takes into consideration the unbalanced loads from the pump, motor and couplings or vee-belts.
Actual loads and moments can be checked against the allowable values.
In some installations not every load and moment as defined above will necessarily occur in practice.
In such cases, it is possible to increase the allowable loads and moments that do act without exceeding the overall allowable.
Please consult with your local Weir Minerals representative in such cases.
For high pressure PP pumps, multi-stage pump installations or for any pumps not listed, contact local Weir office.
Warman baseplates:
Refer to for the suggested procedure for aligning and grouting Warman baseplates (refer to ).
Allowable Loads on Flanges
Intake Flange
AH
Discharge Flange
Fz (N)
Fxy (N)
Mxy (Nm)
Mz (Nm)
Pump Size
Fy (N)
Fxz (N)
Mxz (Nm)
My (Nm)
2,200
1,100
125
65
1.5/1
635
320
40
20
2,600
1,300
190
95
2/1.5
880
440
56
28
5,300
2,650
470
235
3/2
1,400
700
100
50
10,500
5,250
1,200
600
4/3
2,500
1,250
240
120
19,100
9,550
2,800
1,400
6/4
4,100
2,050
485
243
33,800
16,900
6,000
3,000
8/6
8,800
4,400
1,400
700
43,500
21,750
9,700
4,850
10/8
12,000
6,000
2,200
1,100
43,700
21,850
10,300
5,150
12/10
21,700
10,850
5,100
2,550
50,000
25,000
13,000
6,500
14/12
24,900
12,450
6,200
3,100
84,000
42,000
26,900
13,450
16/14
36,000
18,000
11,000
5,500
100,800
50,400
40,300
20,150
20/18
67,300
33,650
26,900
13,450
Intake Conditions
PIPEWORK
Suitable isolation must be fitted in the intake pipe as near to the pump as possible.
The intake pipe must be as short as possible.
An arrangement of intake pipework which is common to two or more pumps operating on suction lift is not recommended.
If such an arrangement is unavoidable, any points of possible air ingress such as valve glands must be liquid sealed and isolating valves must be fitted at appropriate points.
The diameter of the intake pipe required depends upon its length and bears no fixed relationship to the diameter of the intake branch of the pump.
The size of the pipe must be such that the velocity is kept to a minimum, but above the solids particle critical settling velocity to reduce friction losses, that is a long intake pipe, (or one with numerous bends) which passes a given quantity of liquid must be of larger bore than a short straight one passing the same quantity of liquid.
AIRTIGHT PIPEWORK
When the bore of the intake pipe is increased to a size larger than that of the pump intake branch, the form of taper pipe used must not allow the formation of air pockets.
To avoid air pockets, the installation of intake pipework must be arranged with as few bends as possible and the pipework must be completely airtight.
Oil Filled Bearing Assembly - K and KH
This section describes pre-start up procedures for Oil Filled Bearing Assembly - K and KH.
HGK005M, HGK205M, and TK005-1M
This section describes pre-start up procedures for HGK005M, HGK205M and TK005-1M.
Before Start-up
Ensure that the oil pressure inside the bearing assembly is at least 40 kPa higher than the surrounding water pressure.
Check that the oil pressure in the main oil volume is greater than the oil pressure in the inter-seal volume.
To control these oil pressures it is recommended for dual duo-cone assemblies to have two header tanks:
Header tank 1 for main oil volume.
Header tank 2 for inter-seal oil volume.
shows the preferred piping arrangement which is described as follows:
Header tank 2 must be at least 5 m above water surface and approximately 1 m lower than the header tank 1.
With this set-up, the oil between the seals is slightly pressurised against the surrounding water on the outside.
This pressure differential has to be maintained at all times when the pump is submerged, even if it is not operating.
Line 1 pressurises the main oil volume.
There is no return line needed for the main oil volume.
Line 2 and line 3 pressurise the inter-seal volumes.
Line 4 and line 5 are return lines from the inter-seal volume and each one has a hand valve fitted to its end.
During normal operation, these valves are closed.
They can be opened for initial filling and for oil sampling.
1 m
Line 1
5 m
Minimum
Line 4
Line 5
Line 3
Line 2
a. Header Tank 1
b. Header Tank 2
c. Hand Valves
Preferred Piping Arrangement
FFKS005-1 with Single (Full) Duo-cone Seal
This section describes the pre-start up procedures for FFKS005-1 with single (full) duo-cone seal.
Before Start-up
For submerged operation, ensure that the oil pressure inside the bearing assembly is at least 30 kPa higher than the surrounding water pressure.
To maintain the required oil pressure, put the header tank 5 m above the water surface.
One oil line entering the bearing assembly in one of the tapped holes at the top is the preferred arrangement.
Initially fill the oil manually through one of the spare ports.
Ensure that the unit is completely filled with oil without any air left inside.
Remove SEAL CLAMP SCREWS
Remove the seal clamp screws before starting the pump.
Ensure that labyrinths are filled with grease.
In submerged operation, it is recommended to use automated greasing units instead of the grease nipples provided.
Traducción - italiano
Installazione
La presente sezione descrive:
I fattori che incidono sull'installazione della pompa.
Le procedure da eseguire prima del primo avvio per il gruppo dei cuscinetti in bagno d'olio - K e KH.
Sicurezza dell'installazione
SICUREZZA DEI PUNTI DI SOLLEVAMENTO
Fare sempre riferimento alle istruzioni di sollevamento Warman.
I fori filettati (per occhielli di sollevamento) e gli occhielli stampati (per grilli) sulle parti Warman sono destinati esclusivamente al sollevamento delle singole parti.
Fa eccezione l'occhiello di sollevamento sul semicorpo lato aspirazione che può essere utilizzato per il sollevamento della semicorpo lato aspirazione con camicia d'usura del collo aspirante, corazza corpo pompa e/o rivestimento in elastomero montati.
Alcuni pezzi pesanti della pompa sono dotati di fori filettati per il sollevamento.
Durante il montaggio, gli occhiello di sollevamento vengono avvitati nei fori per innestare la gru.
Dopo il montaggio, gli occhielli di sollevamento devono essere rimossi e i fori riempiti con silicone RTV per proteggerli in vista di usi successivi.
PERICOLO DI CADUTA
Se i punti di sollevamento differiscono da quelli raccomandati, la pompa può inclinarsi o cadere.
Pompa
La presente sezione descrive i diversi fattori che incidono sull'installazione della pompa
Consegna
Controllare e segnalare eventuali componenti mancanti e variazioni o danni rispetto alla distinta di imballaggio.
Rimuovere eventuali imballaggi e piastre di otturazione sulle flange di aspirazione e mandata della pompa.
FLANGE DI ACCOPPIAMENTO
Se richiesto, le pompe vengono consegnate con flange flottanti fissate su quelle della pompa.
Rimuoverle e saldarle sulle tubature approntate per il successivo collegamento alla pompa.
Area di lavoro della pompa
L'area di lavoro consente di lavorare o sostituire in sicurezza pezzi su qualunque parte del gruppo pompa.
Le tre aree di lavoro dell'unità pompa completa sono (fare riferimento a ):
Pompe piccole:
2 m tutto attorno, sopra compreso
Pompe medie:
3 m tutto attorno, sopra compreso
Pompe grandi:
4 m tutto attorno, sopra compreso
x m
x m
x m
x m
x m
Area di lavoro dell'unità pompa completa
Fondazioni
Installare la pompa su fondazioni idonee garantisce il buon funzionamento della pompa stessa.
Assicurarsi che:
Le fondazioni in acciaio e cemento rispondano ai requisiti geologici locali.
Le fondazioni in acciaio e cemento siano progettate per resistere a tutti i carichi di pompa e motore e per assorbirne le vibrazioni.
Tutti i bulloni di fissaggio siano completamente serrati.
La pompa sia posizionata in modo che la lunghezza del condotto di aspirazione sia minore possibile.
Ci sia abbastanza spazio per accedere alla pompa per le procedure di installazione e smontaggio.
Allineare e consolidare le piastre di base Warman
PIASTRE DI BASE
Per ulteriori informazioni sul fissaggio delle piastre di base, rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals.
ALLINEARE E CONSOLIDARE LE PIASTRE DI BASE WARMAN
Il telaio iniziale, ovvero il plinto, viene creato generalmente di 50 mm più largo rispetto alla relativa base di appoggio.
Di norma i plinti sono in cemento con resistenza molto alta alla pressione e sono provvisti di adeguati bulloni di ancoraggio posizionati come da specifico disegno d'ingombro certificato e generalmente disposti come mostrato in .
D
2D
{1/2.D}
Base di appoggio
5D
10D
Ø
4D
Quadro 4D
{1/2.D}
456.
Dado di sollevamento
a. Dado di ancoraggio
b. Malta
Esempio di allineamento e consolidamento della base di appoggio Warman
Montare la base pompa su un telaio in acciaio
PIASTRE DI BASE
Per ulteriori informazioni sul fissaggio delle piastre di base, rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals.
Per montare la base della pompa direttamente su un telaio in acciaio:
Progettare un telaio abbastanza forte da sostenere il normale stress operativo di pompaggio.
Assicurarsi che non vi siano distorsioni del telaio una volta installata la pompa e la relativa base.
Sblocco dell'albero
Per il trasporto delle pompe Warman, i cuscinetti devono essere bloccati, al fine di evitare vibrazioni e conseguenti danni.
Ciò avviene fissando il morsetto dell'albero all'albero stesso
e avvitando bene la vite di serraggio posta sul manico del morsetto alla base della pompa per bloccare l'albero.
Per sbloccare i cuscinetti:
Rimuovere la vite di serraggio per liberare l'albero (fare riferimento a ).
Ruotare manualmente l'albero in senso orario utilizzando il morsetto per assicurarsi che la girante ruoti liberamente all'interno della pompa.
Regolare la girante.
Per ulteriori informazioni su come regolare la girante, fare riferimento a .
Rimuovere il morsetto dell'albero.
001.
Vite di serraggio
315.
Morsetto dell'albero
Posizione della vite di serraggio e del morsetto dell'albero
Allineamento dell'albero
Che si tratti di pompe ad accoppiamento diretto o con trasmissione con cinghia a V, assicurarsi che l'albero del motore e quello della pompa siano perfettamente allineati.
Per i modelli ad accoppiamento diretto, il disallineamento causa inutili vibrazioni e usura dell'accoppiamento.
Per quelli a trasmissione con cinghia a V, alberi non paralleli provocano l'eccessiva usura della cinghia.
Evitare accoppiamenti rigidi.
I set pompa accuratamente allineati nello stabilimento di produzione potrebbero perdere l'allineamento durante il trasporto.
Controllare nuovamente l'allineamento durante l'installazione.
Allineare e tendere la cinghia a V e le trasmissioni flessibili come descritto in e .
DANNI ALLA POMPA
Evitare l'accoppiamento diretto di pompe di grandi dimensioni a motori primi diesel in quanto l'arresto improvviso del diesel può causare lo svitamento della girante della pompa con conseguente danno della pompa stessa.
Si raccomanda di montare una frizione o un giunto idraulico tra pompa e motore primo a diesel.
I motori di potenza superiore a 185 kW devono essere cablati per un arresto graduale.
Allineamento, tensionamento e regolazione delle trasmissioni con cinghia a V
ALLINEAMENTO, TENSIONAMENTO E REGOLAZIONE DELLE TRASMISSIONI CON CINGHIA A V
Le seguenti raccomandazioni sono da considerarsi come base per allineamento, tensionamento e regolazione delle
trasmissioni con cinghie a V.
Per ulteriori informazioni su uno specifico prodotto, rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals o al fornitore delle cinghie.
Per prestazioni ottimali delle cinghie a V:
Utilizzare esclusivamente set accoppiati di cinghie nuovi.
Assicurarsi che le cinghie rientrino in un intervallo compreso da due a quattro set, a seconda della lunghezza della cinghia.
Posizionare sempre le cinghie con i numeri di codice minori più vicino al cuscinetto.
Pulire eventuale olio o grasso dalle pulegge e rimuovere eventuali imperfezioni e ruggine dalle scanalature prima di montare le cinghie.
Allineamento
Se l'allineamento della puleggia non è corretto, i lati della cinghia si usurano rapidamente.
Per il corretto allineamento delle pulegge:
Ridurre l'interasse sollevando il motore verso la pompa mediante i bulloni di sollevamento in dotazione, fino a poter inserire agevolmente le cinghie nelle scanalature della puleggia.
Servirsi di un dispositivo laser di allineamento.
È importante allineare le due pulegge in modo che tra esse e il regolo la luce sia inesistente o minima.
1
Gli alberi non sono paralleli tra loro
3
Gli alberi sono paralleli e allineati ma le pulegge non sono allineate
2
Gli alberi non sono correttamente allineati anche se, visti dall'alto, sembrano paralleli
4
Installazione corretta: sia gli alberi sia le pulegge sono paralleli e allineati
Vista estremità
dall'alto
Le linee tratteggiate mettono in risalto i difetti indicando la posizione corretta.
Allineamento albero e puleggia
CONTROLLARE NUOVAMENTE L'ALLINEAMENTO DELLA PULEGGIA
Dopo aver regolato la girante della pompa, controllare nuovamente l'allineamento della puleggia e regolarlo in base alle necessità prima di riavviare la pompa.
Tensionamento
Il corretto tensionamento delle cinghie assicura elevate prestazioni e maggiore durata di cinghie e cuscinetti.
Per garantire il corretto tensionamento delle cinghie, fare riferimento a e procedere nel modo seguente:
Misurare la lunghezza della campata.
Applicare una forza ad angolo retto alla cinghia al centro della campata, sufficiente a deflettere una cinghia di 16 mm per metro di campata.
Campata
16 mm di deflessione
per metro di campata
Forza
Tensionamento cinghie a V
Confrontare la forza applicata con il valore indicato in .
Se la forza misurata rientra nei valori indicati in , il tensionamento della cinghia può considerarsi soddisfacente.
Se la forza misurata è maggiore o minore al valore indicato, la cinghia deve essere rispettivamente allentata o tesa.
Occorre prevedere controlli periodici dell'usura della cinghia per tutta la vita utile e regolarne la tensione in base alle necessità.
TENSIONAMENTO
Un tensionamento della trasmissione inferiore a quanto previsto dal manuale provoca vibrazioni dannose per il gruppo cuscinetti nonché perdita di efficenza della trasmissione.
Può inoltre provocare lo slittamento e il surriscaldamento delle cinghie con conseguente fatica della stesse e accorciamento della vita utile.
Anche un tensionamento delle cinghie superiore a quanto previsto dal manuale ne riduce la durata.
Inoltre, i cuscinetti tendono a surriscaldarsi a causa delle eccessive forze radiali sugli elementi rotanti che comporta il deterioramento prematuro dei cuscinetti.
CINGHIE NUOVE
Le cinghie nuove devono essere tese al massimo livello indicato (utilizzando un indicatore di tensione per cinghie a V) per permetterne l'allentamento durante il normale periodo di rodaggio.
Le cinghie nuove devono essere fatte girare sotto carico per due ore, fermate, controllata la tensione e regolata per raggiungere il valore corretto, se necessario.
Per le prime 24 ore di servizio, si raccomanda di effettuare un ulteriore controllo e, se necessario, regolare le cinghie.
Regolazione
Controllare nuovamente e regolare la tensione delle cinghie a V dopo:
Il montaggio di nuove cinghie.
Viene completata una nuova installazione.
Circa due ore di funzionamento della trasmissione.
Controllare la trasmissione di conseguenza a intervalli di manutenzione regolari.
Requisiti di forza per il tensionamento delle cinghie a V
Sezione cinghia
Diametro puleggia piccola (mm)
Forza necessaria per deflettere la cinghia di 16 mm per metro di campata, Newton (N)
SPZ
da 56 a 95
da 13 a 20
da 100 a 140
da 20 a 25
SPA
da 80 a 132
da 25 a 35
da 140 a 200
da 35 a 45
SPB
da 112 a 224
da 45 a 65
da 236 a 315
da 65 a 85
SPC
da 224 a 355
da 85 a 115
da 375 a 560
da 115 a 150
A
da 80 a 140
da 10 a 15
B
da 125 a 200
da 20 a 30
C
da 200 a 400
da 40 a 60
Allineamento di pompe ad accoppiamento diretto
ALLINEAMENTO DI POMPE AD ACCOPPIAMENTO DIRETTO
Le seguenti raccomandazioni sono da considerarsi come base per allineamento di pompe ad accoppiamento diretto.
Per ulteriori informazioni su un prodotto specifico, rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals.
Per i modelli ad accoppiamento diretto, il disallineamento causa inutili vibrazioni e usura dei cuscinetti.
Evitare accoppiamenti rigidi (ovvero accoppiamenti che imbullonano direttamente senza alcun componente flessibile nel mezzo) e non utilizzarli senza aver prima consultato la Weir Minerals Division.
Le seguenti procedure delineano una pratica consigliata per controllare l'allineamento degli alberi
Questo metodo è indipendente dall'accoppiamento o dall'albero e non è dunque influenzato da facce di accoppiamento ad angolo o eccentricità del diametro esterno dell'accoppiamento.
ALLINEAMENTO DELL'ALBERO scorretto
Assicurarsi che non si verifichi nessun danno quando viene ruotato l'albero dell'unità motorizzata.
Prima di avviare le procedure di allineamento:
Isolare l'unità di trasmissione dall'alimentazione elettrica.
Ruotare ogni albero indipendentemente, per controllare che albero e cuscinetti ruotino senza frizioni anomale e, con un indicatore a quadrante, verificare l'allineamento dell'albero (tolleranza 0,04 mm).
Assicurarsi che gli accoppiamenti siano lenti, ovvero, che ogni metà si muova liberamente rispetto all'altra.
In caso contrario, la lettura dell'indicatore a quadrante risulterebbe errata.
Se gli accoppiamenti sono tenuti da perni o molle di montaggio:
Rimuovere i perni o le molle.
Tracciare una linea attraverso ambo le parti dell'accoppiamento ed effettuare la lettura solo quando entrambe le metà sono allineate.
Su accoppiamenti con cerchio dentellato, assicurarsi che, al ruotare dell'accoppiamento, i pistoni dell'indicatore non vadano a finire nelle scanalature danneggiandosi.
Allineamento angolare dell'albero
Per garantire il corretto allineamento angolare dell'albero:
Fare riferimento alla parte sinistra della e fissare due indicatori a quadrante in punti diametralmente opposti (180 gradi) su una metà dell'accoppiamento, con i pistoni che poggiano sul retro dell'altra metà dell'accoppiamento.
Ruotare gli accoppiamenti fino a che gli indicatori non sono allineati verticalmente e tararli sullo zero.
Far compiere agli accoppiamenti mezzo giro (180 gradi) e registrare la lettura di ogni indicatore a quadrante.
Le letture devono essere identiche anche se non necessariamente zero a causa di possibile oscillazione delle estremità.
Sono accettabili tanto letture positive quanto negative, purché siano ugualmente positive o negative.
Per la tolleranza massima ammessa, fare riferimento a e, se necessario, regolare la posizione di una delle unità.
Ruotare gli accoppiamenti fino a che gli indicatori non sono allineati orizzontalmente e tararli sullo zero.
Ripetere il passaggio 3 e regolare la posizione dell'unità fino a raggiungere la tolleranza corretta, a questo punto non è necessario nessun altro aggiustamento.
Allineamento radiale dell'albero
Per garantire il corretto allineamento radiale dell'albero:
Fissare un indicatore a quadrante su una metà dell'accoppiamento o sull'albero, come mostrato nella parte destra della , con i pistoni poggiati sul bordo dell'altra metà dell'accoppiamento.
Tarare l'indicatore sullo zero.
Ruotare gli accoppiamenti e segnare la lettura ad ogni quarto di rotazione (90 gradi).
Eventuali variazioni delle letture indicano una deviazione dell'allineamento.
In tal caso, regolare la posizione di una delle unità fino a che le letture di ogni quarto di giro siano identiche o comunque rientrino nelle tolleranze date (fare riferimento a
).
ALLINEAMENTO PROVVISORIO
A unità fredda, è possibile effettuare un allineamento provvisorio.
Bisogna tuttavia tenere presente che la temperatura operativa della pompa può far innalzare la linea centrale di una macchina rispetto all'altra.
Per questo le unità devono essere riallineate una volta raggiunta la rispettiva temperatura operativa.
Tolleranze
Se non vi sono raccomandazioni in merito, seguire quelle del produttore.
Di seguito le variazioni tollerabili durante il controllo dell'allineamento, suggerite come guida generale.
Allineamento angolare
Accoppiamenti con diametro fino a 300 mm, 0,05 mm di approssimazione
Accoppiamenti con diametro superiore a 300 mm, 0,07 mm di approssimazione
Allineamento radiale
Non superare 0,1 mm sull'indicatore a quadrante (eccentricità di 0,05 mm)
Allineamento angolare dell'albero (parallelismo assi)
Allineamento radiale dell'albero (intersezione assi)
Esempio di errore
Esempio di errore
073.
Albero
378.
Metà del giunto
a. Indicatore a quadrante
b. Morsetto
c. Barra di accoppiamento
d. Pistone
Allineamento angolare e radiale dell'albero
Tubature
Le linee guida per le tubature sono:
Allineare correttamente condutture e valvole con le flange della pompa.
Assicurare che valvole e condutture siano supportate indipendentemente dalla pompa.
Assicurare che tutti i condotti siano progettati sulla base di carico flangia della pompa pari a zero.
In caso di impossibilità a soddisfare tali condizioni, rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals per i valori dei momenti e dei carichi esterni massimi ammessi sulle flange della pompa.
Utilizzare le idonee guarnizioni di tenuta Warman (ove richiesto) su tutte le flange della pompa.
Le guarnizioni di tenuta fungono da effettivo sigillo tra tubature e corpo pompa.
In alcune pompe, il rivestimento in metallo si estende per un breve tratto oltre la flangia.
In tal caso, non serrare eccessivamente i bulloni della flangia per evitare di danneggiare le guarnizioni di tenuta.
Si fa presente che la rimozione dei condotti di aspirazione è più semplice se si usa un giunto flessibile invece dell'attacco flangiato.
Verificare la tenuta ermetica di tutti i giunti dei condotti per il corretto adescamento della pompa.
Per raccomandazioni e procedure relative alle tubazioni intermedie di installazioni a catena, rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals.
LUNGHEZZA CONDOTTO D'ASPIRAZIONE
Sul lato di aspirazione della pompa, utilizzare un pezzo di condotto amovibile,
di lunghezza sufficiente a permettere la rimozione della semicorpo lato aspirazione o involucro della pompa e consentire l'accesso alla girante e alle parti soggette a usura della pompa.
Osservazioni
Non utilizzare riduttori concentrici sull’aspirazione della pompa in quanto potrebbero causare blocchi d'aria.
Dimensioni del condotto di aspirazione - Il diametro del condotto di aspirazione deve essere dimensionato in base al flusso e alla perdita di carico ammissibile e in ogni caso deve essere uguale a quello del collegamento di ingresso della pompa.
Nel caso in cui si utilizzi un condotto più largo dell'ingresso della pompa, è buona prassi montare un riduttore eccentrico per evitare la possibilità di sacche d'aria.
Sacche d'aria
Concentrico (sconsigliato)
Eccentrico (consigliato)
Tutte le tubature devono essere correttamente allineate e dotate di supporto autonomo, in modo da non sovraccaricare le flange della pompa.
Per contenere movimenti radiali e assiali, i restringimenti devono essere a sella piuttosto che rialzati.
Selezione materiali degli spessori tale da garantire che non si corrodano o comprimano.
Tenere l'area pulita per assicurare un ambiente di lavoro sicuro e il funzionamento efficace del set pompa.
Non manomettere in nessun caso il set pompa.
Modifiche ai componenti del set pompa sono causa di guasti catastrofici.
Per una pressione omogenea, seguire sempre uno schema incrociato (180 gradi) per serrare i bulloni.
Ripetere la sequenza due-tre volte.
Per la tensione corretta, utilizzare una chiave dinamometrica opportunamente tarata.
Bulloni
Sequenza di avvitamento dei bulloni
Per facilitare, all'occorrenza, la rimozione dei bulloni, applicare apposito lubrificante, antigrippaggio o nastro a base di caucciù butilico.
Flange
Fare riferimento alla per verificare i momenti e i carichi esterni massimi ammessi sulle flange delle pompe Warman.
In alternativa, controllare se i carichi e i momenti effettivi rientrano nei valori ammessi inviandone i valori al rappresentante locale Weir per la comparazione con i valori ammessi.
Unità
L'unità di misura della forza è il Newton (N)
L'unità di misura di coppia e momento è il newton metro (Nm)
y
My
Mxz
x
z
B
z
Mxy
z
y
x
A
Mz
x
z
y
Carico della flangia
Carico ugello = carico idraulico + carico flangia
Carico idraulico = P×A
Flangia di aspirazione
Fz = Carico assiale lungo l'asse z-z.
Dentro o fuori la pompa attraverso A
Fxy = Forza sul piano x-y.
Qualsiasi direzione attraverso A parallela e livellata rispetto alla faccia della flangia
Mz = Attorno all'asse z-z attraverso A. Momento torcente sulla flangia
Mxy = Attorno a qualsiasi asse nel piano x-y attraverso A. Agisce in parallelo e a livello con la faccia della flangia
Flangia di mandata
Fz = Carico assiale lungo l'asse y-y.
Dentro o fuori la pompa attraverso B
Fxy = Forza sul piano x-z.
Qualsiasi direzione attraverso B parallela e livellata rispetto alla faccia della flangia
Mz = Attorno all'asse y-y attraverso B. Momento torcente sulla flangia
Mxy = Attorno a qualsiasi asse nel piano x-z attraverso B. Agisce in parallelo e a livello con la faccia della flangia
SOFFIETTI ELASTOMERICI E CARICHI ASSIALI
I soffietti elastomerici con diametro superiore a quello del condotto di aspirazione o mandata e privi di tiranti provocano carichi assiali elevati sulla pompa, che potrebbero rivelarsi superiori ai valori ammessi.
Nel caso in cui sulla pompa sia montato un riduttore condotto, per contribuire a minimizzare i carichi, installare sempre i soffietti elastomerici sul condotto di dimensioni minori.
Tubazioni con carichi assiali elevati possono portare alla compromissione della tenuta dell'albero, dell'allineamento pompa e trasmissione, all'aumento dei carichi transienti durante lo spegnimento e all'aumento o al potenziale sovraccarico della base di appoggio e/o delle fondazioni nonché all'aumento delle vibrazioni e del livello di rumore totali.
Tra le misure atte a ridurre i carichi assiali sulla pompa: prevedere un soffietto elastomerico di dimensioni più piccole possibili e posizionarlo sul minore dei due condotti nel caso in cui ci sia una variazione di grandezza, utilizzare tiranti filettati attraverso il giunto per rendere il condotto rigido, e far sì che il condotto si sostenga indipendentemente dalla pompa.
Alte temperature dei fanghi di processo causano dilatazione termica nei condotti, con conseguenti carichi assiali elevati sulla pompa.
In questi casi, rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals.
CARICHI E MOMENTI
I valori ammissibili dipendono dalla presenza o meno del rivestimento della pompa,
mentre non dipendono dalla posizione della flangia di mandata.
I carichi e i momenti ammissibili prendono in considerazione gli effetti della distorsione dell'involucro e dei disallineamenti dell'albero.
La si applica a tutte le pompe, indipendentemente dal tipo di tenuta.
I piani degli assi x-y e x-z contengono, rispettivamente, le facce esterne delle flange di aspirazione e mandata.
CARICHI E MOMENTI
I carichi esterni che agiscono sulla pompa devono essere inferiori al limite ammissibile.
Assicurarsi che i condotti siano allineati alle flange della pompa, che si sostengano indipendentemente dalla pompa e che siano quanto più vicini ad essa.
Utilizzare le idonee guarnizioni di tenuta Warman sulle flange della pompa.
È possibile che tutti i carichi e i momenti ammissibili agiscano simultaneamente.
Rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals per informazioni su:
Condizioni non elencate nel presente documento
Pompe multistadio
Pompe non elencate nel presente documento
Le forze radiali e assiali della flangia (Fz, Fy, Fxy, Fxz) si presume agiscano sul cerchio PCD dei bulloni della flangia.
Durante la progettazione di plinti e bulloni di fissaggio, presupporre che sulla pompa agisca il valore massimo di carichi e momenti flange ammissibili.
Ove necessario, includere i carichi statici e dinamici come segue:
Carico statico = Massa totale del set pompa comprensivo di pompa, trasmissione e base di appoggio.
Carico dinamico = Fattore × Carico statico
(Fattore = 2,0 per le pompe con diametro aspirazione 300 mm)
(Fattore = 2,5 per le pompe con diametro aspirazione 300 mm)
Il carico dinamico tiene in considerazione i carichi non bilanciati provenienti da pompa, motore e accoppiamenti o cinghie a V.
È possibile controllare carichi e momenti effettivi rispetto ai valori ammissibili.
In alcune installazioni, non è detto che tutti i carichi e i momenti sopra definiti si presentino concretamente.
In questi casi, è possibile aumentare i carichi e i momenti ammissibili che in effetti agiscono, senza superare il massimo globale ammesso.
In questi casi, rivolgersi al rappresentante locale Weir Minerals.
Per le pompe PP ad alta pressione, per le installazioni di pompe multistadio o per le pompe non elencate, contattare l'ufficio locale Weir .
Piastre di base Warman:
Fare riferimento a per le procedure di allineamento e consolidamento delle piastre di base Warman consigliate (fare riferimento alla ).
Carichi ammissibili sulle flange
Flangia di aspirazione
AH
Flangia di mandata
Fz (N)
Fxy (N)
Mxy (Nm)
Mz (Nm)
Dimensioni della pompa
Fy (N)
Fxz (N)
Mxz (Nm)
My (Nm)
2.200
1.100
125
65
1,5/1
635
320
40
20
2.600
1.300
190
95
2/1,5
880
440
56
28
5.300
2.650
470
235
3/2
1.400
700
100
50
10.500
5.250
1.200
600
4/3
2.500
1.250
240
120
19.100
9.550
2.800
1.400
6/4
4.100
2.050
485
243
33.800
16.900
6.000
3.000
8/6
8.800
4.400
1.400
700
43.500
21.750
9.700
4.850
10/8
12.000
6.000
2.200
1.100
43.700
21.850
10.300
5.150
12/10
21.700
10.850
5.100
2.550
50.000
25.000
13.000
6.500
14/12
24.900
12.450
6.200
3.100
84.000
42.000
26.900
13.450
16/14
36.000
18.000
11.000
5.500
100.800
50.400
40.300
20.150
20/18
67.300
33.650
26.900
13.450
Condizioni dell'aspirazione
TUBATURE
Montare idoneo isolante sul condotto di aspirazione quanto più in prossimità della pompa.
Il condotto di aspirazione deve essere il più corto possibile.
Si sconsiglia di disporre tubature di aspirazione comuni a due o più pompe operanti ad altezza di aspirazione.
Se una tale disposizione fosse inevitabile, sigillare tutti i punti di possibile ingresso d'aria, come le guarnizioni delle valvole e montare delle valvole di isolamento ove opportuno.
Il diametro richiesto del condotto di aspirazione dipende dalla relativa lunghezza e non è direttamente collegato al diametro del collettore di aspirazione della pompa.
Per ridurre le perdite di attrito, le dimensione del condotto devono essere tali da mantenere la velocità al minimo ma al di sopra della velocità critica di sedimentazione delle particelle solide, ovvero, un condotto di aspirazione lungo (oppure uno con diverse curve), attraverso cui passa una data quantità di liquido, deve avere un alesaggio maggiore rispetto a quello di un condotto corto e retto attraverso cui passa la stessa quantità di liquido.
TUBATURE A TENUTA ERMETICA
Quando l'alesaggio del condotto di aspirazione è più grande di quello del collettore di aspirazione della pompa, la forma del condotto conico non deve consentire la formazione di sacche d'aria.
A tal fine, l'installazione delle tubature di aspirazione deve presentare il minor numero di curve possibile e le condutture devono essere a tenuta ermetica.
Gruppo cuscinetti in bagno d'olio - K e KH
La presente sezione descrive le procedure da eseguire prima del primo avvio per il gruppo dei cuscinetti in bagno d'olio - K e KH.
HGK005M, HGK205M e TK005-1M
La presente sezione descrive le procedure da eseguire prima del primo avvio per HGK005M, HGK205M e TK005-1M.
Prima dell'avviamento
Assicurarsi che la pressione dell'olio all'interno del gruppo cuscinetti sia superiore di almeno 40 kPa alla pressione dell'acqua circostante.
Controllare che la pressione dell'olio nel volume principale sia superiore a quella dell'olio del volume infra-tenuta.
Per controllare tali pressioni, è consigliabile che i gruppi di tenute doppie Duo-cone siano dotate di due vasi di espansione:
Vaso di espansione 1 per il volume principale dell'olio
Vaso di espansione 2 per il volume infra-tenuta dell'olio
La mostra la disposizione preferibile delle condutture, così descritta:
Il vaso di espansione 2 deve stare almeno 5 m sopra la superficie dell'acqua e circa 1 m sotto al vaso di espansione 1.
In questo modo, la pressione dell'olio tra le tenute è leggermente superiore all'acqua esterna circostante.
Questa differenza di pressione deve essere mantenuta per tutto il tempo che la pompa è sommersa, anche se non in funzione.
La linea 1 pressurizza il volume principale dell'olio.
Il volume principale non ha bisogno di una linea di ritorno.
La linea 2 e la linea 3 pressurizzano i volumi infra-tenuta.
La linea 4 e la linea 5 sono linee di ritorno dal volume infra-tenuta e all'estremità di ognuna è montata una valvola manuale.
Durante il normale funzionamento, queste valvole sono chiuse.
Possono essere aperte per il riempimento iniziale e per prelevare campioni di olio.
1 m
Linea 1
5 m
Minimo
Linea 4
Linea 5
Linea 3
Linea 2
a. Vaso di espansione 1
b. Vaso di espansione 2
c. Valvole manuali
Disposizione di preferenza delle condutture
FFKS005-1 con guarnizione singola (completa) Duo-cone
La presente sezione descrive le procedure per FFKS005-1 con guarnizione singola (completa) Duo-cone da eseguire prima dell'avviamento
Prima dell'avviamento
Per le applicazioni sommerse, assicurarsi che la pressione dell'olio all'interno del gruppo cuscinetti sia superiore di almeno 30 kPa alla pressione dell'acqua circostante.
Per mantenere la pressione dell'olio richiesta, posizionare il vaso di espansione a 5 m sopra il livello dell'acqua.
La disposizione di preferenza prevede una linea dell'olio in entrata nel gruppo cuscinetti da uno dei fori filettati in cima.
Inizialmente, rabboccare manualmente l'olio da una delle porte libere.
Assicurarsi che l'unità sia completamente piena d'olio e che all'interno non sia rimasta dell'aria.
Rimuovere le VITI DELLE FASCETTE DI TENUTA
Prima di avviare la pompa, rimuovere le viti delle fascette di tenuta.
Assicurarsi che i labirinti siano pieni di grasso.
Per le applicazioni sommerse, si raccomanda di utilizzare unità di lubrificazione automatiche invece dei nippli di lubrificazione forniti.
inglés a italiano: Booklet - Unilever
General field: Jurídico/Patentes
Detailed field: Negocios / Comercio (general)
Texto de origen - inglés
• Innovation is fundamental to Unilever’s business success and a core part of our global strategy
• We champion responsible research and development (R&D) and are committed to demonstrating high standards, based on sound science & technology and ethical principles in all our innovation activity
• This Code Policy applies to all innovation work across Unilever. This includes, but is not limited to safe and sustainable design of new products, activity in product development, brand development, new packaging and external research.
• We champion responsible, safe and sustainable research & development which fully respects the concerns of our consumer and society
• It sets out global minimum standards that apply everywhere.


• Comply with all applicable laws, regulations and industry codes in each country in which they operate, be familiar with those that are relevant to their area of work.
• Ensure that the risks for consumer safety, occupational safety and the environment (safety and impacts) are assessed and managed as defined in Unilever’s Standard on safety Risk and Environmental Impact Assessments (Pelican).

• Ensure that new specifications of raw materials, products and packaging comply with relevant Unilever standards.
• Ensure that our rights to exploit results are secured.
• Unilever Intellectual Property Rights must be protected in collaborations with third parties, where applicable.
• Comply with Unilever’s Standard on Human Studies on Ethical Review of Research on Human Subjects.
Unilever is committed to ensuring that research on human subjects is conducted to the highest ethical standards, whether or not there is any legal requirement to apply such standards Comply with Unilever’s Standard on Animal Testing and the approval procedure. Unilever is committed to the elimination of animal testing, without compromising on the highest standards of consumer health and product safety. Where testing is required by law, or where there are no non-animal alternative approaches available, we must use the minimum number of animals possible.

• Comply with Unilever’s Corporate Patent and Design Standard, where applicable. Unilever strives for the optimum balance between the benefit and cost of all patent and design rights acquired, or developed by, or on behalf of the company.
• Maintain and make accessible records of their research. Fully document and report study protocols and data, and their interpretation and decisions made to ensure to ensure traceability and transparency in accordance with good scientific practice.
• Ensure that external collaborations are compatible with our Code of Business Principles towards ethical conduct, the Unilever Standards on human studies and animal testing, and global guidance on competition.
• Take care that no published work jeopardises Unilever’s attempt to file a patent or our competitive advantage. To achieve maximum impact in the scientific community, articles should appear in the highest level peer review journals. Publication timing must complement product launch schedules, so that launches are not compromised.




• Unilever corporate reputation, consumer loyalty and brand equity is founded on delighting our consumers and customers with products that meet/exceed their needs to ensure that we are their preferred choice every time. We are committed to protecting this reputation and driving profitable growth through the rigorous application of our Quality Management System which sets high standards for the design, production and delivery of products to the consumer
• Quality is the responsibility of every employee. We all have a part in maintaining Unilever’s processes for product quality management and continuous quality improvement and a passion for ensuring excellent consumer experience
• This Code Policy applies to all aspects of product quality including design, formulation, raw materials, primary/secondary/tertiary packaging, manufacture, storage, transport, display, marketing, sales and disposal of Unilever branded products, in Unilever, third party or business partner facilities

Employees involved in the development, procurement, engineering, manufacturing, distribution, marketing and sales of our products must:
• Implement all Quality Management Standards.
• Improve quality performance through systematic application of structured continuous improvement.
• Protect Unilever’s brand equity by effectively managing food safety laws, other legal requirements and ensuring regulatory compliance of Unilever products.
• Reduce quality risks through maintaining and applying a system of Hazard Analysis and Critical Control Points (HACCP).
• Design quality requirements into products during innovation and development of new products, processes and packaging through application of prescribed standards and tools.
• Manage business partners, including suppliers and third party manufacturers and logistics providers so that supplied raw materials, packaging components, finished goods and promotional items meet Unilever’s quality specifications and requirements.
• Manufacture and distribute Unilever products to always meet customer, industry and Unilever requirements.
• Ensure facilities and equipment are fit for purpose and able to produce, store and transport products to meet quality standards.
• Maintain processes to locate and trace products quickly and effectively, across the supply chain in the event of a product non-conformance action or recall.
• Apply Unilever incident management procedure to retrieve non-conforming products from the market place.

• Apply an effective process to capture and respond appropriately to consumer and customer contacts.
Including mechanisms for establishing root cause, corrective actions and implementation of preventative steps.
• Apply an effective process to record and measure quality parameters and data.
• Ensure they have the required knowledge before taking decisions that impact quality.

Employees involved in quality activities must not:
• Knowingly produce or distribute products, including promotional items, or services that could endanger employees, customers, consumers and/or Unilever’s brand reputation.
• Ignore any information regarding potential/actual product quality/safety. These must be discussed with your line management immediately.
• Falsify or hide quality measurements, data and results.
• Take decisions about quality if they believe they do not have sufficient knowledge or skill.
• Respond to customers or consumers about the quality/safety of products unless you are authorised to do so.

• Our requirements of suppliers – that is, companies who supply Unilever with any goods and/or services, across both production and non-production areas of our business – are set out in our Supplier Code
• Increasingly, legislators and regulators are looking to hold large, well known companies like Unilever ‘responsible’ for any breaches of certain laws or regulations by their suppliers and are levying significant fines


Employees who contract and/or work with Unilever’s suppliers must:
• Read and understand Unilever’s Supplier Code (see below). If you have any questions about this, you must consult your line manager/supervisor or the relevant Supply Management business partner.
• If you realise, or suspect, suppliers are not meeting the requirements within the Supplier Code, notify your line manager/supervisor and, if appropriate, the relevant Supply Management business partner.
• Ensure that any short-lists or tendering processes for new suppliers, for which you are responsible, consider potential suppliers’ credentials in the areas covered by the Supplier Code.
All Unilever Purchasing Agreements/Contracts (UPAs/UPCs), Master and Local Purchase Agreements (MPAs/LPAs) or Unilever Master Services Agreements (UMAs) specify that suppliers must acknowledge adherence to our Supplier Code as a condition of supply. Purchase orders processed using the Ariba system also include a standard clause stipulating that compliance with Unilever’s Supplier Code is mandatory for our suppliers.
The standard clause states that “Each Supplier and the Supplier’s Parent company acknowledges that it has reviewed Unilever’s Supplier Code (“Supplier Code”) and agrees that all of their activities shall be conducted in accordance with the Supplier Code.
The Buyer may from time to time carry out an audit or other checks on Supplier Code compliance either performed by it or any third party and each Supplier shall respond promptly to requests from the Buyer for information relating to compliance with the Supplier Code by it.
Employees who contract and/or work with Unilever’s suppliers must not agree to any changes in this clause or its exclusion from any UPAs, UPCs, MPAs, LPAs, UMAs or Ariba-processed purchase orders without the prior written authorisation of your Regional VP Supply Management.

• There shall be compliance with all applicable laws and regulations of the country where operations are undertaken.
• There shall be respect for human rights, and no employee shall suffer harassment, physical or mental punishment, or other form of abuse.
• Wages and working hours will, as a minimum, comply with all applicable wage and hour laws, and rules and regulations, including minimum wage, overtime and maximum hours in the country concerned.
• There shall be no use of forced or compulsory labour, and employees shall be free to leave employment after reasonable notice.
• There shall be no use of child labour, and specifically there will be compliance with relevant ILO standards.
• There shall be respect for the right of employees to freedom of association and recognition of employees’ rights to collective bargaining, where allowable by law.
• Safe and healthy working conditions will be provided for all employees.
• Operations will be carried out with care for the environment and will include compliance with all relevant legislation in the country concerned.
• All products and services will be delivered to meet the quality and safety criteria specified in relevant contract elements, and will be safe for their intended use.
• Business will be conducted with integrity.
There will be no payments, services, gifts, entertainment or other advantages offered or given to any Unilever employee or third party which are intended to influence the way in which the Unilever employee or third party goes about his or her duties. Similarly, Unilever will not offer or give such payments, services, gifts, entertainment or other advantages to any supplier which are intended to influence the way in which the supplier goes about his or her duties. There will be no actual or attempted money laundering.
11. Unilever’s direct suppliers will take responsibility to require adherence to the principles of this Supplier Code from their direct suppliers and exercise diligence in verifying that these principles are being adhered to in their supply chains.

• Unilever companies must operate in accordance with the principles of fair competition and all applicable regulations (see also ‘Living with Competition Law Compliance’ on inside.Unilever)
• Companies that break competition laws can incur severe fines (up to 10% of global turnover for a single infringement).
• Investigations by competition authorities may result in significant costs and could damage our reputation
• Violations of competition laws are also increasingly a criminal offence for companies and employees and may lead to fines and/or imprisonment
• Competition laws vary between countries, but many prohibit anti-competitive agreements between competitors – or ‘cartels’. In Unilever, participation in cartels is prohibited in all countries
• Competition authorities work together to detect common issues. Business practices in one country may trigger the competition laws of other countries

Cluster/country EVPs/Heads must ensure that:
• Legal prohibitions and requirements – in addition to those relating to cartels – that apply to employees in the country/countries for which you are responsible, have been identified, documented and approved by the Legal Group.
• Communication and training programmes addressing all relevant competition law prohibitions and requirements have been approved by the Legal Group and implemented in the countries for which you are responsible. These must include tailored programmes for specific and/or ‘high risk’ groups of employees.
All employees must:
• Follow requirements regarding competition law compliance – in addition to the global prohibition on participation in cartels – for the country/countries in which you operate and undertake all relevant training required.
• Consult the Legal Group immediately if you are unsure about the legality of any activity that may involve anticompetitive conduct. Where possible, always consult the Legal Group before you attend a meeting or agree something about which you have concerns.
Co-operating with competition authorities
Unilever co-operates fully with the competition authorities, while consistently and robustly defending its legitimate interests. All contact with competition authorities (including, where relevant, national courts) must be coordinated by the Legal Group as they are best placed to advise on steps necessary to comply with the law, follow required procedures and maintain confidentiality. For more details, see the code policy ‘Contact with government, regulators and nongovernmental organisations (NGOs).
Events involving competitors
Participation in industry or trade associations can be useful and legitimate, but you must take care that any contacts made are not used for anti-competitive purposes. This also applies to less formal meetings or events that involve competitors, such as awards ceremonies, social contacts.

Before going to a trade association or industry event, you must have had the relevant compliance training and received your supervisor/line manager’s approval to attend. At such events, you must object immediately if inappropriate topics are raised and leave immediately – and noticeably – if the inappropriate discussion continues. You must report such incidents immediately to your supervisor/line manager and the relevant Legal business partner.

Legitimate joint purchasing arrangements that have received prior written approval from the Legal Group are excluded from the above.

Traducción - italiano
• L'innovazione è parte fondamentale del successo commerciale di Unilever nonché elemento costitutivo della nostra strategia globale
• Difendiamo ricerca e sviluppo (R&S) sostenibili e ci impegniamo per dimostrare in tutte le attività di innovazione alti standard basati su solidi principi etici e tecnico scientifici
• La presente Policy del Codice si applica a tutte le attività di innovazione all'interno di Unilever, tra cui, a titolo esemplificativo, progettazione sicura e sostenibile di nuovi prodotti, attività di sviluppo prodotto, sviluppo del brand, nuovo packaging e ricerca esterna.
Difendiamo ricerca e sviluppo (R&S) sicuri e sostenibili e responsabili che rispettino appieno i nostri consumatori e la società
• Vengono qui fissati gli standard globali minimi da applicare ovunque.

• Rispettare tutte le leggi, norme e codici industriali applicabili di ogni paese nel quale operano, avere familiarità con quelle che sono rilevanti per la loro area di lavoro
• Assicurare che i rischi per la sicurezza del consumatore, la sicurezza sul lavoro e le sicurezza e l'impatto ambientale vengano valutati e gestiti come definito dallo Standard Unilever sulla Valutazione del Rischio di Sicurezza e dell’Impatto Ambientale (Pelican).
La sicurezza non è negoziabile.
• Assicurarsi che le nuove specifiche di materie prime, prodotti e packaging siano conformi ai relativi standard Unilever.
• Assicurare il rispetto del nostro diritto di valorizzare i risultati.
• I diritti di proprietà intellettuale Unilever devono essere protetti di concerto con terze parti, ove applicabile.
• Rispettare lo standard Unilever sugli studi umani sull'esame etico della ricerca su soggetti umani.
Unilever si impegna a garantire che la ricerca su soggetti umani venga condotta secondo i più alti standard etici, che sia obbligatorio per legge oppure no. Rispettare gli standard Unilever sulla sperimentazione animale e la procedura di approvazione. Unilever è impegnata nell'eliminazione della sperimentazione animale, senza compromettere gli alti standard di salute del consumatore e sicurezza del prodotto. Laddove la sperimentazione è obbligatoria per legge, o dove non esistono alternative non-animali, ci impegniamo a utilizzare il minor numero di animali possibile.

• Rispettare gli standard aziendali Unilever su brevetti e progetti, ove applicabile. Unilever si batte per un equilibrio ottimale tra costi e benefici di tutti i diritti di brevetto e disegno acquisiti, o sviluppati da o per conto dell'azienda.
• Mantenere e rendere accessibili i registri delle proprie ricerche. Documentare e riportare pienamente i dati e i protocolli di studio, le relative interpretazioni e decisioni prese per assicurare tracciabilità e trasparenza, nel rispetto con le buone prassi scientifiche.
• Garantire che le collaborazioni esterne siano compatibili con il nostro Codice dei principi aziendali rispetto a condotta etica, con gli standard Unilever sugli studi umani e la sperimentazione animale, e con le indicazioni mondiali sulla concorrenza.
• Fare attenzione che nessun lavoro pubblicato metta a rischio il tentativo di Unilever di depositare un brevetto o il nostro vantaggio competitivo. Per ottenere il massimo impatto nella comunità scientifica, gli articoli devono essere pubblicati in riviste specializzate del più alto livello. La tempistica di pubblicazione deve essere complementare ai programmi di lancio prodotto così che questi non vengano compromessi.


• La reputazione aziendale Unilever, la fedeltà del consumatore e il valore del marchio si fondano sul deliziare i nostri consumatori e clienti con prodotti che ne soddisfano/superano i bisogni per essere certi di essere sempre la loro scelta preferita. Ci impegniamo a proteggere questa reputazione e a stimolare una crescita proficua attraverso l'applicazione rigorosa del nostro Sistema di gestione della qualità che fissa alti standard per la progettazione, la produzione e la distribuzione dei prodotti al consumatore
• Ogni dipendente è responsabile della qualità. Siamo tutti coinvolti nel mantenimento dei processi Unilever per la gestione della qualità del prodotto e il miglioramento continuo della qualità e abbiamo tutti una passione per assicurare al consumatore un esperienza eccellente.
• La presente Policy del Codice si applica a tutti gli aspetti relativi alla qualità del prodotto, incluso design, formulazione, materie prime, packaging primario/secondario/terziario, fabbricazione, conservazione, trasporto, esposizione, commercializzazione, vendita e smaltimento dei prodotti a marchio Unilever, negli stabilimenti Unilever, di terze parti o di partner commerciali.

I dipendenti coinvolti in sviluppo, approvvigionamento, progettazione, produzione, distribuzione, commercializzazione e vendita dei nostri prodotti devono:
• Mettere in atto tutti gli standard di gestione della qualità
• Migliorare le prestazioni di qualità attraverso l'applicazione sistematica del miglioramento continuo strutturato.
• Salvaguardare il valore del marchio Unilever gestendo in modo efficace le normative in materia di sicurezza alimentare e altri requisiti legali e assicurando la conformità normativa dei prodotti Unilever.
• Ridurre i rischi inerenti la qualità mantenendo e applicando un protocollo di Analisi dei Pericoli e Controllo dei Punti Critici (HACCP).
• Tenere conto dei requisiti di qualità del prodotto durante l'innovazione e lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e packaging attraverso l'applicazione degli standard e degli strumenti prescritti.
• Gestire i partner commerciali, compresi fornitori, costruttori di terze parti e fornitori logistici, in modo tale che le materie prime fornite, i componenti del packaging, i beni finiti e gli articoli promozionali rispondano alle specifiche e ai requisiti di qualità Unilever.
• Produrre e distribuire prodotti Unilever che soddisfino sempre i requisiti del cliente, del settore e di Unilever.
• Garantire che gli stabilimenti e le attrezzature siano idonee allo scopo e in grado di produrre, conservare e trasportare i prodotti conformemente agli standard di qualità.
• Mantenere processi per individuare e tracciare i prodotti in modo rapido ed efficace lungo la filiera, in caso di azione o ritiro di prodotti non conformi.
• Applicare la procedura di gestione incidenti Unilever per recuperare dal mercato i prodotti non conformi.
• Applicare un processo efficace per accogliere e rispondere in modo adeguato ai contatti di clienti e consumatori,
che comprenda anche meccanismi per stabilire causa, azioni correttive e attuazione di misure preventive.
• Applicare un processo efficace per registrare e misurare i parametri e i dati di qualità.
• Prima di prendere decisioni che si ripercuotono sulla qualità, assicurarsi di avere le conoscenze necessarie .

I dipendenti coinvolti nelle attività inerenti la qualità non devono:
• Produrre o distribuire intenzionalmente prodotti, compresi articoli promozionali, o servizi che potrebbero mettere a rischio dipendenti, clienti, consumatori e/o la reputazione del marchio Unilever.
• Ignorare qualsiasi informazione relativa alla qualità/sicurezza potenziale/effettiva del prodotto. Tali informazioni devono essere discusse immediatamente con il proprio caporeparto.
• Falsificare o occultare dati, risultati e misurazioni della qualità.
• Prendere decisioni sulla qualità se si reputa di non avere le conoscenze o competenze adeguate.
• Rispondere a clienti o consumatori su qualità/sicurezza dei prodotti, a meno che non si è autorizzati a farlo.

• I requisiti dei fornitori, ossia le aziende che forniscono a Unilever qualsiasi bene e/o servizio, nelle aree di produzione e non, sono delineati nel nostro Codice dei Fornitori.
• Sempre più spesso, legislatori ed autorità di regolamentazione cercano di attribuire ad aziende grandi e conosciute come Unilever la responsabilità di eventuali violazioni di determinate leggi o norme da parte dei propri fornitori, e le sanzioni applicate sono significative.


I dipendenti che ingaggiano e/o lavorano con fornitori Unilever devono:
• Leggere e comprendere il Codice Fornitori di Unilever (vedi sotto); In caso di domande, consultare il caporeparto/supervisore o il partner commerciale di gestione degli approvvigionamenti competente.
• Nel caso in cui si realizzi, o sospetti, che i fornitori non rispondano ai requisiti contenuti nel Codice Fornitori, farlo presente al proprio caporeparto/supervisore e, se del caso, al partner commerciale di gestione degli approvvigionamenti competente.
• Assicurarsi che tutte le gare d'appalto o i processi di inserimento in elenchi di idoneità per nuovi fornitori, di cui si è responsabili, tengano in considerazione le credenziali dei potenziali fornitori nelle aree di competenza del Codice Fornitori.
Tutti gli accordi/contratti di acquisto Unilever (UPA/UPC), gli accordi quadro e gli accordi locali di acquisto (MPA/LPA) o gli accordi quadro di servizi Unilever (UMA) specificano che condizione di fornitura è il riconoscimento e l'adesione da parte dei fornitori al nostro Codice Fornitori. Gli ordini di acquisto elaborati con sistema Ariba contengono una clausola standard che stabilisce l'obbligo per i fornitori di rispettare il Codice Fornitori Unilever.
Tale afferma che "Ciascun fornitore e relativa Controllante conferma di aver preso visione del Codice Fornitori Unilever ("Codice Fornitori") e conferma che tutte le proprie attività saranno condotte nel rispetto del Codice Fornitori.
L'Acquirente potrà di volta in volta effettuare verifiche o controlli di altro tipo circa la conformità del Fornitore o eventuali terze parti al Codice Fornitori, e ogni Fornitore è tenuto a rispondere tempestivamente a richieste da parte dell'Acquirente di informazioni relative alla conformità al Codice Fornitori.
I dipendenti che ingaggiano e/o lavorano con fornitori Unilever non devono acconsentire ad alcuna modifica della presente clausola o la sua esclusione da UPA, UPC, MPA, LPA, UMA o ordini di acquisto elaborati con Ariba senza la previa autorizzazione scritta del VP regionale di gestione approvvigionamenti.

• Devono essere rispettate tutte le leggi e le norme applicabili del paese in cui si intraprendono le operazioni.
• Deve esserci rispetto per i diritti umani e nessun dipendente deve subire molestie, punizioni fisiche o mentali o altre forme di abuso.
• Le retribuzioni e gli orari di lavoro osservano, almeno, tutte le leggi, norme e regolamentazioni applicabili in materia di retribuzioni e orari, compreso salario minimo, straordinari e limite massimo di ore del paese interessato.
• Non si ricorre a lavoro forzato o obbligatorio, e i dipendenti hanno la libertà di abbandonare l'impiego dopo un ragionevole preavviso.
• Non si ricorre al lavoro minorile, e in particolare vengono rispettati gli standard dell'OIL in materia.
• Viene rispettato il diritto alla libertà di associazione dei dipendenti e se ne riconosce il diritto di contrattazione collettiva, ove permesso dalla legge.
• A tutti i dipendenti vengono offerte condizioni di lavoro sane e sicure.
• Le operazioni vengono condotte nel rispetto dell'ambiente e delle relative norme del paese in questione.
• Tutti i prodotti e i servizi sono realizzati nel rispetto dei criteri di qualità e sicurezza specificati negli elementi del contratto e sono sicuri per gli usi previsti.
• L'attività viene condotta con integrità.
Non vengono offerti o elargiti ai dipendenti Unilever o a terze parti pagamenti, servizi, doni, intrattenimento o altri vantaggi che abbiano come scopo quello di influenzare il modo in cui dipendenti Unilever o terze parti svolgono i propri compiti. Analogamente, Unilever non offre o elargisce ad alcun fornitore tali pagamenti, servizi, doni, intrattenimento o altri vantaggi volti a influenzare il modo in cui il fornitore svolge i propri compiti. Non viene riciclato il denaro né tanto meno si cerca di farlo.
11. I fornitori diretti di Unilever si assumono la responsabilità di pretendere dai propri fornitori diretti il rispetto dei principi del presente Codice Fornitori ed esercitano diligenza nel verificare che la propria filiera aderisca a tali principi.

• Le società Unilever sono tenute a operare in base ai principi della concorrenza leale e conformemente a tutte le normative applicabili (vedere anche "Vivere in conformità alle leggi sulla concorrenza" su inside.Unilever)
• Le società che infrangono le leggi sulla concorrenza possono incorrere in sanzioni severe (fino al 10% del fatturato complessivo per singola violazione).
• Le indagini delle autorità garanti della concorrenza possono generare costi ingenti e danneggiare la nostra reputazione.
• Inoltre, le violazioni delle leggi sulla concorrenza sono sempre più spesso considerate reato per le aziende e i dipendenti e possono portare a sanzioni e/o detenzione.
• Sebbene le leggi sulla concorrenza siano diverse da paese a paese, molte proibiscono accordi anticoncorrenziali tra concorrenti, o "cartelli". In Unilever la partecipazione a cartelli è ovunque proibita.
• Le autorità garanti della concorrenza collaborano per individuare temi di interesse comune, per cui pratiche commerciali in un paese potrebbero portare a leggi sulla concorrenza in altri paesi.

Gli EVP/Capi cluster/paese devono garantire che:
• Il Gruppo Legale abbia identificato, documentato e approvato tutti i divieti e obblighi giuridici, oltre a quelli legati ai cartelli, che si applicano ai dipendenti nel/i paese/i di propria responsabilità.
• Il Gruppo Legale abbia approvato i programmi di formazione e comunicazione relativi agli obblighi e ai divieti giuridici attinenti e gli stessi siano stati implementati nei paesi di propria responsabilità. Questi devono includere programmi su misura per gruppi di dipendenti specifici e/o ad "alto rischio".
Tutti i dipendenti devono:
• Soddisfare i requisiti di conformità alle leggi sulla concorrenza, oltre al divieto globale di partecipare a cartelli, per il/i paese/i in cui si opera e intraprendere tutta la formazione pertinente necessaria.
• Consultare immediatamente il Gruppo Legale in caso di incertezza rispetto alla legalità di qualsiasi attività che può implicare comportamenti anticoncorrenziali. Ove possibile, consultare sempre il Gruppo Legale prima di partecipare a incontri o accettare qualcosa su cui si hanno dubbi.

Cooperare con le autorità garanti della concorrenza
Unilever offre la piena collaborazione alle autorità garanti della concorrenza, difendendo allo stesso tempo, in modo costante e deciso, i propri legittimi interessi. Tutti i contatti con le autorità garanti della concorrenza (compresi, se necessario, i tribunali nazionali) devono essere coordinati dal Gruppo Legale in quanto il più adatto a fornire indicazioni sulle misure necessarie per rispettare la legge, seguire le procedure necessarie e mantenere la riservatezza. Per ulteriori dettagli, vedere la Policy del codice "Contatti con governi, enti di regolamentazione e organizzazioni non governative (ONG).

Eventi che coinvolgono la concorrenza
Sebbene la partecipazione ad associazioni industriali o commerciali possa essere utile e legittimo, occorre fare attenzione a che nessun contatto venga utilizzato a scopi anticoncorrenziali. Questo vale per gli incontri o gli eventi meno formali che coinvolgono la concorrenza, come cerimonie di premiazione, contatti sociali.
Prima di partecipare a eventi di associazioni industriali o commerciali, occorre aver ricevuto la necessaria formazione sulla conformità nonché l'approvazione del proprio caporeparto/supervisore a partecipare. Durante l'evento, nel caso in cui vengano sollevati argomenti inappropriati, il dipendente è tenuto a obiettare immediatamente e abbandonare l'evento immediatamente e in modo plateale se la discussione inappropriata prosegue. Riportare immediatamente tali incidenti al proprio responsabile/caporeparto e allo studio legale incaricato.

Sono esclusi da quanto sopra accordi di acquisto in comune legittimi preventivamente approvati per iscritto dal Gruppo Legale.
inglés a italiano: PROTECTING THE NATURAL ORAL MICROBIOME – A PARADIGM SHIFT
General field: Medicina
Detailed field: Mercadeo / Estudios de mercado
Texto de origen - inglés
PROTECTING THE NATURAL ORAL MICROBIOME – A PARADIGM SHIFT
Written in collaboration with Professor Philip Marsh, Department of Oral Biology, School of Dentistry, University of Leeds, UK
THE ORAL MICROBIOME IN HEALTH
The mouth is colonised naturally by a diverse microbiota: a dynamic community of commensal microorganisms that have co-evolved with us, growing together with a few potentially harmful bacteria on oral surfaces as biofilms.1,2 In recent years, new technologies have provided further insights into both the diversity of the resident microbiota and the benefits provided by the oral microbiome.2
The relationship between the microbiota and its host is dynamic and, whilst in the healthy mouth the composition of the microbial communities is remarkably stable, biological changes such as eruption of teeth, flow of saliva, diet, smoking, hygiene and lifestyle factors can all affect the balance of the species within these communities.1
As our understanding increases, it is becoming clear that a balanced microbiome has many beneficial functions for us and can help to protect against disease.1,5,6
THE ORAL MICROBIOME IN DISEASE – DYSBIOSIS
Many bacteria associated with disease can be found on occasions in low numbers at healthy sites.1
Changes in lifestyle or diet can shift the balance between beneficial symbionts and harmful microorganisms, resulting in alterations in the composition and metabolism of the oral microbiota, leading to dysbiosis and the development of pathogenic states such as caries and periodontal disease.1,7
Oral microbiota describes the community of microbes that live in the mouth.3
Oral microbiome refers to the genetic make-up of the whole of the microbiota, as well as the products of the microbiota and the host environment.3,4
BENEFICIAL FUNCTIONS OF A BALANCED ORAL MICOBIOME
Confers resistance to colonisation by pathogens
Maintains a healthy digestive tract
Has antioxidant activity
Regulates the cardiovascular system
Supports host defence functions
Has antiinflammatory properties
INFLAMMATION AND DYSBIOSIS IN PERIODONTAL DISEASE
In periodontal disease, inflammation resulting from plaque accumulation causes an increased flow of the nutrient-rich gingival crevicular fluid, and the site to become more anaerobic. These changes favour the growth of anaerobic and protein-dependant bacteria that reside in the gingival crevice, driving a shift from a symbiotic microbiome to dysbiosis.1 The dysbiotic microbiota induces the destruction of the periodontal tissue, which in turn provides new tissue breakdown-derived nutrients for the bacteria.9 This dysbiotic microbial community subverts the host response so that most tissue damage is attributable to an inappropriate and uncontrolled level of inflammation. Dysbiotic bacterial communities have evolved to take advantage of this source of nutrients, which promotes further dysbiosis and tissue disruption, creating a self-perpetuating pathogenic cycle.9

Dysbiosis is the break down of the symbiotic relationship between the host organism and its resident microbiota.8
Because of the many health benefits provided by the oral microbiota, it is important to protect its synergistic relationship with the host and to nurture its beneficial members by maintaining their relative proportions in the mouth.1

THE ROLE OF SALIVA IN KEEPING A BALANCED MICROBIOME
Saliva is an important source of growth substrates for bacteria and plays a vital role in maintaining a benign commensal microbiota in the mouth.10
Proteins such as lysozyme, lactoperoxidase, lactoferrin and other antibacterial components in saliva help to keep the oral microbiota balanced by protecting against overgrowth by pathogenic species.10
A PARADIGM SHIFT IN MANAGING ORAL DISEASE: PRACTICAL IMPLICATIONS FOR THE DENTIST
Our improved insight into the beneficial role and complex composition of the oral microbiome has increased our focus on holistic approaches to address the dysbiosis that drives oral disease.
• The traditional oral healthcare approach includes adding exogenous bactericidal agents to products, aiming to kill the resident microbiota and reduce plaque. Based on recent research, the next evolution in plaque management aims to use antimicrobial agents to stabilise the natural and beneficial oral microbiome, as part of preventative care1
• Other strategies to protect the ecosystem in the mouth and prevent conditions like caries include reducing frequency of sugar consumption (for example, by replacing sugar with non-fermentable sweeteners), boosting saliva flow (for example, with sugar-free chewing gum), using agents that reduce acid production and promoting remineralisation with fluoride1
• It is also important to keep the biofilm thin by mechanical means such as tooth brushing and flossing, rather than letting it accumulate and mature to create conditions for pathogenic bacteria to flourish
• Patients are recommended to follow a healthy lifestyle, for example, by eating a good balanced diet rich in antioxidants, reducing the frequency of dietary sugars and avoiding smoking7,11
• For periodontal control, treatment strategies should aim to remove the mature biofilm, thereby reducing inflammation and the accompanying flow of gingival crevicular fluid, and to promote a favourable microenvironment to support formation of a balanced microbiome1
• Strengthening the healthy oral microbiota by including probiotics and prebiotics in oral healthcare products has shown promise and is currently in the spotlight of research12
• Oral health care approaches to enhance the naturally occurring microbial protection systems in the mouth should be considered
SUMMARY
The balanced oral microbiome has a symbiotic relationship with its host, and provides important health benefits.
At times, the finely tuned ecosystem in the mouth can become perturbed, leading to dysbiosis and disease.
An appreciation of the diverse ecosystem of the mouth helps the oral healthcare professional to take a holistic approach to treatment, which should consider factors that can affect the balance and activity of the oral microbiome, such as habits and lifestyle choices (e.g. smoking, diet) and patient characteristics (e.g. genetic factors, general well-being).
Philip Marsh is Professor of Oral Microbiology at the School of Dentistry, University of Leeds, UK. His research interests include dental biofilms and oral microbial ecology, especially the influence of environmental factors on the composition and activity of the oral microbiota. Professor Marsh is also a co-author of a leading textbook, Oral Microbiology, published by Churchill Livingstone.
Traducción - italiano
PROTEGGERE IL NATURALE MICROBIOMA ORALE: UNA SVOLTA PARADIGMATICA
Redatto in collaborazione con il professor Philip Marsh, Dipartimento di biologia orale, Scuola di Odontoiatria, Università di Leeds, UK
IL MICROBIOMA ORALE NELLA SALUTE
La bocca è naturalmente colonizzata da un complesso microbiota: dinamica comunità di microrganismi commensali che si sono evoluti assieme a noi, crescendo come biofilm con alcuni batteri potenzialmente pericolosi sulle superfici orali. 1,2 Negli ultimi anni, grazie alle nuove tecnologie è stato possibile acquisire nuove conoscenze sia sulla diversità del microbiota sia sui benefici offerti dal microbioma orale.2
La relazione tra il microbiota e il suo ospite è dinamica e, se in una bocca sana la composizione delle comunità microbiche è decisamente stabile, cambiamenti biologici quali dentizione, salivazione, dieta, fumo, igiene e stile di vita possono tutti influenzare l'equilibrio delle specie all'interno di queste comunità.1
Con l'aumentare delle conoscenze a nostra disposizione, sta diventando chiaro che un microbioma bilanciato svolge diverse funzioni benefiche e può contribuire a proteggerci dalle malattie. 1,5,6
IL MICROBIOMA ORALE NELLE PATOLOGIE - DISBIOSI
In un ambiente sano, il numero rinvenibile di batteri associati a patologie è spesso molto basso.1
Un cambiamento nello stile di vita o nella dieta può modificare l'equilibrio tra simbionti benefici e microrganismi pericolosi, con conseguente alterazione della composizione e del metabolismo del microbiota orale e successiva disbiosi e sviluppo di stati patogeni come carie e malattie parodontali.1,7
Il microbiota orale descrive la comunità di microbi che vivono nella bocca.3
Il microbioma orale si riferisce al corredo genetico di tutto il microbiota, nonché ai prodotti del microbiota e all'ambiente ospitante.3,4
FUNZIONI BENEFICHE DI UN MICROBIOMA ORALE BILANCIATO
Conferisce resistenza contro la colonizzazione di agenti patogeni
Mantiene sano il tratto digestivo
Funge da antiossidante
Regola il sistema cardiovascolare
Sostiene le funzioni di difesa dell'ospite
Ha proprietà antinfiammatorie
INFIAMMAZIONE E DISBIOSI NELLE MALATTIE PARODONTALI
Nelle malattie paradontali, l'infiammazione dovuta all'accumulo di placca provoca un maggiore flusso del fluido crevicolare gengivale, ricco di nutrienti, rendendo il sito più anaerobico. Questi cambiamenti favoriscono la crescita di batteri anaerobici e proteina-dipendenti che risiedono nelle fessure gengivali, avviando il passaggio da un microbioma simbiotico alla disbiosi.1 Il microbiota disbiotico induce la distruzione dei tessuti periodontali, che a sua volta fornisce ai batteri nuovi nutrienti derivati dal breakdown tessutale.9 Questa comunità microbica disbiotica sovverte la risposta dell'ospite così che la maggior parte del danno tessutale è attribuibile a un livello di infiammazione inadeguato e incontrollato. Le comunità batteriche disbiotiche si sono evolute per trarre vantaggio da questa fonte di nutrimento, cosa che promuove ulteriore disbiosi e distruzione tessutale, dando vita a un ciclo patogeno che si auto-alimenta.9

La disbiosi è la rottura del legame simbiotico tra l'organismo ospite e il microbiota residente.8
Per via dei molteplici benefici sulla salute offerti dal microbiota orale, è importante proteggerne il rapporto sinergico con l'ospite e tutelarne i membri benefici mantenendo le relative proporzioni nella bocca.1

IL RUOLO DELLA SALIVA NEL MANTENIMENTO DI UN MICROBIOMA BILANCIATO
La saliva è una importante fonte di sostrati di crescita per i batteri e riveste un ruolo vitale nel mantenimento di un microbiota di commensali benigni nella bocca.10
Proteine, quali lisozima, lattoperossidasi e lattoferrina, e altri componenti antibatterici contenuti nella saliva aiutano a mantenere l’equilibrio del microbiota orale, proteggendo contro l'eccessiva proliferazione di specie patogene.10
UNA SVOLTA PARADIGMATICA NELLA GESTIONE DELLE MALATTIE ORALI: IMPLICAZIONI PRATICHE PER I DENTISTI
Grazie alla migliore comprensione del ruolo benefico e della complessa composizione del microbioma orale, ci siamo concentrati maggiormente su approcci olistici per affrontare la disbiosi causa di malattie orali.
• L'approccio tradizionale alla salute orale prevede, tra le altre cose, l'aggiunta di agenti battericidi esogeni ai prodotti, allo scopo di uccidere il microbiota residente e ridurre la placca. In base alle recenti ricerche, la prossima evoluzione nella gestione della placca mira a utilizzare agenti antimicrobici per stabilizzare il naturale e benefico microbioma orale, nell'ambito della prevenzione1
• Fra le altre strategie di protezione dell'ecosistema presente nella bocca e di prevenzione di condizioni come la carie, figurano la riduzione della frequenza di consumo degli zuccheri (sostituendo, ad esempio, lo zucchero con dolcificanti non fermentescibili), l'aumento della salivazione (ad esempio, con chewing gum senza zucchero), l’uso di agenti che riducono la produzione di acido e promuovono la rimineralizzazione con fluoro1
• È inoltre importante mantenere sottile il biofilm con mezzi meccanici, quali spazzolino e filo interdentale, piuttosto che lasciare che si accumuli e maturi, creando le condizioni per la proliferazione di batteri patogeni
• Si raccomanda ai pazienti di seguire uno stile di vita sano, ad esempio seguendo una dieta ben bilanciata ricca di antiossidanti, riducendo la frequenza di assunzione di zuccheri alimentari ed evitando di fumare7,11
• Per il controllo paradontale, le strategie terapeutiche devono mirare a rimuovere il biofilm maturo, riducendo così l'infiammazione e il flusso del fluido crevicolare gengivale che ne deriva, e promuovere un microambiente favorevole per sostenere la formazione di un microbioma bilanciato1
• Il rafforzamento del microbiota orale sano aggiungendo probiotici e prebiotici ai prodotti per la salute orale si è rivelato promettente ed è attualmente oggetto di ricerca12
• Dovrebbero essere considerati gli approcci alla salute orale per rafforzare i sistemi di protezione microbica naturalmente presenti nella bocca
IN BREVE
Il microbioma orale equilibrato ha un rapporto simbiotico con l'ospite e offre importanti benefici per la salute.
A volte, il raffinato ecosistema della bocca si può perturbare, portando a disbiosi e malattie.
Un apprezzamento del complesso ecosistema della bocca aiuta dentisti ed odontoiatri ad adottare un approccio olistico verso il trattamento, che dovrebbe tenere in considerazione i fattori che possono influire sull'equilibrio e sull'attività del microbioma orale, come le abitudini e lo stile di vita (ad es. fumo, dieta) e le caratteristiche del paziente (ad es. fattori genetici, benessere generale).
Philip Marsh è professore di microbiologia orale presso la Scuola di Odontoiatria, Università di Leeds, UK. Le sue ricerche interessano tra le altre cose i biofilm e l'ecologia microbica orale, in particolare l'influenza di fattori ambientali sulla composizione e sull'attività del microbiota orale. Il professor Marsh è inoltre co-autore di un importante libro di testo, Oral Microbiology, pubblicato da Churchill Livingstone.

Formación en el ámbito de la traducción Bachelor's degree - Università degli Studi di Roma - La Sapienza
Experiencia Años de experiencia: 13 Registrado en ProZ.com: Nov 2015 Miembro desde Jan 2017
ProZ.com Certified PRO certificate(s)
Credenciales inglés a italiano (Sapienza - Università degli Studi di Roma, verified)
español a italiano (Sapienza - Università degli Studi di Roma)
Miembro de N/A
Software Across, Catalyst, Fluency, MateCat, MemSource Cloud, Microsoft Excel, Microsoft Office Pro, Microsoft Word, Xbench, SDL TRADOS, Subtitle Workshop
Events and training
Prácticas profesionales Wanda Salatino apoya ProZ.com's Directrices profesionales.
Bio
Translation has always been my passion.

When I watch a dubbed/subtitled film or read a translated book, my antennas automatically go up and I start thinking about the source and possible translations.

Over the years I have been fortunate enough to turn my passion into a career.

Every project I accept is completed with the utmost precision, as I take great pride in the responsibility inherent to this profession.

Este miembro obtuvo puntos KudoZ al ayudar a otros traductores a traducir términos de nivel PRO. Haga clic en total(es) de puntos para ver los términos traducidos.

Total de ptos. obtenidos: 18
(Todos de nivel PRO)


Idioma (PRO)
inglés a italiano18
Campos generales con más puntos (PRO)
Técnico/Ingeniería8
Ciencias4
Otros4
Medicina2
Campos específicos con más puntos (PRO)
Ingeniería (general)8
Química, Ciencias/Ing. quím.4
Fotografía/Imagen (y artes gráficas)4
Medicina: Cardiología2

Ver todos los puntos obtenidos >
Palabras clave: italian, accurate, on time, flexible, engineering, technology, energy, wind, mechanics, medicine, science, instructions, manuals, medical devices, SDS, IFU, implantology, clinical studies, trados, catalyst, memoq, maintenance, procedures, dentistry, clinical trials, clinical trial, clinical study, NDA, pharmacology, dental implants, pumps, slurry pump, wind farm, nacelle, blade, microbioma, due diligence, privacy policy, EU, Clinical trial agreements, User manuals for medical software, User manuals, medical software, Study drug labels, Case report form, CRF, cartelle cliniche, cartella clinica


Última actualización del perfil
Nov 23, 2020



More translators and interpreters: inglés a italiano - español a italiano   More language pairs



Your current localization setting

español

Select a language

All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Búsqueda de términos
  • Trabajos
  • Foros
  • Multiple search