Dynamic content (javascript) disabled in this profile. FAQ | Settings...


Miembro desde Jan '04

Idiomas de trabajo:
inglés a italiano
italiano a inglés
español a italiano
español a inglés
italiano (monolingüe)

Metafrasi srl
Skilled in the Art of Patent Translation

Italia
Hora local: 17:45 CET (GMT+1)

Idioma materno: italiano Native in italiano, inglés Native in inglés
Feedback from
clients and colleagues

on Willingness to Work Again info
26 positive reviews
Preferencia del traductor
para volver a trabajar (LWA)

Past 5 years
(2 entries)
5
Last 12 months
(0 entries)
0
Total: 52 entries
This person has translated 1,243 words for Translators without Borders
This person is a top KudoZ point holder in English to Italian
Mensaje del usuario
Skilled in the art of patent translations.
Tipo de cuenta Profesional autónomo agencia/empresa, Identity Verified Miembro con identidad verificada
Data security Created by Evelio Clavel-Rosales This person has a SecurePRO™ card. View now.
Afiliaciones
This person is listed as an employee of:
Blue Board affiliation:
Servicios Translation, MT post-editing, Operations management, Sales, Vendor management, Project management, Desktop publishing, Training, Software localization, Website localization, Editing/proofreading, Transcription
Especialización
Se especializa en
TI (Tecnología de la información)Aeroespacial / Aviación / Espacio
Derecho: patentes, marcas registradas, derechos de autorPatentes
Química, Ciencias/Ing. quím.Medicina: Farmacia
Construcción / Ingeniería civilMecánica / Ing. mecánica
TelecomunicacionesElectrónica / Ing. elect.

Volunteer translations

Volunteer professional humanitarian translation services-

Translators without Borders

Words translated: 1,243
Moneda preferida EUR
Actividad en KudoZ (PRO) Puntos de nivel PRO 3035, Preguntas respondidas: 1288, Preguntas formuladas: 269
Historial de proyectos 1 proyectos mencionados

Payment methods accepted Visa, MasterCard, Transferencia electrónica, Marque, Giro | Send a payment via ProZ*Pay
Company size 4-9 employees
Year established 1998
Currencies accepted Euro (eur), U. S. dollars (usd)
Muestrario Muestras de traducción: 6
italiano a inglés: Telecom Patent
Texto de origen - italiano
[001] Il sistema disaccoppiatore e istanziatore di modello di flusso di lavoro di ordine dinamico ("sistema") esegue la scomposizione degli ordini di servizio. Il sistema riceve una struttura di ordini di servizio e genera un elenco non gerarchico di prodotti dalla struttura di ordini di servizio. L’elenco non gerarchico di prodotti può essere generato scomponendo la struttura di ordini di servizio in singole voci di azione-prodotto che compongono l’elenco non gerarchico di prodotti.
[002] Inoltre, il sistema seleziona le singole voci di azione-prodotto dall’elenco non gerarchico di prodotti e individua in un file di vettorizzazione o altro file di configurazione, un elenco di sequenza di attività corrispondente alla prima singola voce di azione-prodotto. Le singole voci di azione-prodotto specificano attività e sistemi di destinazione per l’implementazione delle singole voci di azione-prodotto. Il metodo crea quindi vettori di prodotti estesi per implementare le singole voci di azione-prodotto. Ciascun vettore di prodotto esteso può includere un identificatore di sistema di destinazione, una priorità di sistema di destinazione, un identificatore di attività e una priorità di attività specificata dall’elenco di sequenza di attività. Vi possono essere uno o più vettori di prodotti estesi che vengono generati per implementare qualsiasi data voce di azione-prodotto.
[003] Il sistema scrive i vettori di prodotti estesi come righe singole in un database di esecuzione ordini. I poller sul database di esecuzione ordini recuperano le singole righe in un ordine controllato per priorità e iniziano l’esecuzione delle attività specificate sui sistemi di destinazione specificati. I poller sono anche responsabili delle dipendenze tra attività, garantendo che le attività superiori vengano completate prima delle attività secondarie dipendenti. I sistemi di destinazione restituiscono i risultati dell’esecuzione delle attività e un processo di aggiornamento del database aggiorna in modo reattivo lo stato di esecuzione nel database di esecuzione ordini.
[004] Il sistema può inoltre includere la tracciatura di attività ad aspetti multipli. Tale tracciatura può includere un aspetto di identificatore esterno di tracciare le attività mediante identificatori esterni altamente configurabili. Un altro aspetto, un aspetto di errore, include la tracciatura di errori che si verificano quando i sistemi di destinazione tentano di eseguire attività, e la categorizzazione di tali errori in gruppi. La tracciatura ad aspetti multipli fornisce una visione dettagliata dello stato di ciascuna attività, aiutando a risolvere il problema tecnico di implementare un’esecuzione ordinata di richieste complesse di prodotti mantenendo al contempo una visione trasparente dello stato di esecuzione in ogni fase dell’esecuzione dell’attività. Le funzioni di tracciatura di attività ad aspetti multipli eliminano anche l’onere di dover eseguire manualmente ricerche in complessi file di registro per stabilire lo stato delle attività. Inoltre, la distinzione di errori in gruppi facilita la gestione personalizzata di tipi diversi di errori. Di conseguenza, il sistema può implementare paradigmi per la risoluzione di errori diversi che rispondono al gruppo di errori assegnato a un errore. Tale elaborazione aiuta a risolvere la sfida tecnica di stabilire ed eseguire l’azione correttiva appropriata per ogni dato errore.
[009] Ulteriori sistemi, metodi, caratteristiche e vantaggi saranno o diventeranno maggiormente evidenti agli esperti della tecnica dalla seguente descrizione dettagliata e dalle figure. Tali sistemi, metodi, caratteristiche e vantaggi aggiuntivi sono tutti inclusi in questa descrizione e rientrano nell’ambito dell’invenzione, e sono protetti dalle rivendicazioni seguenti.
Traducción - inglés
[001] The dynamic order workflow template instantiator and decoupler system ("system") carries out service order decomposition. The system receives a service order structure and generates a non-hierarchical product list from the service order structure. The non-hierarchical product list may be generated by decomposing the service order structure into individual product-action entries that make up the non-hierarchical product list.
[002] In addition, the system selects the individual product-action entries from the non-hierarchical product list and locates in a vectorization file or other configuration file a task sequence list matching the first individual product-action entry. The individual product-action entries specify target systems and tasks for implementation of the individual product-action entries. The method then creates extended product vectors for implementing the individual product-action entries. Each extended product vector may include a target system identifier, a target system priority, a task identifier, and a task priority specified by the task sequence list. There may be one or more extended product vectors that are generated to implement any given product-action entry.
[003] The system writes the extended product vectors as individual rows in an order execution database. Pollers on the order execution database retrieve the individual rows in a priority controlled order and initiate execution of the specified tasks on the specified target systems. The pollers also account for task dependencies, ensuring that superior tasks are completed prior to dependent child tasks. The target systems return results of execution of the tasks, and a database update process responsively updates execution status in the order execution database.
[004] The system may further include multiple aspect task tracking. Such tracking may include an external identifier aspect of tracking tasks by highly configurable external identifiers. Another aspect, an error aspect, includes tracking errors that occur as the target systems attempt to execute tasks, and categorizing those errors into groups. The multiple aspect tracking provides detailed insight into the status of each task, helping to solve the technical problem of implementing orderly execution of complex product requests while maintaining a transparent view of execution status at each stage of task execution. The multiple aspect task tracking features also eliminate the burden of manually searching through complex log files to determine task status. Furthermore, the distinction of errors into groups facilitates customized handling of different types of errors. Accordingly, the system may implement different error resolution paradigms responsive to the error group assigned to an error. Such processing helps solve the technical challenge of determining and executing the appropriate corrective action for any given error.
Other systems, methods, features and advantages will be, or will become, apparent to one with skill in the art upon examination of the following figures and detailed description. All such additional systems, methods, features and advantages are included within this description, are within the scope of the invention, and are protected by the following claims.
inglés a italiano: Galaxy™ Nexus™ with Android 4.0
General field: Mercadeo
Texto de origen - inglés
Introducing Galaxy™ Nexus™ with Android 4.0

More Flexible and Feature-Rich User Interface
Android 4.0 serves up more of the features and flexibility people have come to love. Ice Cream Sandwich makes it easier to multi-task and keep track of open apps. It offers highly customizable home screens with resizable widgets. Plus, fonts and type are now easier to read. Android 4.0 impresses with its intuitive and polished user interface — first available on the Samsung Galaxy Nexus™ smartphone.

Here are some of the new user interface highlights:
• Multitasking just keeps getting better with new features that let you seamlessly move between tasks, view recent apps, and manage incoming messages.
• Seamless Design creates a clean look with virtual Back, Home, and Recent Apps buttons that remove all off-screen buttons from the phone’s face.
• Resizable widgets that can be easily expanded to show more content; or shrink them down to save space.
• Time-saving lock screen actions let you leapfrog directly to tasks, such as taking photos, checking messages or playing music.
• Swipe for faster response to dismiss notifications, tasks and browser tabs that may pop up.
• Improved text input and spell-checking for greater accuracy and speed. Error correction and word suggestions have also been enhanced thanks to a new and improved set of dictionaries.
• Powerful voice input engine that lets you dictate text, speak continuously for an extended time, pause for intervals, and even add punctuation to create grammatically correct sentences.
• Control over-network data to better meet your needs if you have a tiered or metered data plan.
• Greater accessibility tools for the blind and visually impaired, including explore-by-touch mode.
Traducción - italiano
Ti presentiamo il Galaxy™ Nexus™ con Android 4.0

Interfaccia utente più flessibile e con tante nuove funzioni
Oltre alle funzioni e alla versatilità delle quali nessuno può più fare a meno, Android 4.0 offre tante altre novità. Ice Cream Sandwich garantisce un efficiente multitasking e tiene traccia delle applicazioni in uso. Offre la possibilità di personalizzare totalmente le schermate della home con widget ridimensionabili. Inoltre, i font e i caratteri sono più facili da leggere. Android 4.0 colpisce particolarmente per la sua interfaccia utente intuitiva ed elegante. È disponibile sullo smartphone Galaxy NexusTM di Samsung.

Ecco alcune delle caratteristiche di punta della nuova interfaccia utente:
• Il multitasking è ancora più efficiente con le nuove funzioni che ti consentono di passare facilmente tra le varie operazioni, di tenere sott’occhio le applicazioni recenti e di gestire i messaggi in arrivo.
• Il design armonioso lo fa apparire elegante e pulito, soprattutto grazie all’eliminazione dei tasti tradizionali, ai quali si sono sostituiti i comandi virtuali Indietro, Home e App recenti.
• I widget ridimensionabili possono essere facilmente ingranditi per mostrare più contenuto o ridotti per risparmiare spazio.
• Le azioni semplificate per il bloccaschermo ti permettono di andare dritto all’operazione che desideri, come scattare foto, controllare i messaggi o ascoltare musica.
• Basta uno swipe per chiudere velocemente notifiche, app e schede di navigazione che si aprono come pop up.
• La digitazione del testo e il controllo ortografico migliorati ti consentono di essere più preciso e veloce. Anche la correzione degli errori e il suggerimento delle parole sono più avanzati che mai grazie all’aggiunta di un nuovo set di dizionari.
• Il potente sistema di riconoscimento vocale ti consente di dettare testi, parlare senza interruzioni per molto tempo, fermarti per una pausa e addirittura di aggiungere la punteggiatura per creare delle frasi grammaticalmente corrette.
• Il controllo sul tuo traffico dati ti permette di tenere d'occhio la tua spesa e di non superare i limiti del tuo abbonamento dati.
• Gli strumenti per una maggiore accessibilità sono rivolti ai non vedenti e agli ipovedenti e includono la modalità Explore-by-touch.
italiano a inglés: PROCESS FOR PREPARING 1-(6-METHYLPYRIDIN-3-YL)-2-[4-(METHYLSULFONYL)PHENYL]ETHANONE, AN INTERMEDIATE OF ETORICOXIB”
General field: Jurídico/Patentes
Texto de origen - italiano
Riassunto dell’invenzione
Il problema indirizzato dalla presente invenzione è quindi quello di mettere a disposizione un procedimento alternativo per la preparazione di 1-(6-metilpiridin-3-il)-2-[4-(metilsolfonil)fenil]etanone.
Tale problema è risolto da un procedimento di preparazione di 1-(6-metilpiridin-3-il)-2-[4-(metilsolfonil)fenil]etanone come delineato nelle annesse rivendicazioni, le cui definizioni formano parte integrante della presente descrizione.
Ulteriori caratteristiche e vantaggi del processo secondo l’invenzione risulteranno dalla descrizione di seguito riportata di esempi preferiti di realizzazione, dati a titolo indicativo e non limitativo.
Breve descrizione delle figure:
la Figura 1 mostra lo schema di sintesi 1-(6-metilpiridin-3-il)-2-[4-(metilsolfonil)fenil]etanone secondo gli aspetti preferiti della presente invenzione;
la Figura 2 mostra uno spettro 1H-NMR del prodotto di formula (I) ottenuto secondo il procedimento della presente invenzione;
La Figura 3 mostra uno spetto 1H-NMR del prodotto di formula (VI) ottenuto secondo il procedimento della presente invenzione.
Descrizione dettagliata dell’invenzione
La presente invenzione riguarda un procedimento per la preparazione di 1-(6-metilpiridin-3-il)-2-[4-(metilsolfonil)fenil]etanone di formula (I) o di un suo sale:
Traducción - inglés
Summary of the invention
The problem addressed by the present invention therefore is to provide an alternative process for preparing 1-(6-methylpyridin-3-yl)-2-[4-(methylsulfonyl)phenyl]ethanone.
Such problem is solved by a process for preparing 1-(6-methylpyridin-3-yl)-2-[4-(methylsulfonyl)phenyl]ethanone, as described in the annexed claims, the definitions whereof are an integral part of the present disclosure.
Further features and advantages of the process according to the invention will appear more clearly from the following description of preferred embodiments thereof, given by way of a non-limiting example.
Brief description of the figures:
Figure 1 shows the synthesis scheme 1-(6-methylpyridin-3-yl)-2-[4-(methylsulfonyl)phenyl]ethanone according to the preferred aspects of the present invention;
Figure 2 shows a spectrum 1H-NMR of the product of formula (I) obtained according to the process of the present invention;
Figure 3 shows a spectrum 1H-NMR of the product of formula (VI) obtained according to the process of the present invention.
Detailed description of the invention
The present invention relates to a process for preparing 1-(6-methylpyridin-3-yl)-2-[4-(methylsulfonyl)phenyl]ethanone of formula (I) or a salt thereof:
inglés a italiano: ARPRO Newsletter
General field: Técnico/Ingeniería
Texto de origen - inglés
A comparison of the two materials found that the ‘carbon footprint’ (comparative CO2 GWP figure) of the production of 1kg of ARPRO Recycled is 2.79 kg CO2 (e), compared with 3.04 kg for the equivalent conventional ARPRO grade – a reduction in GWP of eight per cent for ARPRO Recycled. The results follow an independent life cycle assessment (LCA) conducted in 2008 into the production of an automotive seat core, where ARPRO was found to deliver an environmental benefit of twelve times that of its impact.**

Paul Compton, JSP President and Chief Executive Officer – Europe, Middle-East and Africa, explains: “In introducing ARPRO Recycled, we wanted to emphasise to customers the improved environmental performance was delivered at the same dynamic performance levels. The initial ARPRO LCA report in 2008 explained the major benefits of ARPRO as a product and its ability to deliver weight reductions of up to 35 per cent and so significant fuel reductions in use.
Traducción - italiano
Dal confronto tra i due materiali è emerso che “l’impronta di carbonio” (dato comparativo del GWP in CO2) rilasciata durante la produzione di 1 kg di ARPRO Recycled equivale a 2,79 kg di CO2 (e), mentre quella rilasciata durante la produzione della medesima quantità di materiale ARPRO tradizionale equivale a 3,04 kg. Pertanto, il materiale ARPRO Recycled presenta un GWP inferiore dell’otto percento. Questi risultati seguono quelli di una valutazione del ciclo di vita (LCA) condotta da un organismo indipendente nel 2008 e relativa alla produzione di sediolini destinati al settore automobilistico. In quell’occasione è stato riscontrato che i benefici apportati all’ambiente da ARPRO erano di dodici volte superiori rispetto all'impatto ambientale**.

Paul Compton, Presidente e CEO di JSP per Europa, Medio Oriente e Africa, afferma: “Con l’introduzione di ARPRO Recycled, abbiamo voluto rendere partecipi i nostri clienti del significativo miglioramento che ha interessato le nostre prestazioni dal punto di vista ambientale pur mantenendo invariati i livelli delle prestazioni dinamiche. La prima analisi LCA di ARPRO risalente al 2008 ha mostrato i principali vantaggi di ARPRO e ha evidenziato come la sua capacità di ridurre il peso fino al 35 percento comporti anche un’importante riduzione del carburante utilizzato.
inglés a italiano: MEK Inhibitors
General field: Jurídico/Patentes
Texto de origen - inglés
MEK INHIBITORS AND METHODS OF THEIR USE
BACKGROUND OF THE INVENTION
Field of the Invention
[0001] This invention relates to certain inhibitors of MEK which are useful in the treatment of hyperproliferative diseases, such as cancer, in mammals. This invention also relates to a method of using such compounds in the treatment of hyperproliferative diseases in mammals, especially humans, and to pharmaceutical compositions containing such compounds.
Cross Reference to Related Applications
[0002] The Applicants claim priority under 35 U.S.C. 119(e) to copending Provisional Applications No. 60/724,578 filed on October 7, 2005 and No. 60/802,840 filed on May 23, 2006, the disclosures of which are incorporated herein by reference in its entirety.
State of the Art
[0003] Improvements in the specificity of agents used to treat cancer is of considerable interest because of the therapeutic benefits which would be realized if the side effects associated with the administration of these agents could be reduced. Traditionally, dramatic improvements in the treatment of cancer are associated with identification of therapeutic agents acting through novel mechanisms.
[0004] Protein kinases are enzymes that catalyze the phosphorylation of proteins, in particular, hydroxy groups on tyrosine, serine and threonine residues of proteins. The consequences of this seemingly simple activity are staggering; cell differentiation and proliferation; i.e., virtually all aspects of cell life in one-way or another depend on protein kinase activity. Furthermore, abnormal protein kinase activity has been related to a host of disorders, ranging from relatively non-life threatening diseases such as psoriasis to extremely virulent diseases such as glioblastoma (brain cancer).
[0005] Protein kinases can be categorized as receptor type or non-receptor type. Receptor-type tyrosine kinases have an extracellular, a transmembrane, and an intracellular portion, while non-receptor type tyrosine kinases are wholly intracellular. They are comprised of a large number of transmembrane receptors with diverse biological activity. In fact, about 20 different subfamilies of receptor-type tyrosine kinases have been identified. One tyrosine kinase subfamily, designated the HER subfamily, is comprised of EGFR (HER1), HER2, HER3, and HER4. Ligands of this subfamily of receptors identified so far include epithelial growth factor, TGF-alpha, amphiregulin, HB-EGF, betacellulin and heregulin. Another subfamily of these receptor-type tyrosine kinases is the insulin subfamily, which includes INS-R, IGF-IR, and IR-R. The PDGF subfamily includes the PDGF-alpha and beta receptors, CSFIR, c-kit and FLK-II. In addition, there is the FLK family, which is comprised of the kinase insert domain receptor (KDR), fetal liver kinase-1 (FLK-1), fetal liver kinase-4 (FLK-4) and the fms-like tyrosine kinase-1 (flt-1). The PDGF and FLK families are usually considered together due to the similarities of the two groups. For a detailed discussion of the receptor-type tyrosine kinases, see Plowman et al., DN&P 7(6): 334-339, 1994, which is hereby incorporated by reference.
[0006] The non-receptor type of tyrosine kinases is also comprised of numerous subfamilies, including Src, Frk, Btk, Csk, Abl, Zap70, Fes/Fps, Fak, Jak, Ack, and LIMK. Each of these subfamilies is further sub-divided into varying receptors. For example, the Src subfamily is one of the largest and includes Src, Yes, Fyn, Lyn, Lck, Blk, Hck, Fgr, and Yrk. The Src subfamily of enzymes has been linked to oncogenesis. For a more detailed discussion of the non-receptor type of tyrosine kinases, see Bolen, Oncogene, 8:2025-2031 (1993), which is hereby incorporated by reference.
[0007] Since protein kinases and their ligands play critical roles in various cellular activities, deregulation of protein kinase enzymatic activity can lead to altered cellular properties, such as uncontrolled cell growth associated with cancer. In addition to oncological indications, altered kinase signaling is implicated in numerous other pathological diseases. These include, but are not limited to: immunological disorders, cardiovascular diseases, inflammatory diseases, and degenerative diseases. Therefore, both receptor and non-receptor protein kinases are attractive targets for small molecule drug discovery.
[0008] One particularly attractive goal for therapeutic use of kinase modulation relates to oncological indications. For example, modulation of protein kinase activity for the treatment of cancer has been demonstrated successfully with the FDA approval of Gleevec® (imatinib mesylate, produced by Novartis Pharmaceutical Corporation of East Hanover, NJ) for the treatment of Chronic Myeloid Leukemia (CML) and gastrointestinal stroma cancers. Gleevec is a selective Abl kinase inhibitor.
[0009] Modulation (particularly inhibition) of cell proliferation and angiogenesis, two key cellular processes needed for tumor growth and survival (Matter A. Drug Disc Technol 2001 6, 1005-1024), is an attractive goal for development of small-molecule drugs. Anti-angiogenic therapy represents a potentially important approach for the treatment of solid tumors and other diseases associated with dysregulated vascularization, including ischemic coronary artery disease, diabetic retinopathy, psoriasis and rheumatoid arthritis. As well, cell antiproliferative agents are desirable to slow or stop the growth of tumors.
[0010] One particularly attractive target for small-molecule modulation, with respect to antiangiogenic and antiproliferative activity is MEK. Inhibition of MEK1 (MAPK/ERK Kinase) is a promising strategy to control the growth of tumors that are dependent on aberrant ERK/MAPK pathway signaling (Solit et al., 2006; Wellbrock et al., 2004). The MEK-ERK signal transduction cascade is a conserved pathway which regulates cell growth, proliferation, differentiation, and apoptosis in response to growth factors, cytokines, and hormones. This pathway operates downstream of Ras which is often upregulated or mutated in human tumors. It has been demonstrated that MEK is a critical effector of Ras function. The ERK/MAPK pathway is upregulated in 30% of all tumors and oncogenic activating mutations in K-Ras and B-Raf have been identified in 22% and 18% of all cancers respectively (Allen et al., 2003; Bamford S, 2004; Davies et al., 2002; Malumbres and Barbacid, 2003). A large portion of human cancers, including 66% (B-Raf) of malignant melanomas, 60% (K-Ras) and 4% (B-Raf) of pancreatic cancers, 50% of colorectal cancers (colon, in particular, K-Ras: 30%, B-Raf: 15%), 20% (K-Ras) of lung cancers, 27% (B-Raf) papillary and anaplastic thyroid cancer, and 10-20% (B-Raf) of endometriod ovarian cancers, harbor activating Ras and Raf mutations. It has been shown that inhibition of the ERK pathway, and in particular inhibition of MEK kinase activity, results in anti-metastatic and anti-angiogenic effects largely due to a reduction of cell-cell contact and motility as well as downregulation of vascular endothelial growth factor (VEGF) expression. Furthermore, expression of dominant negative MEK, or ERK reduced the transforming ability of mutant Ras as seen in cell culture and in primary and metastatic growth of human tumor xenografts in vivo. Therefore, the MEK-ERK signal transduction pathway is an appropriate pathway to target for therapeutic intervention.
[0011] Accordingly, the identification of small-molecule compounds that specifically inhibit, regulate and/or modulate the signal transduction of kinases, particularly MEK, is desirable as a means to treat or prevent disease states associated with cancer and is an object of this invention.
Traducción - italiano
AZETIDINE COME INIBITORI DI MEK PER IL TRATTAMENTO DI PATOLOGIE PROLIFERATIVE
SFONDO DELL’INVENZIONE
Campo tecnico dell’invenzione
[0001] La presente invenzione si riferisce a determinati inibitori di MEK che sono utili nel trattamento delle patologie iperproliferative, come il cancro, nei mammiferi. La presente invenzione si riferisce inoltre a un metodo di uso di tali composti nel trattamento delle patologie iperproliferative nei mammiferi, in particolare gli esseri umani, e a composizioni farmaceutiche contenenti tali composti.
Riferimento incrociato a domande di brevetto correlate
[0002] I Richiedenti rivendicano priorità ai sensi dell'art. 35 dello U.S.C. par. 119(e) sulle domande di brevetto provvisorie n. 60/724,578 depositata il 7 ottobre 2005 e n. 60/802,840 depositata il 23 maggio 2006, le cui descrizioni sono incorporate nella loro interezza nel presente contesto come riferimento.
Stato dell’arte
[0003] Miglioramenti nella specificità degli agenti utilizzati per trattare il cancro sono di particolare interesse dati i vantaggi terapeutici che si otterrebbero se gli effetti collaterali associati con la somministrazione di questi agenti potessero essere ridotti. Tradizionalmente, miglioramenti significativi nel trattamento del cancro sono associati con l'identificazione di agenti terapeutici in grado di agire mediante nuovi meccanismi.
[0004] Le protein-chinasi sono enzimi che catalizzano la fosforilazione delle proteine, in particolare, gruppi idrossi su residui proteici di tirosina, serina o treonina. Le conseguenze di questa apparentemente semplice attività sono eccezionali; differenziazione e proliferazione cellulare; vale a dire praticamente tutti gli aspetti della vita cellulare in un modo o in un altro dipendono dall'attività delle protein-chinasi. Inoltre, un'attività anomala delle protein-chinasi è stata correlata a una grande quantità di disturbi, da patologie relativamente non pericolose per la vita come la psoriasi a patologie estremamente virulente come il glioblastoma (cancro al cervello).
[0005] Le protein-chinasi possono essere classificate come recettoriali o non recettoriali. Le tirosin-chinasi recettoriali hanno una porzione extracellulare, una transmembrana e una intercellulare, mentre le tirosin-chinasi non recettoriali sono completamente intracellulari. Sono composte da un gran numero di recettori transmembrana con attività biologica varia. Di fatto, sono state identificate circa 20 sottofamiglie differenti di tirosin-chinasi recettoriali. Una sottofamiglia di tirosin-chinasi, denominata come la sottofamiglia HER, è composta da EGFR (HER1), HER2, HER3 e HER4. I ligandi di questa sottofamiglia di recettori identificati finora includono il fattore di crescita epiteliale, TGF-alfa, anfiregulina, HB-EGF, betacellulina ed eregulina. Un'altra sottofamiglia di queste tirosin-chinasi recettoriali è la sottofamiglia dell'insulina, che include INS-R, IGF-IR e IR-R. La sottofamiglia PDGF include i recettori PDGF-alfa e beta, CSFIR, c-kit e FLK-II. Inoltre, vi è la famiglia FLK, che è composta dal recettore del dominio di inserzione chinasica (KDR), la chinasi epatica fetale 1 (FLK-1), la chinasi epatica fetale 4 (FLK-4) e la tirosin-chinasi 1 fms-simile (flt-1). Le famiglie PDGF e FLK sono solitamente prese in considerazione insieme date le analogie tra i due gruppi. Per una discussione dettagliata sulle tirosin-chinasi recettoriali, vedere Plowman et al., DN&P 7(6): 334-339, 1994, che è incorporato nel presente contesto come riferimento.
[0006] Le tirosin-chinasi non recettoriali comprendono inoltre numerose sottofamiglie, comprese Src, Frk, Btk, Csk, Abl, Zap70, Fes/Fps, Fak, Jak, Ack e LIMK. Ciascuna di queste sottofamiglie è ulteriormente suddivisa in vari recettori. Ad es. la sottofamiglia Src è una delle più vaste e comprende Src, Yes, Fyn, Lyn, Lck, Blk, Hck, Fgr e Yrk. La sottofamiglia Src di enzimi è stata collegata all'oncogenesi. Per una discussione più dettagliata in merito alle tirosin-chinasi non recettoriali, vedere Bolen, Oncogene, 8:2025-2031 (1993), che è incorporato nel presente contesto come riferimento.
[0007] Poiché le protein-chinasi e i loro ligandi svolgono ruoli fondamentali in varie attività cellulari, la deregolazione dell'attività enzimatica delle protein-chinasi può condurre a proprietà cellulari alterate, come la crescita cellulare non controllata associata al cancro. Oltre alle indicazioni oncologiche, la segnalazione chinasica alterata è implicata in molte altre condizioni patologiche. Queste includono, tuttavia senza limitazioni: disturbi immunologici, patologie cardiovascolari, patologie infiammatorie e patologie degenerative. Pertanto, le protein-chinasi recettoriali e non recettoriali sono bersagli interessanti per la scoperta di farmaci a piccole molecole.
[0008] Un obiettivo particolarmente interessante per l'uso terapeutico della modulazione chinasica è correlato alle indicazioni oncologiche. Ad es. la modulazione dell'attività delle protein-chinasi per il trattamento del cancro si è dimostrata efficace con l'approvazione della FDA di Gleevec® (imatinib mesilato, prodotto da Novartis Pharmaceutical Corporation di East Hanover, NJ) per il trattamento di leucemia mieloide cronica (LMC) e tumori stromali gastrointestinali. Gleevec è un inibitore selettivo delle Abl chinasi.
[0009] La modulazione (in particolare l'inibizione) della proliferazione cellulare e dell'angiogenesi, due processi cellulari chiave necessari per la crescita e sopravvivenza tumorale (Matter A. Drug Disc Technol 2001 6, 1005-1024), è un obiettivo interessante per lo sviluppo di farmaci a piccole molecole. La terapia anti-angiogenica rappresenta un approccio potenzialmente importante per il trattamento di tumori solidi e altre patologie associate alla vascolarizzazione deregolata, compresi coronaropatia ischemica, retinopatia diabetica, psoriasi e artrite reumatoide. Inoltre, gli agenti antiproliferativi cellulari sono desiderabili per rallentare o arrestare la crescita dei tumori.
[0010] Un bersaglio particolarmente interessante per la modulazione a piccole molecole relativamente all'attività antiangiogenica e antiproliferativa è MEK. L'inibizione di MEK1 (MAPK/ERK chinasi) è una strategia promettente per controllare la crescita di tumori che sono dipendenti dalla segnalazione di percorsi ERK/MAPK aberranti (Solit et al., 2006; Wellbrock et al., 2004). La cascata di trasduzione del segnale di MEK-ERK è un percorso conservato che regola la crescita, proliferazione, differenziazione e apoptosi cellulare in risposta a fattori di crescita, citochine e ormoni. Questo percorso opera a valle di Ras che è spesso sovraregolata o mutata nei tumori umani. È stato dimostrato che MEK è un'effettrice critica della funzione di Ras. Il percorso ERK/MAPK è sovraregolato nel 30% di tutti i tumori e le mutazioni attivanti l'oncogenesi in K-Ras e B-Raf sono state identificate rispettivamente nel 22% e nel 18% di tutti i tumori (Allen et al., 2003; Bamford S., 2004; Davies et al., 2002; Malumbres e Barbacid, 2003). Una larga parte dei tumori umani, comprendente il 66% (B-Raf) di melanomi maligni, il 60% (K-Ras) e il 4% (B-Raf) di tumori pancreatici, il 50% dei tumori colonrettali (colon, in particolare, K-Ras: 30%, B-Raf: 15%), il 20% (K-Ras) dei tumori ai polmoni, il 27% (B-Raf) dei tumori papillari e tiroidei anaplastici, e il 10%-20% (B-Raf) dei tumori ovarici endometroidi, presentano mutationi attivanti Ras e Raf. È stato dimostrato che l'inibizione del percorso ERK, e in particolare l'inibizione dell'attività chinasica di MEK, dà come risultato effetti antimetastatici e antiangiogenici largamente dovuti a una riduzione del contatto cellula-cellula e della motilità nonché alla sottoregolazione dell'espressione del fattore di crescita dell'endotelio vascolare (VEGF). Inoltre, l'espressione di MEK negativa dominante o ERK ha ridotto l'abilità di trasformazione di Ras mutante come osservato in coltura cellulare e nella crescita primaria e metastatica di xenotrapianti tumorali umani in vivo. Pertanto, il percorso di trasduzione del segnale di MEK-ERK è un percorso appropriato a cui mirare per l'intervento terapeutico.
[0011] Di conseguenza, l'identificazione di composti a piccole molecole che specificamente inibiscano, regolino e/o modulino la trasduzione di segnale delle chinasi, in particolare MEK, è desiderabile come strumento per trattare o prevenire stati patologici associati con cancro ed è uno scopo della presente invenzione.
italiano a inglés: ROLL DEVICE
General field: Jurídico/Patentes
Texto de origen - italiano
DESCRIZIONE DETTAGLIATA
Con riferimento alla suddetta figura 8, un dispositivo a rullo secondo un esempio dell’invenzione nel suo complesso è indicato con il riferimento numerico 300. Tale dispositivo a rullo 300 è impiegabile, per esempio, per laminare pannelli atti a formare un substrato di circuiti stampati, cioè per applicare una pellicola adesiva secca (dry film) in materiale fotosensibile su tali pannelli. Si osservi che la suddetta figura 8 mostra in dettaglio, a tratto pieno, una porzione principale 301 del dispositivo a rullo 300 comprendente una unità di laminazione. Porzioni secondarie del dispositivo a rullo 300 dell’invenzione sono rappresentate schematicamente mediante linee in tratteggio.
Tale unità di laminazione 301 comprende, in particolare, un primo 302 ed un secondo 303 gruppo di laminazione del dispositivo a rullo 300 tra loro contrapposti in una direzione sostanzialmente ortogonale alla direzione di avanzamento dei pannelli da laminare.
In riferimento alle figure 5 e 6, il primo gruppo di laminazione 302 del dispositivo a rullo 300 dell’invenzione è mostrato in due viste prospettiche ingrandite. In maggior dettaglio, tale primo gruppo di laminazione 302 comprende un rullo 100 collegabile amovibilmente ad una struttura di supporto 200. Si osservi che le suddette figure 5 e 6 mostrano il rullo 100 sganciato dalla struttura di supporto 200. Inoltre, porzioni terminali 201 della struttura di supporto 200 sono racchiuse da un involucro del dispositivo a rullo 300 e, pertanto, non sono visibili nella figura 8.
Con riferimento alle figure 1, 2, 3, 4A, 4B è descritto di seguito un esempio preferito di realizzazione del rullo 100 del dispositivo a rullo 300 dell’invenzione.
Si fa presente che nelle sopra menzionate figure, elementi uguali o analoghi verranno indicati mediante gli stessi riferimenti numerici.
Tale rullo 100 comprende un corpo tubolare 1 configurato per delimitare una cavità 3 che si estende nella direzione di un asse longitudinale di tale corpo tubolare 1 tra una prima 4 ed una seconda estremità 5 del rullo 100. In particolare, tale corpo tubolare 1 comprende una anima 2 del rullo che si estende in direzione radiale dalla suddetta cavità 3 fino ad una superficie esterna cilindrica o mantello 2a del rullo 100. Tale anima 2 del rullo 100 è fabbricata in materiale metallico, per esempio alluminio. Il mantello 2 è, per esempio, fabbricato in gomma.
Il rullo 100 comprende un elemento riscaldante 7 alloggiato nella cavità 3. Tale elemento riscaldante si concretizza in un resistenza elettrica 7 inseribile/estraibile in/da tale cavità 3 attraverso una apertura 6 di accesso alla cavità 3 stessa prevista in corrispondenza di almeno una di dette prima 4 e seconda 5 estremità del rullo 100. In riferimento all’esempio di figura 1, tale apertura 6 di accesso alla cavità 3 è collocata in corrispondenza della prima estremità 4 del rullo 100. Inoltre, tale apertura 6 di accesso è richiudibile mediante una prima parete di fondo 8 del rullo 100 fissabile rimovibilmente alla suddetta prima estremità 4 mediante viti 9, per esempio tre viti, atte ad impegnare rispettivi fori 9a ricavati nell’anima 2 del rullo in corrispondenza della suddetta prima estremità 4 del rullo 100.
Si osservi che il rullo 100 comprende, inoltre, una seconda parete di fondo 10 sostanzialmente parallela alla suddetta prima parete rimovibile 8. Preferibilmente, tale seconda parete 10 è fissata permanente alla seconda estremità 5 del rullo 100 mediante ulteriori viti 11, per esempio tre viti, atte ad impegnare rispettivi fori (non mostrati nelle figure) ricavati nella suddetta seconda estremità 5.
Si osservi che il dispositivo a rullo 300 dell’invenzione, ed in particolare il primo gruppo di laminazione 302 delle figure 5 e 6, comprende un connettore elettrico per l’alimentazione della resistenza elettrica 7 atto a collegare tale resistenza 7 ad una sorgente di potenza elettrica esterna a tale primo gruppo di laminazione 302. Per esempio, tale connettore elettrico è configurato per collegare la resistenza 7 a tale sorgente di potenza mediante un collettore rotante o slip ring (non mostrato nelle figure). Tale collettore rotante è di tipo noto per un esperto del settore. La suddetta resistenza 7, riscaldandosi per effetto Joule, è atta a trasmettere il calore generato all’anima 2 fino al mantello 2a del rullo 100.
In una forma preferita di realizzazione, il sopra menzionato connettore elettrico comprende un primo contatto 12 disposto nella prima parete di fondo 8 del rullo 100. In riferimento alle figure 5 e 7, si osservi che la struttura di supporto 200 comprende un rispettivo secondo contatto 13 adatto ad impegnare il primo contatto 12 a contatto premente.
Vantaggiosamente, uno tra tali primo 12 e secondo 13 contatto è mobile tra una posizione ritratta ed una posizione protratta verso l’altro contatto e permanentemente sollecitato nella posizione protratta.
In maggior dettaglio, in riferimento alle figure 4A e 6, il suddetto primo contatto del rullo 100 comprende due primi contatti elettrici 12, fabbricati in materiale metallico, per esempio in rame. Ciascuno di tali primi contatti 12 è mobile in una rispettiva sede passante 14 (mostrata in figura 1) della prima parete di fondo 8 del rullo 100. Per semplicità, le figure 1 e 2 mostrano in dettaglio solo uno dei suddetti primi contatti 12.
In riferimento alla figura 3 che mostra un ingrandimento di una porzione A del rullo 100 di figura 2, ciascuno di tali primi contatti 12 è traslabile elasticamente nella sede passante 14 in direzione dell’asse longitudinale del rullo 100 tra le suddette posizioni protratta e ritratta.
In particolare, ciascun primo contatto 12 è calzato in un elemento tubolare di contenimento o bussola 16 in materiale isolante in modo da essere coassiale con quest’ultima all’interno della sede 14. In particolare, la suddetta bussola 16 è configurata per impegnarsi con la prima parete di fondo 8 del rullo 100 mediante un primo anello di fermo 19 fissato su una superficie esterna della bussola 16 risultando solidale alla bussola stessa. Tale primo anello di fermo forma un rispettivo collare per la bussola 16. Come mostrato in figura 3, tale primo anello di fermo 19 è atto ad impegnare una rispettiva rientranza anulare 19’ della sede 14 per bloccare la bussola 16 accolta nella sede 14 stessa. Tra il primo contatto 12 e la bussola 16 è interposta una molla a compressione 17 che sollecita permanentemente il primo contatto 12 nella posizione protratta, cioè in allontanamento dal suddetto primo anello di fermo 19.
Il primo contatto 12 è collegato ad uno dei cavi 15 della resistenza elettrica 7 in corrispondenza di un secondo anello di fermo 18. Tale secondo anello 18 di fermo è fissato solidalmente al primo contatto 12 ed è atto a formare una parete di battuta per limitare la traslazione assiale del contatto 12. Tale secondo anello di fermo 18 forma un rispettivo collare per il primo contatto 12. In particolare, in posizione di riposo, tale secondo anello 18 interferisce con la bussola 16 per impedire che il primo contatto 12 venga espulso dal rullo 100 sotto l’azione della molla 17.
In riferimento alle figure 5, 6 e 7, il secondo contatto della struttura di supporto 200 comprende due secondi contatti 13. Ciascuno di tali secondi contatti 13 è alloggiato in una rispettiva sede 20 ricavata in un primo elemento di supporto 21 della struttura di supporto 200. Tale primo elemento di supporto 21 è configurato per cooperare con un contrapposto secondo elemento di supporto 30 per fissare il rullo 100 alla struttura di supporto 200.
Tale primo elemento di supporto 21 è in materiale metallico, per esempio acciaio, e comprende un primo perno 21a fissato inamovibilmente ad una delle porzioni terminali 201 alla struttura di supporto 200 ed un primo anello di fissaggio 21b coassiale al primo perno 21a e traslabile assialmente rispetto ad esso.
In riferimento alla figura 7, ciascuno di tali secondi contatti 13 è calzato in una basetta porta- contatti 22 in materiale isolante, per esempio arnite, alloggiata nella rispettiva sede 20 e vincolata al primo perno 21a mediante viti 23, per esempio due viti.
Inoltre, in riferimento alle figure 7 e 9, per ciascuno dei secondi contatti 13, il primo elemento di supporto 21 comprende un elemento ammortizzante o pastiglia 24 in materiale isolante alloggiata nella rispettiva sede 20 in modo da essere interposta tra il secondo contatto 13 ed una parete interna del primo perno 21a. Tale pastiglia 24 è configurata per isolare elettricamente ciascun secondo contatto 13 dal primo perno 21a. Inoltre, sempre in riferimento alle figure 7 e 9, ciascun secondo contatto 13 è collegato al collettore rotante esterno mediante un rispettivo cavo elettrico 35.
In riferimento alla figura 6, si osservi che, come sottolineato in precedenza, la struttura di supporto 200 comprende il secondo elemento di supporto 30 del rullo 100 collocato in posizione distale dal primo elemento di supporto 21 e sostanzialmente coassiale con quest’ultimo. In particolare, il secondo elemento di supporto 30 comprende un secondo perno 30a fissato inamovibilmente alla struttura di supporto 200 ed un rispettivo secondo anello di fissaggio 30b traslabile rispetto a tale secondo perno 30a.
Si osservi che tali primo 21b e secondo 30b anello di fissaggio sono configurati per fissare il rullo 100 alla struttura di supporto 200.
In maggior dettaglio, ancora in riferimento alla figura 6, tali primo e secondo anello di fissaggio 21b, 30b sono configurati per traslare reversibilmente in reciproco avvicinamento ed allontanamento nella direzione della freccia F3 durante fasi di fissaggio e rimozione del rullo 100 dalla struttura di supporto 200 stessa.
In particolare, per il fissaggio del rullo 100, il primo 21b ed il secondo 30b anello di fissaggio sono atti ad impegnarsi, rispettivamente, con la prima 8 e con la seconda 10 parete di fondo del rullo 100 mediante viti di fissaggio 25. Nell’esempio delle figure 5, 6 e 7, tali anelli di fissaggio 21b e 30b comprendono ciascuno tre viti di fissaggio 25 atte ad essere accolte in altrettanti fori 26 predisposti sulla prima 8 e sulla seconda 10 parete di fondo del rullo 100.
In aggiunta, in riferimento alla figura 7, si osservi che il primo anello di fissaggio 21b comprende una rispettiva spina di centraggio 27 atta a garantire un corretto orientamento di fissaggio del rullo 100, cioè a garantire che i primi contatti 12 del rullo 100 si impegnino elettricamente con i secondi contatti 13 del primo perno 21a quando il rullo 100 è fissato alla struttura di supporto del dispositivo 300.
Il dispositivo a rullo 300 della presente invenzione comprendente il gruppo di laminazione 302 sopra descritto ha numerosi vantaggi con particolare riferimento ad operazioni di sostituzione del rullo 100 riscaldato in seguito ad usura dello stesso.
In particolare, per sostituire tale rullo 100, un operatore addetto alla manutenzione svita, inizialmente, le viti 25 che fissano il primo 21b ed il secondo 30b anello di fissaggio traslabile della struttura di supporto 200 dalla prima 8 e dalla seconda 10 parete di fondo del rullo 100, rispettivamente.
Successivamente, l’operatore fa traslare il primo 21b ed il secondo 30b anello di fissaggio in direzione dell’asse longitudinale del rullo 100 in allontanamento tra loro per disimpegnare il rullo 100 stesso dalla struttura di supporto 200.
Analogamente, per fissare al dispositivo a rullo 300 un nuovo rullo 100 avente struttura analoga a quello sostituito, una volta stabilito il corretto orientamento di tale rullo 100 tramite la spina 27, l’operatore fa traslare il primo 21b ed il secondo 30b anello di fissaggio in direzione dell’asse longitudinale del rullo 100, in avvicinamento tra loro, per impegnare tali anelli 21b,30b alle pareti di fondo 8, 10 del rullo 100.
A questo punto, l’operatore fissa rigidamente il rullo 100 agli anelli 21b, 30b, cioè alla struttura di supporto 200 avvitando le viti di fissaggio 25.
Alla luce di quanto precede, con il dispositivo a rullo della presente invenzione, la sostituzione di un rullo 100 non necessità dell’intervento di un elettricista in quanto non occorre scollegare e ricollegare i connettori della resistenza di riscaldamento 7 alloggiata nel rullo 100 dal collettore rotante.
Con la presente invenzione, non è neanche necessario sfilare/re-inserire la resistenza elettrica 7 dal/nel rullo 100 durante le fasi di sostituzione del rullo. In altre parole, le operazioni di sostituzione del rullo 100 usurato possono essere eseguite in sicurezza dallo stesso addetto al dispositivo 300.
Inoltre, l’operazione di sostituzione del rullo 100 è agevole e richiede poco tempo per essere portata a termine. In tal modo, si evitano interruzioni nel funzionamento del dispositivo 300 e della relativa linea di lavorazione dei pannelli.
Inoltre, il dispositivo a rullo 300 della presente invenzione permette di evitare un inconveniente riscontrato nelle macchine di laminazione di tipo noto impieganti rulli riscaldati. Infatti, la Richiedente ha riscontrato che in tali macchine, in seguito ad un malfunzionamento della resistenza di riscaldamento, tale resistenza può subire una eccessiva dilatazione rimanendo bloccata all’interno rullo senza poter essere estratta per essere sostituita. Dal momento che in tali macchine neanche il rullo può essere rimosso dalla macchina stessa senza che venga prima estratta la resistenza, il suddetto inconveniente blocca l’operatività della macchina e può causare lunghe interruzioni della linea di lavorazione dei pannelli.
Il dispositivo a rullo 300 dell’invenzione è immune a tale inconveniente in quanto la resistenza 7 riscaldante viene rimossa contemporaneamente al rullo 100 e non deve, quindi, essere estratta preliminarmente come nelle macchine di tipo noto.
Alle forme di realizzazione del dispositivo a rullo sopra descritto, un tecnico del ramo, per soddisfare esigenze contingenti, potrà apportare modifiche, adattamenti e sostituzioni di elementi con altri funzionalmente equivalenti, senza uscire dall'ambito delle seguenti rivendicazioni. Ognuna delle caratteristiche descritte come appartenente ad una possibile forma di realizzazione può essere realizzata indipendentemente dalle altre forme di realizzazione descritte.
Traducción - inglés
DETAILED DESCRIPTION
With reference to the above figure 8, a roll device according to an example of the invention is globally indicated with reference numeral 300. Such roll device 300 may be used, for example, for laminating panels adapted for forming a substrate of printed circuits, that is, for applying an adhesive dry film of photosensitive material onto such panels. It should be noted that the above figure 8 shows in detail, with solid line, a main portion 301 of the roll device 300 comprising a laminating unit. Secondary portions of the roll device 300 of the invention are schematically shown with dashed lines.
Such laminating unit 301 comprises, in particular, a first 302 and a second 303 laminating group of the roll device 300 opposite to each other along a direction substantially orthogonal to the advance direction of the panels to be laminated.
With reference to figures 5 and 6, the first laminating group 302 of the roll device 300 of the invention is shown in two enlarged perspective views. In more detail, such first laminating group 302 comprises a roll 100 removably connectable to a support structure 200. It should be noted that the above figures 5 and 6 show roll 100 released from the support structure 200. Moreover, end portions 201 of the support structure 200 are enclosed by a casing of the roll device 300 and therefore, they are not visible in figure 8.
With reference to figures 1, 2, 3, 4A, 4B, a preferred exemplary embodiment of roll 100 of the roll device 300 of the invention is described hereinafter.
It should be noted that in the above figures, elements which are equivalent or similar are indicated by the same reference numerals.
Such roll 100 comprises a tubular body configured for delimiting a cavity 3 that extends in the direction of a longitudinal axis of such tubular body 1 between a first 4 and a second end 5 of roll 100. In particular, such tubular body 1 comprises a roll core 2 that extends in a radial direction from said cavity 3 to an outer cylindrical surface or shell 2a of roll 100. Such core 2 of roll 100 is made of a metal material, for example aluminium. Shell 2 is for example made of rubber.
Roll 100 comprises a heating element 7 seated within cavity 3. Such heating element is an electrical resistor 7 insertable/removable into/from such cavity 3 through an access opening 6 to the same cavity 3 provided at at least one of said first 4 and second 5 end of roll 100. With reference to the example of figure 1, such access opening 6 to cavity 3 is placed at the first end 4 of roll 100. Moreover, such access opening 6 may be closed again by a first bottom wall 8 of roll 100 removable fixable to said first end 4 by screws 9, for example three screws, adapted for engaging respective holes 9a obtained in core 2 of the roll at said first end 4 of roll 100.
Moreover, it should be noted that roll 100 comprises a second bottom wall 10 substantially parallel to said first removable wall 8. Preferably, such second wall 10 is permanently attached to the second end 5 of roll 100 by further screws 11, for example three screws, adapted for engaging respective holes (not shown in the figures) obtained in said second end 5.
It should be noted that the roll device 300 of the invention, and in particular the first laminating group 302 of figures 5 and 6, comprises an electrical connector for supplying the electrical resistor 7 adapted for connecting such resistor 7 to an electrical power source external to such first laminating group 302. For example, such electrical connector is configured for connecting resistor 7 to such power source by a rotating collector or slip ring (not shown in the figures). Such rotating collector is known to a man skilled in the art. Heating by the Joule effect, said resistor 7 is adapted for transmitting the generated heat to core 2 up to shell 2a of roll 100.
In a preferred embodiment, said electrical connector comprises a first contact 12 arranged within the first bottom wall 8 of roll 100. With reference to figures 5 and 7, it should be noted that the support structure 200 comprises a respective second contact 13 adapted for engaging the first contact 12 in pressing contact.
Advantageously, one between such first 12 and second 13 contact is movable between a retracted position and a position extended towards the other contact and permanently stressed in the extended position.
In more detail, with reference to figures 4A and 6, said first contact of roll 100 comprises two first electrical contacts 12, made of a metal material, for example copper. Each of such first contacts 12 is movable in a respective through seat 14 (shown in figure 1) of the first bottom wall 8 of roll 100. For simplicity, figures 1 and 2 only show one on said first contacts 12 in detail.
With reference to figure 3, which shows an enlargement of a portion A of roll 100 of figure 2, each of such first contacts 12 is elastically shifting within the first through seat 14 in the direction of the longitudinal axis of roll 100 between said extended and retracted positions.
In particular, each first contact 12 is fitted within a tubular containment element or bush 16 of insulating material so as to be coaxial with the latter within seat 14. In particular, said bush 16 is configured for engaging with the first bottom wall 8 of roll 100 by a first stop ring 19 attached to an outer surface of bush 16 being integral with the same bush. Such first stop ring forms a respective collar for bush 16. As shown in figure 3, such first stop ring 19 is adapted for engaging a respective annular recess 19’ of seat 14 for locking bush 16 seated within the same seat 14. A compression spring 17 is interposed between the first contact 12 and bush 16 which permanently stresses the first contact 12 in the extended position, that is, away from said first stop ring 19.
The first contact 12 is connected to one of cables 15 of the electrical resistor 7 at a second stop ring 18. Such second stop ring 18 is integrally attached to the first contact 12 and is adapted for forming an abutment wall for limiting the axial shifting of contact 12. Such second stop ring 18 forms a respective collar for the first contact 12. In particular, in rest position, such second ring 18 interferes with bush 16 for preventing the first contact 12 from being ejected from roll 100 under the action of spring 17.
With reference to figures 5, 6 and 7, the second contact of the support structure 200 comprises two second contacts 13. Each of said second contacts 13 is seated within a respective seat 20 obtained within a first support element 21 of the support structure 200. Such first support element 21 is configured for cooperating with an opposite second support element 30 for attaching roll 100 to the support structure 200.
Such first support element 21 is of a metal material, for example steel, and comprises a first pin 21a irremovably attached at one of the end portions 201 to the support structure 200 and a first fixing ring 21b coaxial to the first pin 21a and axially shifting relative thereto.
With reference to figure 7, each of such second contacts 13 is fitted within a contact-holder base 22 of insulating material, for example arnite, seated within the respective seat 20 and constrained to the first pin 21a by screws 23, for example two screws.
Moreover, with reference to figures 7 and 9, for each of the second contacts 13, the first support element 21 comprises a shock-absorbing element or pad 24 of insulating material seated within the respective seat 20 so as to be interposed between the second contact 13 and an inner wall of the first pin 21a. Such pad 24 is configured for electrically insulating each second contact 13 from the first pin 21a. Moreover, always with reference to figures 7 and 9, each second contact 13 is connected to the outer rotating collector by a respective electrical cable 35.
With reference to figure 6, it should be noted that, as mentioned above, the support structure 200 comprises the second support element 30 of roll 100 arranged in distal position from the first support element 21 and substantially coaxial with the latter. In particular, the second support element 30 comprises a second pin 30a irremovably attached to the support structure 200 and a respective second fixing ring 30b shifting relative to such second pin 30a.
It should be noted that such first 21b and second 30b fixing rings are configured for attaching roll 100 to the support structure 200.
In more detail, always with reference to figure 6, such first and second fixing rings 21b, 30b are configured for reversibly shifting in reciprocal approach and moving away in the direction of arrow F3 during the attachment and removal steps of roll 100 to/from the same support structure 200.
In particular, for attaching roll 100, the first 21b and the second 30b fixing ring are adapted for engaging, respectively, with the first 8 and the second 10 bottom wall of roll 100 by fixing screws 25. In the example of figures 5, 6 and 7, such fixing rings 21b and 30b comprise each three fixing screws 25 adapted for being seated in as many holes 26 arranged on the first 8 and on the second 10 bottom wall of roll 100.
In addition, with reference to figure 7, it should be noted that the first fixing ring 21b comprises a respective centring pin 27 adapted for ensuring a correct fixing orientation of roll 100, that is, for ensuring that the first contacts 12 of roll 100 electrically engage with the second contacts 13 of the first pin 21a when roll 100 is attached to the support structure of device 300.
The roll device 300 of the present invention comprising the laminating group 302 described above exhibits several advantages with particular reference to operations for replacing the heated roll 100 subsequent to wear of the same.
In particular, for replacing such roll 100, an operator in charge of maintenance at first removes screws 25 attaching the first 21b and the second 30b shifting fixing ring of the support structure 200 from the first 8 and the second 10 bottom wall of roll 100, respectively.
Thereafter, the operator shifts the first 21b and the second 30b fixing ring in the direction of the longitudinal axis of roll 100 away from each other for releasing the same roll 100 from the support structure 200.
Likewise, in order to attach a new roll 100 having a structure similar to that replaced to the roll device 300, once the correct orientation of such roll 100 has been determined through pin 27, the operator shifts the first 21b and the second 30b fixing ring in the direction of the longitudinal axis of roll 100, in approach to each other, for engaging such rings 21b, 30b with the bottom walls 8, 10 of roll 100.
At this point, the operator stiffly attaches roll 100 to rings 21b, 30b, that is, to the support structure 200, screwing the fixing screws 25.
In the light of the above, with the roll device of the present invention, replacing a roll 100 does not require the service of an electrician since it is not necessary to disconnect and connect the connectors of the heating resistor 7 seated within roll 100 from the rotating collector.
With the present invention it is not even necessary to extract/reinsert the electrical resistor 7 from/into roll 100 during the roll replacement steps. In other words, the operations for replacing the worn roll 100 may be safely carried out by the same operator of device 300.
Moreover, the operation for replacing roll 100 is easy and requires little time to be completed. In this way, interruptions in the operation of device 300 and of the relative panel processing line are prevented.
Moreover, the roll device 300 of the present invention allows preventing a drawback found in the laminating machines of the known type using heated rolls. In fact, the Applicant has found that in such machines, subsequent to a failure of the heating resistor, such resistor may undergo an excessive expansion remaining locked within the roll without the possibility of being extracted to be replaced. Since in such machines, the roll cannot be removed from the same machine either without first extracting the resistor, said drawback blocks the machine operations and may cause long interruptions of the panel processing line.
The roll device 300 of the invention is free from such drawback since the heating resistor 7 is removed at the same time as roll 100 and therefore, it needs not be removed in advance as in the machines of the known type.
A man skilled in the art may make several changes, adjustments and replacements of elements with other functionally equivalent ones to the embodiments of the roll device described above in order to meet incidental needs, without departing from the scope of the following claims. Each of the features described as belonging to a possible embodiment can be obtained independently of the other embodiments described.

Glosarios Chemicals, IT, Technical Glossary
This company Hosts interns
Offers job opportunities for freelancers
Formación en el ámbito de la traducción Bachelor's degree - Istituto Universitario Orientale
Experiencia Años de experiencia: 27 Registrado en ProZ.com: Sep 1999 Miembro desde Jan 2004
Credenciales italiano a inglés (Associazione Italiana Traduttori e Interpreti, verified)
inglés a italiano (Associazione Italiana Traduttori e Interpreti, verified)
Miembro de ATA, AITI, Federlingue, AIPTI / IAPTI
EquiposMICROWIDE
Software Across, Adobe Acrobat, Adobe Illustrator, Adobe Photoshop, DejaVu, FrameMaker, IBM CAT tool, Idiom, Indesign, memoQ, MetaTexis, Microsoft Excel, Microsoft Office Pro, Microsoft Word, 1st Page 2000, Abbyy FineReader, Adobe Acrobat Reader/Encoder 5.0, Adobe Distiller 5.0, Adobe FrameMaker 7.0, Adobe Illustrator 9.0, Adobe InDesign 2.0, Adobe PageMaker 7.0, Adobe Photoshop 6.0, Alchemy Catalyst 4.05 Developer Edition, Caere OmniPage 9.0, Count'It 2002, FrontPage XP, Microsoft Helium, MS HTML Help Workshop, MS Office XP, O.S. Windows XP Pro, Office 2010 Professional, Quark XPress 5, RoboHelp, SD Trados Studio 2009, Teleport Pro, Windows 7 Professional, XBench, XLIFFEditor, Other CAT tool, Pagemaker, Passolo, Powerpoint, SDL TRADOS, SDLX, STAR Transit, Wordfast
Contribuciones en los foros 10 forum posts
URL de su página web http://www.metafrasi.it
CV/Resume inglés (PDF)
Events and training
Prácticas profesionales Metafrasi srl apoya ProZ.com's Directrices profesionales (v1.1).
Professional objectives
  • Meet new translation company clients
  • Meet new end/direct clients
  • Network with other language professionals
  • Find trusted individuals to outsource work to
Bio
With 26 years of experience in the translation industry and a number of specialist areas, including patents, technical manuals, pharmaceuticals, chemicals, and scientific texts, I have developed a strong command of patent/technical/scientific terminology and a keen eye for detail, accuracy, and consistency.

My specialist areas include:

* Patents * IT, HW & SW Translation & Localization * Engineering * Quality Manuals * Medical Devices * Networking * Material Safety Data Sheets - MSDS * Validation Protocols * User's Guides Patent Translations in (but not limited to)

- Applied Mechanics
- Biotechnology
- Chemical Engineering
- Computer Science
- Electronic Engineering
- Genetics
- Mechanical Engineering
- Molecular Science
- Pharmaceuticals
- Semiconductors Major end clients include:

Procter & Gamble, Pirelli Tyre, SD Microelectronics, Dyax Corp., Canadian Blood Services,
Gala Industries, Thrombotech Ltd, Invatec Technology Center GmbH, Medtronic Vascular Inc.
IT, Hardware & Software Translation & Localization Microsoft Press Italia
*Resource Kits:
- Windows 2000 Server
- Windows 2000 Professional
- SQL Server
*Programming:
- Inside Server-based Applications
- Visual C++
- COM+ Base Services
- ADO
- Inside SQL Server 2000 Programming
*Training Kits:
- Active Directory Services
- Active Server Pages (ASP)
- TCP/IP Core Networking
- Windows 2000 Professional
*Professional Training:
- Windows 2000 Professional Training
- Windows 2000 Server Training
*Administration Training:
- Windows 2000 Network Infrastructure Administration Training HP
*Technical Support Website:
- HP Support Knowledge Base
- All-in-One Technical Support
- Troubleshooting and FAQ Novell
*GroupWise Help File and Message Localization:
- GroupWise Client Help Translation
- GroupWise Agent Doc and Message
Translation

- Help Testing
- Unix Message Localization Commerce One
*Commerce One Website:
- JScript/ASP Engineering/Resizing
- JScript/ASP testing Dataviz
*DataViz Documents To Go Win/Mac:
- Palm Software Localization
- Desktop Software Localization (Win/Mac)
- RC/Messages/Installation Strings
- Help File Translation
- HTML Technical Support Translation E-Learning & Training Materials

Translation of e-learning and training materials for sales teams including
workbooks, DVDs, analysis of cultural differences, glossaries.

Major end clients include:

Samsung, RE/MAX, Fusion Associates. Engineering

Translation of technical manuals, user guides, specifications in electronics,
electricity, telecommunications, paper industry, car navigation systems, machine tools.

Major end clients include:

Alenia, Enel, Canon Printers, ENI, Creo Leaf, Neophone, Savi, Caldaie Sime,
Ansaldo, Epson, Omron, General Electrics, HP Printers, Toshiba, Pioneer Car Nav,
TomTom, Toyota Car Nav, Gilardoni, Breda, CNC, AVE, Vivisol, Sony, AirOne, Franke,
Ahlstrom, Allergan, Zucchetti, Unieuro, Leroy Merlin, Fiat, Rockwell, Acer.
Quality Manuals SOL GROUP SAECO International Group Hilton Hotels Medical Devices Alleanza Salute Italia Focus Medical Lasers Vitrolife Alteco Medicals Networking Phobos
*Phobos Networking Devices:
- Router/Switch/Load Balancing Tech Documents
- User Guide
- Reference Guide Netscalibur
*Netscalibur Connectivity Services:
- Connect Solution Tech Docs Unisys
*Executive Summaries:
- E-Payment SW Solutions
- Network Infrastructures
- Enterprise Server Technologies Material Safety Data Sheets - MSDS Air Liquide Dow AgroSciences Berryman Products GE Silicones Malco Consumer Products Loctite Corporation BOC Edwards Validation Protocols Sanofi Aventis Novartis Vaccines Chefaro Pharma Eurofins Biolab User's Guides Samsung Premier Digital Cameras IBM Dell Samtron VPR Matrix Sun Microsystems Amazilla PeterConnect Attendand IVR Epson Printers Pioneer Kuro Konica Minolta

----------------------------------------------------------------------------------------
Certified PROs.jpg

----------------------------------------------------------------------------------------


I work with SDL Trados Studio 2017----------------------------------------------------------------------------------------
Este miembro obtuvo puntos KudoZ al ayudar a otros traductores a traducir términos de nivel PRO. Haga clic en total(es) de puntos para ver los términos traducidos.

Total de ptos. obtenidos: 4485
Puntos de nivel PRO: 3035


Idiomas con más puntos (PRO)
inglés a italiano1708
italiano a inglés1069
español a inglés202
italiano20
inglés16
Puntos en 2 pares más >
Campos generales con más puntos (PRO)
Técnico/Ingeniería1597
Jurídico/Patentes337
Medicina280
Ciencias223
Negocios/Finanzas207
Puntos en 4 campos más >
Campos específicos con más puntos (PRO)
Varios108
Electrónica / Ing. elect.104
Mecánica / Ing. mecánica74
Química, Ciencias/Ing. quím.72
Derecho: contrato(s)69
Informática: Programas60
Derecho: (general)54
Puntos en 58 campos más >

Ver todos los puntos obtenidos >

This user has reported completing projects in the following job categories, language pairs, and fields.

Project History Summary
Total projects1
With client feedback0
Corroborated0
0 positive (0 entries)
positive0
neutral0
negative0

Job type
Translation1
Language pairs
italiano a inglés1
Specialty fields
TI (Tecnología de la información)1
Derecho: contrato(s)1
Informática: Programas1
Other fields
langexperts's Twitter updates
    Palabras clave: professional italian translator, italian, english, spanish, italian translator, trados, sdlx, english italian translator, translations italian, traduzioni inglese, graduate translator, metafrasi, italian translation, technical italian translator, english into italian, traduttrice, traduttore dall'inglese, traduzioni in inglese, traduzioni in americano, traduzioni dall'inglese, traduttore americano, traduzioni inglese italiano, traduzioni dall'inglese, traduzioni tecniche, technical translations, computer, telecommunications, telecomunicazioni, engineering, tecnico, elettronica, meccanica, costruzioni, automotive, patent, patents, brevetti, IT, informatica, medical, medicina, meccanica, medical, chimica, mechanics, electronics, chemistry, chemical, turismo, tourism, localization, localizzazione, Italy, Italia, trados, aiti, ata, stampanti, monitor, user guides, printers, electronic equipment, pda, appliances, palmari, elettrodomestici, manuali tecnici, technical manuals, digital cameras, air conditioning, air conditioners, fotocamere digitali, cellular phones, hardware, software, cd players, dvd players, mp3 players, standards, norme, direttive, manuali qualità, quality manuals, trados, Italian to English, English to Italian, professional, traduttore tecnico italiano inglese, madrelingua, metafrasi, sabrina, sabrina eskelson, eskelson, innovation, innovazione, invention, invenzione, open innovation, innovazione diffusa, travel and leisure, hotel, automotive, servizio di traduzione, servizio traduzioni, società traduzioni, tariffe traduzioni, traduzione inglese, traduzione inglese italiano, traduzione italiano, traduzione italiano inglese traduzioni, traduzioni documenti, traduzioni inglese, traduzioni inglese italiano, traduzioni professionali, traduzioni siti, traduzioni tecniche, localizzazione, transcreazione, traduzione tecnica, localizzazione di siti web, traduzione di siti web, traduzione manuali d'istruzione, dizionario francese, dizionario inglese, dizionario inglese italiano, dizionario inglese italiano traduzioni, dizionario italiano, dizionario italiano inglese, dizionario online, inglese, inglese italiano, italiano, tradurre italiano, traduttore, traduttore inglese, traduttore inglese italiano, traduttore italiano, traduttore online, traduttori, traduzione, traduzione da inglese a italiano, traduzione inglese, traduzione inglese italiano, traduzione italiano inglese, traduzione simultanea inglese italiano, traduzione testi inglese italiano, traduzioni, traduzioni da inglese a italiano, traduzioni da inglese italiano, traduzioni da italiano inglese, traduzioni dall inglese all italiano, traduzioni frasi inglese italiano online, traduzioni gratuite inglese italiano, traduzioni in inglese italiano, traduzioni inglese, traduzioni inglese italiano, traduzioni inglese, italiano frasi, traduzioni inglese italiano free, traduzioni inglese italiano google, traduzioni inglese italiano inglese, traduzioni inglese italiano on line, traduzioni inglese italiano online, traduzioni inglese italiano testi, traduzioni italiano inglese, traduzioni tecniche inglese italiano, traduzioni testo inglese italiano, traduttore brevetti, traduzioni brevetti, traduzione brevetti, traduttore brevetto, patent translator, patent translations english, patent translation italian




    Última actualización del perfil
    Sep 10, 2020