Idiomas de trabajo:
inglés a italiano
español a italiano
italiano a inglés

Emiliano Colella
Read, feel, then translate!

Hora local: 16:14 CEST (GMT+2)

Idioma materno: italiano Native in italiano
  • PayPal accepted
  • Send message through ProZ.com
Feedback from
clients and colleagues

on Willingness to Work Again info
No hay comentarios
Tipo de cuenta Traductor o intérprete autónomo
Data security Created by Evelio Clavel-Rosales This person has a SecurePRO™ card. Because this person is not a ProZ.com Plus subscriber, to view his or her SecurePRO™ card you must be a ProZ.com Business member or Plus subscriber.
Afiliaciones This person is not affiliated with any business or Blue Board record at ProZ.com.
Servicios Translation, Editing/proofreading, Website localization, Software localization, Subtitling, MT post-editing, Transcription, Training, Desktop publishing, Project management, Vendor management, Sales, Operations management
Especialización
Se especializa en
ArquitecturaInformática (general)
Cine, películas, TV, teatroInformática: Programas
Construcción / Ingeniería civilMecánica / Ing. mecánica
Internet, comercio-eIngeniería: industrial
Poesía y literaturaCiencias (general)

Tarifas
inglés a italiano - Tarifas: 0.05 - 0.10 EUR por palabra
español a italiano - Tarifas: 0.05 - 0.10 EUR por palabra
italiano a inglés - Tarifas: 0.05 - 0.10 EUR por palabra / 20 - 30 EUR por hora
Muestrario Muestras de traducción: 2
inglés a italiano: Organization’s success
General field: Ciencias sociales
Detailed field: Encuestas
Texto de origen - inglés
An organization’s success depends largely on its people, on talented individuals who apply a wide range of skills to help achieve organizational goals. The organizations that most effectively leverage their people are focused on assessing and differentiating talent so it can be effectively developed, engaged, and deployed. All talent is important, but not all talent is the same. High professionals, for instance, are those individuals who generally have deep technical expertise and are well suited to functional positions. They provide tremendous value to the organization, and their contribution is enhanced when they are developed, engaged, and deployed in particular ways. In contrast, high potentials are better suited for general management roles and benefit from different approaches to development, engagement, and deployment. The professional and potential dimensions are extremely important criteria on which to assess talent.
Traducción - italiano
Il successo di un'organizzazione dipende in gran parte dalla sua gente, dalle persone di talento che applicano una vasta gamma di competenze per contribuire al raggiungimento degli obiettivi organizzativi. Le organizzazioni che più efficacemente utilizzano il loro personale sono concentrate nella valutazione e nel differenziare il talento in modo che possa essere efficacemente sviluppato, impegnato ed impiegato. Ogni talento è importante, ma non tutti i talenti sono uguali. I professionisti di alto livello, ad esempio, sono quelle persone che in genere hanno una profonda competenza tecnica e ben si adattano alle posizioni funzionali. Essi forniscono un valore straordinario all'organizzazione, ed il loro contributo è rafforzato quando sono sviluppati, impegnati, ed impiegati in modo specifico. Al contrario, le persone con elevato potenziale sono più adatte per i ruoli di gestione generale e traggono beneficio da diversi approcci allo sviluppo, all'impegno ed all'impiego. Le dimensioni professionali e le potenzialità sono criteri estremamente importanti su cui valutare il talento.
inglés a italiano: Workers in the Dawn (by George Gissing) - Chapter II (excerpt)
General field: Arte/Literatura
Detailed field: Poesía y literatura
Texto de origen - inglés
CHAPTER II
THE RECTORY

Edward Norman had the good fortune, at a comparatively early age, to find himself comfortably established as incumbent of the parish of Bloomford, which comprised some five hundred inhabitants in all, and was delightfully situated in one of the pleasantest of the southern counties. The duties resulting from his position were, as may be imagined, not very arduous, and the compensation, from a purely sordid point of view -- that treasure upon earth which the clergy doubtless prize merely as a type of the heavenly treasure which will one day be theirs -- was far from doing discredit to those "pious ancestors" of the village, whose liberality, as in all such cases, it was pleasantly understood to represent. It would, however, have been a heart steeped to the very root in the poison of Democracy, Communism, and kindred evils which could have grudged Edward Norman his charming little rectory and the thousand a year which enabled him to keep it in repair, for, in very truth, it would have been difficult to find a clergyman of a sweeter disposition, a kindlier heart, a sunnier intellect than his. His very appearance enforced one to conceive towards him a mingled sentiment of affection and compassion; for though his eye was ever bright, his lofty forehead unwrinkled, his cheek ever answering with a warm flush to the affectionate impulses of his heart, yet the first glance showed you that the man was an invalid, that his days were in all probability numbered. His malady was consumption; it had made its first decided appearance when he came of age, and now that he was almost thirty-five he could entertain no hope of its relaxing the hold it had gained upon his constitution.

The rectory of Bloomford was situated on a gently sloping hill-side, about a quarter of a mile above the church. It was a picturesque old building, with a roof of red tiles and a multiplicity of chimneys and gables, with small latticed windows in the upper story, broad eaves beneath which endless birds made their nests, and, over all, a forest of ivy, so old that the stems were like the trunks of trees. Before the house lay a carefully-tended flower garden, behind it a kitchen garden and an orchard, all around which ran a crumbling brick wall, some six feet high, on the outside thickly overgrown with the abounding ivy, within kept clear for the training of peach and plum trees. Even now, at the end of November, it was by no means a dreary place, for its smallness always gave it a compact and comfortable air; while in the autumn evenings all the front windows would glow with the warm reflection of the setting sun, and the smoke from the high chimneys curl up in many-hued shapes which seemed to bespeak the homelike comfort within. As you viewed the house from the front, there was, indeed, an object which gave it an air of individuality as distinguished from any other pleasantly situated country house; this was a somewhat newly-built tower, mainly of glass, which constituted a modest observatory, containing a large telescope, which was one of the chief delights of the clergyman's existence. This tower he had had built immediately after his entering upon the living, not without considerable scandal in the neighbourhood, where Mr. Norman was in consequence at first regarded as a species of Dr. Faustus, with whom it might possibly be dangerous, notwithstanding the apparent soundness of his doctrine, to hold much connection. It had indeed been formally decided at a meeting of the Bloomford Ladies' Sewing Club: "That this club considers the study of astronomy to be a sinful prying into the mysteries of the Almighty, and consequently a wilful tempting of His displeasure; that this club is surprised and grieved that a clergyman of the Church of England should set such an example to the weaklings of his flock; and that this club do, in consequence, prepare a memorial on this subject, to be duly presented to the Rev. Mr. Norman on the earliest fitting opportunity." This resolution was written out, with the due emphasis, by the secretary of the club, but the memorial was never presented, owing, I believe, to the fact that the personal amiability of the reverend gentleman in a very short time succeeded in utterly disarming the suspicions of the fair inquisitors. At that time a large majority of the club were unmarried ladies, and it may not unreasonably be concluded that the fact of Mr. Norman being then a bachelor of twenty-four had an appreciable influence in weakening their zeal for the preservation of the Creator's privacy. This had been some ten years since, and at present the only memorial of those early prejudices existed in the person of a poor old woman of the village, who, having gone harmlessly crazy just at the time when the rector's presumption had been the great topic of conversation, still never failed to pass him without asking, with a respectful curtesy -- "What's the latest news from heaven, my lord?"

The respectable subscribers to our circulating libraries would not owe me much thanks were I to describe in detail the oft-treated history of a clergyman's search among his fair parishioners for a suitable partner of his cares, or, perhaps I should say, the hot competition among the latter for the possession of the dearly-coveted honour, the position of a parson's wife. Without unnecessary amplitude of description, therefore, I shall content myself with saying that, before Edward Norman had been a year in his cure, the lot had been drawn, and the happy maid had received her prize; nor could the most envious assert that in choosing Helen Burton for his bride, the clergyman had laid himself open to imputations on his taste or his generosity. Helen had long been, undisputedly, the village beauty, but so humble was her social position that not one of the damsels who boasted of their place in the aristocracy of the district had for a moment dreamed of her as a rival. She was nothing more than the daughter of the principal tailor in Bloomford, but her father was a man of the strictest integrity, even of some intellectual pretensions, and universally respected by all who were so unfortunate as to be tainted with the modern heresy that money does not make the man. Helen had, thanks to this worthy man's care, received an education which would compare very favourably indeed even with that possessed by the daughters of Sir Bedford Lamb, one of the members for the county, whose seat was only some two miles distant from Bloomford. It was indeed then to the astonishment of all, but to the scandalisation -- and that affected -- of only the few, that Helen Burton had become Mrs. Norman.

Edward Norman loved his wife devotedly, passionately. Upon her he lavished all the treasures of his dreamy, sentimental, poetical temperament. From his first sight of her she had become the goddess of his thought, the centre of every hope and longing which shed its fragrance upon his calm, contemplative life; and when at length these aspirations were fulfilled, and she had become the goddess of his hearth, the man felt as if life had nothing more to give him. But from the very exuberance of its bounty towards him did life become more than ever dear, and this in face of the fact that it was gradually, hopelessly slipping away from him. But sometimes again this very hopelessness bred within him a refinement of delight to which a healthier man could scarcely have attained. As, during the early months of their marriage, he often sat through the long summer evenings in the quietness of his study, holding Helen's hand within his own, and both together gazing westwards on the melting glories of the sunset, he felt that to gradually sink into his grave cared for at every moment by this angel whom Fate had sent to bless him, and drink in the ever-deepening fervour of her love as she felt him passing from her side, to hold, when all was over, for ever a sacred place in so pure a mind -- at times he felt that these were delights far superior to the possession of the most robust health and hopes of the longest life. To be sure there was a tinge of refined selfishness in this; but that was a part of his nature. And what purest affection is without it?

But in these hopes he had deceived himself. Before his bliss had lasted for a year it seemed about to be crowned by the birth of a child. The child -- a girl -- was indeed born, but at the expense of its mother's life.

Edward Norman's grief was sacred even to the impertinence of village gossip. When, a few weeks after, a beer-muddled rustic happened to stray late at night in the neighbourhood of the churchyard, and next morning spread the report among his fellow-yokels that he had seen a ghost by the new grave stretching up its arms in the moonlight, his story did not attract much comment, for the hearts of the humblest, which, after all, are human, whispered that the agony of a husband over a young wife's tomb was not a subject for trivial chatter.

But when the period of more or less lachrymose sympathy had waned with the rector's first year of bereavement, other thoughts began once more to spring in the young female mind of Bloomford. If Mr. Norman had been interesting before, how infinitely more so had he now become. The movement for a fresh attack upon his sensibilities took first of all the ominous form of sympathy for his child, poor little Helen. What a shocking thing it was that the little darling -- such an absolute little angel -- had no mother to care for it. How was it possible that it should be sufficiently tended by the hired nurse-girl, even though overseered by the rector's housekeeper, Mrs. Cope, a worthy old lady who had watched Edward Norman's own cradle, and, shortly after his wife's death, had gladly complied with his written request that she would undertake the guidance of his household? Of course, such a state of affairs was absolutely contrary to the nature of things -- it might even be said to the divine law; for it should be noted that these ladies, who had once been shocked at the clergyman's astronomical studies, were anything but backward in interpreting the thoughts and the wishes of Providence when it suited them to do so. But then arose the question among the more serious as to whether a clergyman could, consistently with his sacred office, take unto himself a second fleshly comforter. The younger maidens firmly maintained that there was nothing shocking in such a course, and to such an extent did their views preponderate that when, by chance, an inoffensive damsel of sixty summers, whose turn it was to read aloud for an evening to the Bloomford Ladies' Mutual Improvement Society (a recent development of the Sewing-Club before-mentioned) came, in the "Vicar of Wakefield," to those unfortunate sentiments of Dr. Primrose on the very question at issue, she was forthwith stopped by a chorus of dissentients, and the book was no more read aloud in the Society; it being whispered by one or two members, that, after all, Goldsmith did not display that delicacy of conception necessary in one whose works are to be fitted for mutual improvement.

Whether Mr. Norman was aware of this and the like matters it would not be easy to say; in all probability not. His life became every day more solitary and secluded; to such an extent, indeed, as to give rise to the remonstrances of his more sensible friends. As his wont was, he listened with amiability to all who found an opportunity of addressing him, but without the slightest effect upon his conduct.

By nature little disposed to social life, he now lived more and more in the company of his books and his thoughts. His grief had, of course, calmed as time wore on; had become, indeed, somewhat of a quiet pleasure, finding its expression in long hours of reverie wherein his thoughts were busiest with multiplying idealisations of his dead wife, and of the bliss he had enjoyed with her; or, at other times, in looking forward to the day when little Helen would revive her mother's loveliness in the full blush of womanhood, and wondering whether he would live to see it.

Under such circumstances, he was rather glad to avail himself of the popular sympathy in order to provide a pretext for his much-loved retirement. His health was another, and a real cause for abstinence from too active exertions. His malady progressed, very slowly but perceptibly, and, some five years after his wife's death, a special illness rendered it absolutely necessary that he should have the benefit of a change of air. He accordingly obtained leave of absence from his duties, and passed rather more than a month in the south of France. It was immediately after his return to Bloomford that a letter from Golding came to his hand, resulting in his sudden visit to London, the circumstances of which have been detailed in the last chapter.

Three days after this, Edward Norman was sitting at breakfast in the little morning-room which looked northwards, upon what was in summer the pleasantest part of the garden -- a fair lawn, bordered with flower-beds, and enclosed with thick growths of laburnum. The room itself was light and cheerful, the choice and arrangement of its ornaments remaining still a sacred memorial of the taste of its former mistress. Everything bespoke the utmost elegance and refinement in him who now alone used the room, impressing the beholder with ideas fully borne out by the appearance of the clergyman himself.

He was sitting in an arm-chair by the fireside, a small low table bearing the tray which held his simple breakfast. He wore a handsome dressing-gown closely folded around him, from beneath the bottom of which appeared a pair of spotless woollen slippers. A newspaper lay on the table, which had apparently not yet been opened, but an exquisite little copy of Horace formed his companion at breakfast instead, which he perused with a languid pleasure through his gold-rimmed eyeglasses.

It did not, however, seem to engross his attention, for his eyes frequently wandered to the windows and looked out upon the rays of faint sunlight which, struggling through ominous clouds, fell athwart the lawn and upon the leafless laburnums. At one of these glances his face suddenly assumed a look of keener interest. This was caused by the sight of two children, a little girl, perhaps eight years old, with a face of delicate prettiness, and dressed in a handsome little winter costume which became her wonderfully, and by her side a boy, in appearance much older, though in reality about the same age. The clothing had undergone a reformation; but the handsome, pale, attenuated features, and the curling yellow hair were evidently those of poor Golding's child. He seemed to follow his graceful little companion with reluctance, scarcely ever raising his eyes to look at the objects around him, but keeping them bent upon the grass.

The expression on his face was sorrowful in the extreme; tears seemed momentarily about to start from his eyes. The remarks which the little girl addressed to him he seemed not to understand; at all events, he scarcely attempted to answer them. The two were not quite alone, but were followed at the distance of a few yards by a cheerful-looking middle-aged woman, who knitted as she walked, casting each moment curious glances at the children in front of her. This was Mrs. Cope, the rector's worthy housekeeper. In her cheeks still lived much of the bloom which had made her not a little admired, when, as a country maiden of sixteen, she had been called to act as handmaid of Edward Norman himself, then aged one year.

Mrs. Cope was now a widow, and among the most active of the plotters against Mr. Norman's peace in Bloomford there were not a few who looked with a jealous eye upon this lady. If the rector had begun by marrying a tailor's daughter, who could guarantee that he would not once more bid defiance to the world by taking to wife his housekeeper? The more prudish even whispered that it really was not very delicate in Mr. Norman to permit the residence in his ladyless house of a "female" of Mrs. Cope's years and appearance.

The rector's eyes were still fixed upon the figures on the lawn, when a sudden ring at the door-bell announced the arrival of a visitor. A moment after a servant tapped at the door, and proclaimed -- "Mr. Whiffle."
Traducción - italiano
CAPITOLO II
IL RETTORATO

Edward Norman ebbe la fortuna, in età relativamente precoce, di ritrovarsi comodamente affermato come responsabile della parrocchia di Bloomford, che comprendeva circa cinquecento abitanti, ed era piacevolmente situata in una delle più incantevoli contee meridionali. I doveri derivanti dalla sua posizione erano, come si può immaginare, non molto ardui, ed il compenso, da un punto di vista puramente venale - quel tesoro sulla terra che il clero senza dubbio apprezza semplicemente come una sorta di tesoro celeste che uno giorno sarà loro - era ben lungi dal dare discredito a quei "pii antenati" del villaggio, la cui liberalità, come in tutti questi casi, era stato piacevolmente chiamato a rappresentare. Sarebbe stato, tuttavia, un cuore intriso fino alla radice dal veleno della democrazia, del comunismo, e di mali affini che avrebbero potuto generare il risentimento ad Edward Norman della sua piccola e affascinante canonica ed i mille all'anno che gli permettevano di tenerla al riparo, poiché, in verità, sarebbe stato difficile trovare un sacerdote di più gentile predisposizione, di cuore più buono, d’intelletto più vivo del suo. Il suo aspetto invogliava a concepire verso di lui un sentimento misto di affetto e di compassione, perché anche se il suo occhio era brillante, la sua alta fronte senza rughe, la sua guancia mostrava sempre con un filo caldo affettuoso gli impulsi del suo cuore, il primo sguardo mostrava che l'uomo era invalido, e che i suoi giorni erano probabilmente contati numerati. La sua malattia era la tisi; aveva fatto la sua prima comparsa nella prima maturità, ed ora che aveva quasi trentacinque anni non poteva nutrire alcuna speranza che la malattia allentasse la presa che aveva imposto alla sua costituzione fisica.

Il rettorato di Bloomford era situato su una collina leggermente in pendenza, a circa un quarto di miglio dalla chiesa più in basso. Era un vecchio e pittoresco edificio, con un tetto di tegole rosse ed una serie di camini e abbaini, con piccole finestre munite di grata al piano superiore, con un'ampia gronda sotto la quale moltissimi uccelli facevano i loro nidi e, soprattutto, con una folta selva di edera, così vecchia che i gambi erano come i tronchi degli alberi. Davanti alla casa c'era un giardino fiorito e ben curato, dietro di essa un orto ed un frutteto, intorno al quale correva un muro di mattoni in rovina, alto circa sei piedi, all'esterno la casa era ricoperta fittamente d’edera, mentre il cortile era mantenuto libero per la crescita degli alberi di pesco e di susini. Anche ora, alla fine di novembre, non era affatto un posto triste, già che, per la sua piccolezza, aveva sempre un aspetto compatto e confortevole; nelle sere d'autunno tutte le finestre anteriori brillavano per il riflesso caldo del sole al tramonto, ed il fumo degli alti camini rannicchiandosi in molteplici forme multicolori sembrava rivelare l’ambiente accogliente all'interno della casa. Osservando la casa sul davanti si notava un oggetto che gli dava un'aria particolare, diversa da qualsiasi altra casa dei dintorni, in questa felice posizione; si trattava di una torre di nuova costruzione, per la maggior parte fatta di vetro, che fungeva da modesto osservatorio e conteneva un grande telescopio, che era uno dei principali piaceri del pastore. Egli aveva fatto costruire la torre subito dopo il suo arrivo in paese, non senza un certo scandalo nel vicinato, dove Norman fu di conseguenza ed in un primo momento considerato come una specie di Dottor Faust, con il quale poteva essere pericoloso, nonostante l’apparente solidità della sua dottrina, mantenere un rapporto. Era stato infatti formalmente deciso, in una riunione del Bloomford Ladies' Sewing Club: "che questo club ritiene lo studio dell'astronomia un ficcare il naso peccaminoso nei misteri dell'Onnipotente, e di conseguenza una caparbia attrazione del Suo dispiacere; che questo club è sorpreso e rattristato che un sacerdote della Chiesa d'Inghilterra possa dare un tale esempio ai più deboli del suo gregge; e che questo club, di conseguenza, intende preparare una memoria su questo argomento, affinché sia debitamente presentato al Rev. Norman alla prima opportuna occasione".
Questa risoluzione fu scritta, con dovuta enfasi, dalla segretaria del club, ma il memoriale non fu mai presentato, a causa, credo, del fatto che, in brevissimo tempo, l'amabilità personale del reverendo riuscì a disarmare completamente i sospetti delle giuste inquisitrici. A quel tempo la grande maggioranza del club era formata da signore nubili, e non è irragionevole concludere che il fatto di essere Mr. Norman uno scapolo di ventiquattro anni aveva un'apprezzabile importanza nell'indebolire il loro zelo nel preservare la riservatezza del Creatore. Questa era accaduto circa una decina di anni prima, e al momento la sola memoria di quei pregiudizi iniziali esistevano soltanto nella persona di una povera vecchia signora del paese, che, essendo diventata una innocua demente proprio nei tempi in cui il sospetto sul rettore era stato il grande tema della conversazione, ora non mancava mai, incontrandolo, a chiedergli, con rispettosa cortesia -- "Quali sono le ultime notizie dal paradiso, mio signore?"

I rispettabili abbonati alle nostre biblioteche ambulanti non avranno molto da ringraziarmi se dovrò descrivere in dettaglio la storia, così spesso trattata, della ricerca di un sacerdote, tra le sue buone parrocchiane, di una partner adeguata che avesse cura di lui, o forse dovrei dire, della fremente competizione tra le stesse parrocchiane per il possesso di un premio così ambito: essere la moglie di un pastore. Senza dilungarmi molto nelle descrizioni, mi limiterò a dire che, prima di aver completato un anno nel suo curato, Edward Norman aveva fatto la sua scelta, e la felice fanciulla aveva ricevuto il suo premio; e le più invidiose non potettero sostenere che nella scelta di Helen Burton come sposa, il sacerdote non avesse evitato ogni imputazione al suo gusto oppure alla sua generosità. Helen era stata a lungo, indiscutibilmente, la bellezza del villaggio, ma la sua posizione sociale era così umile che nessuna delle damigelle, vanitose del loro posto nell'aristocrazia del distretto, aveva per un attimo pensato a lei come ad una rivale. Era solo la figlia del primo sarto di Bloomford, ma suo padre era un uomo della più rigorosa integrità, con qualche pretesa intellettuale, ed universalmente rispettato da tutti quelli che erano così sfortunati da essere contaminati dalla moderna eresia che i soldi non fanno l’uomo. Helen aveva ricevuto, grazie alle cure di quest'uomo valente, un’educazione che poteva essere paragonata molto favorevolmente anche con quella delle figlie di Sir Bedford Lamb, uno dei membri della contea, la cui sede era solo a due miglia da Bloomford. Era naturalmente per lo stupore di tutti, ma per lo scandalo di pochi, che Helen Burton fosse diventata la signora Norman.

Edward Norman amava sua moglie con devozione, appassionatamente. Egli diffondeva su di lei tutti i tesori del suo sognante, sentimentale, temperamento poetico. Dal primo sguardo su di lei, era diventata la dea dei suoi pensieri, il centro di ogni speranza e desiderio che versava la sua fragranza sulla sua tranquilla vita contemplativa; e quando finalmente queste aspirazioni furono soddisfatte, e lei divenne la dea del suo focolare, l'uomo sentì come se la vita non avesse più nulla da dargli. Ma l'esuberanza della sua generosità verso di lui gli rese la vita più cara che mai, e questo a dispetto del fatto che la vita gli stava, poco a poco, scivolando via, irrimediabilmente lontana. Ma a volte anche questa disperazione alimentava in lui una gioia tanto profonda che un uomo sano a stento avrebbe raggiunto. Nei primi mesi del loro matrimonio egli sedeva spesso, nelle lunghe serate estive, nella quiete del suo studio, tenendo la mano di Helen tra le sue, e guardando insieme verso ovest alla gloria del sole rosso del tramonto, egli sentiva che, affondando poco a poco nella sua tomba, curato in ogni momento da questo angelo che il Fato gli aveva mandato, si immergeva nel fervore sempre più profondo del suo amore come se lei lo sentisse passare dalla sua parte, per conservare, quando tutto fosse finito, per sempre un luogo sacro in una mente così pura - a volte sentiva che tali delizie erano di gran lunga superiori al possesso di una più robusta salute ed alle speranze di una vita più lunga. A dire il vero in questo c'era un pizzico di raffinato egoismo, che era parte della sua natura. Ma quale affetto, anche il più puro, è privo di egoismo?

Ma in queste speranze si era ingannato. Prima che la sua beatitudine fosse durata un anno sembrò sul punto di essere coronata dalla nascita di un bambino. Il figlio - una bambina - era davvero nata, ma a scapito della vita di sua madre.

Il dolore Edward Norman era sacro, anche per l'impertinenza dei pettegolezzi del villaggio. Quando, poche settimane dopo, un contadino, ubriaco di birra, si allontanò a tarda notte nei pressi del cimitero, e la mattina dopo si diffuse il racconto, tra i suoi compagni bifolchi, che egli aveva visto un fantasma stendere le sue braccia dalla nuova tomba al chiarore della luna, la sua storia non attirò molti commenti, perché il cuore dei più umili, che, dopo tutto, sono esseri umani, sussurrava che l'agonia di un marito sulla tomba di una giovane moglie non era un soggetto di chiacchiere banali.

Ma quando il periodo di compassione, più o meno lacrimoso, era svanito con il primo anno di lutto del rettore, altri pensieri ricominciarono a sorgere nella giovane mente femminile di Bloomford. Se il signor Norman era stato interessante prima, ora lo era diventato infinitamente di più. Il movimento per un nuovo attacco alla sua sensibilità prese, prima di tutto, la forma inquietante della compassione per sua figlia, la povera piccola Helen. Che cosa scioccante era che il piccolo tesoro - un così piccolo vero angelo - non avesse madre a prendersene cura. Come era possibile che fosse sufficientemente curata dalla giovane infermiera assunta, anche se guidata dalla governante del rettore, la signora Cope, una matura e degna signora che aveva vegliato proprio la culla di Edward Norman, e, poco dopo la morte della moglie, aveva volentieri rispettato la sua richiesta scritta di assumersi l'incarico della conduzione della sua casa? Naturalmente, un tale stato di fatto era assolutamente contrario alla natura delle cose - si potrebbe anche dire alla legge divina; perché va ricordato che queste signore, che un tempo era state sconvolte dagli studi astronomici del pastore, erano tutt'altro che indietro nell'interpretare i pensieri ed i desideri della Provvidenza quando gli faceva comodo farlo. Ma poi sorse la questione, tra le più serie, se un sacerdote potesse, in coerenza con il suo ufficio sacro, prendere per se un secondo conforto carnale. Le fanciulle più giovani sostenevano fermamente che non c'era nulla di scioccante in questa serie di eventi, ed era tanto preponderante il loro parere che quando, per caso, una inoffensiva donzella di sessanta primavere, arrivò al suo turno di lettura ad alta voce in una serata al Bloomford Ladies' Mutual Improvement Society (un recente sviluppo del Sewing-Club prima citato), nel "Vicariato di Wakefield," a quei sentimenti sfortunati del dottor Primrose sulla vera questione, fu immediatamente fermata da un coro di dissenzienti, e il libro non fu più letto ad alta voce nella Society; essendo sussurrato da uno o due membri, che, dopo tutto, Goldsmith non mostrava quella delicatezza di concepimento necessaria in una le cui opere dovevano essere destinate al miglioramento reciproco.

Se il signor Norman fosse consapevole di questo e cose simili non sarebbe stato facile dirlo; con molta probabilità no. La sua vita divenne ogni giorno più solitaria e appartata; a tal punto, naturalmente, da far sorgere le rimostranze dei suoi amici più ragionevoli. Com'era sua abitudine, ascoltava amabilmente tutti quelli che trovavano un'opportunità di rivolgersi a lui, ma senza il minimo effetto sulla sua condotta.

Per natura poco disposto alla vita sociale, viveva ora sempre più in compagnia dei suoi libri e dei suoi pensieri. Il suo dolore era, naturalmente, diminuito con il passare del tempo; era diventato, infatti, una specie di tranquillo piacere, trovando la sua espressione in lunghe ore di reverie [sogno ad occhi aperti] in cui i suoi pensieri erano impegnati nel moltiplicare le idealizzazioni della sua defunta moglie, e della beatitudine di cui aveva gioito con lei; o, altre volte, guardando nel futuro il giorno in cui la piccola Helen avrebbe fatto rivivere la bellezza di sua madre nel pieno fiore della maturità femminile, e chiedendosi se sarebbe vissuto abbastanza per vedere quel giorno.

In tali circostanze, era piuttosto felice di avvalersi della simpatia popolare al fine di fornire un pretesto per il suo amato pensionamento. La sua salute ne era un altro, e un motivo reale per l'astinenza da sforzi troppo attivi. La sua malattia progrediva, molto lentamente ma percettibilmente, e, circa cinque anni dopo la morte della moglie, una particolare malattia rese assolutamente necessario che dovesse avere il beneficio di un cambiamento d'aria. Egli quindi ottenne il permesso di assentarsi dalle sue funzioni, e trascorse un pò più di un mese nel sud della Francia. Fu subito dopo il suo ritorno a Bloomford che una lettera da Golding gli giunse tra le mani, determinando la sua improvvisa visita a Londra, le cui circostanze sono state descritte nel capitolo precedente.

Tre giorni dopo, Edward Norman era seduto per colazione nella piccola sala [morning-room] che guardava a nord, sul lato che era, in estate, la parte più piacevole del giardino -- un bel prato, bordato di aiuole, e circondato da una spessa siepe di laburnum [maggiociondolo]. La stanza in sé era semplice e allegra, la scelta e la disposizione dei suoi ornamenti rimanevano ancora un sacro ricordo del gusto della sua amata. Ogni cosa mostrava il massimo per eleganza e raffinatezza in colui che ora, solo, usava la stanza, impressionando lo spettatore con le idee pienamente confermate dalla comparsa dello stesso sacerdote.

Egli era seduto in una poltrona accanto al fuoco, su un tavolino basso era appoggiato il vassoio che conteneva la sua semplice colazione. Indossava una bella vestaglia strettamente avvolta intorno a lui, dal di sotto della quale si vedevano un paio di pulitissime pantofole di lana. Un giornale giaceva sul tavolo, che apparentemente non era ancora stato aperto, ma una piccola copia squisita di Orazio era invece la sua compagna a colazione, che egli esaminava con un languido piacere attraverso i suoi occhiali bordati d'oro.

Non sembrava, tuttavia, assorbire pienamente la sua attenzione, perché i suoi occhi vagavano frequentemente alle finestre e guardavano i tenui raggi del sole che, alle prese con nuvole minacciose, cadevano attraverso il prato e sui laburnum senza foglie. In uno di questi sguardi improvvisamente il suo volto assunse un aspetto del più vivo interesse. Questo era causato dalla vista di due ragazzi, una bambina, forse di otto anni, con un grazioso e delicato volto, e vestita con un bel vestito invernale che le stava meravigliosamente, e al suo fianco un ragazzo, in apparenza più grande, anche se in realtà quasi della stessa età. L'abbigliamento aveva subito un restauro; ma il bell'aspetto, pallido, morbido, ed i capelli biondi e ricci erano evidentemente quelli del povero figlio di Golding. Sembrava seguire la sua graziosa compagna con riluttanza, alzando raramente gli occhi per guardare gli oggetti intorno a lui, ma mantenendoli rivolti sull'erba.

L'espressione del suo viso era molto triste; sembrava come se le lacrime volessero, da un momento all'altro, uscire dai suoi occhi. Egli sembrava non capire le osservazioni che la bambina gli indirizzava; ogni volta, tentava appena di rispondere. I due non erano soli, ma erano seguiti a distanza di poche iarde [metri] da un'allegra donna di mezz'età, che faceva la maglia camminando, gettando a tratti sguardi curiosi ai ragazzi di fronte a lei. Questa era la signora Cope, la degna governante del rettore. Nelle sue guance riviveva ancora gran parte del fior di bellezza che l'aveva fatta ammirare non poco, quando, fanciulla di paese sedicenne, era stata chiamata ad operare come ancella dello stesso Edward Norman, che aveva allora un anno.

La signora Cope ora era vedova, e tra le più attive cospiratrici contro la pace del signor Norman a Bloomford non erano poche quelle che guardavano con occhio geloso questa signora. Se il rettore aveva iniziato sposando la figlia di un sarto, chi poteva garantire che non avrebbe ancora una volta sfidato il mondo prendendo in moglie la sua governante? La più pudica sussurrava perfino che, in realtà, non era molto delicato per il signor Norman consentire la residenza, nella sua casa senza una moglie, di una "femmina" con gli anni e l'aspetto della signora Cope.

Il rettore aveva gli occhi ancora fissi sulle figure del prato, quando un improvviso squillo del campanello annunciò l'arrivo di un visitatore. Un momento dopo un domestico bussò alla porta, e annunciò -- "il signor Whiffle".

Formación en el ámbito de la traducción Bachelor's degree - English Language and Literature
Experiencia Años de experiencia: 40 Registrado en ProZ.com: May 2011
ProZ.com Certified PRO certificate(s) N/A
Credenciales inglés a italiano (Italy - UNICH)
Miembro de N/A
Software Across, Adobe Acrobat, Adobe Illustrator, Alchemy Publisher, AutoCAD, Catalyst, DejaVu, Dreamweaver, Frontpage, J-CAT, Microsoft Excel, Microsoft Office Pro, Microsoft Word, Multicorpora, OmegaT, Rhinoceros, SolidWorks, ProEngineer (CAD), Pagemaker, Powerpoint, SDL TRADOS, STAR Transit, Wordfast
URL de su página web http://alteregopescara.wordpress.com
Bio
No se especificó un contenido


Última actualización del perfil
Apr 13, 2018






Your current localization setting

español

Select a language

All of ProZ.com
  • All of ProZ.com
  • Búsqueda de términos
  • Trabajos
  • Foros
  • Multiple search